Murgia
Murgia
Attualità

Cnapi, Coldiretti fa appello ad ANCI: «Forte partecipazione a tutela del patrimonio»

Chiesto incontro urgente a Decaro e Vitto per tutte le osservazioni nel merito

Coldiretti Puglia e l'associazione ambientalista Terranostra lanciano l'appello all'Anci per scongiurare che il deposito nucleare venga realizzato tra il Parco nazionale dell'Alta Murgia e il Parco regionale delle Gravine, due siti di straordinario valore naturalistico, ambientale e paesaggistico, con evidenti effetti negativi sull'economia e il lavoro.

Per questo la Coldiretti regionale e Terranostra Puglia hanno chiesto un incontro urgente al Sindaco della Città Metropolitana di Bari Antonio Decaro, presidente di Anci nazionale e al presidente di ANCI Puglia Domenico Vitto, per tutte le osservazioni nel merito che dovranno essere presentate entro il 6 marzo 2021, entro 60 giorni dalla pubblicazione della carta dei siti potenzialmente idonei che ha individuato l'area di Gravina in Puglia in provincia di Bari, insieme ai comuni di Altamura (in provincia di Bari) e Laterza (in provincia di Taranto) in condivisione con Matera in Basilicata tra i siti potenzialmente idonei.

«Il Parco Terra delle Gravine in cui si trova Laterza è una delle più importanti aree naturalistiche d'Europa, costituita da grandi canyon carsici intorno all'Arco Ionico del Golfo di Taranto. Si tratta di un'area dalla notevole valenza naturalistica e paesaggistica, dove il settore agroalimentare produce formaggi, olio extravergine, vino, grano e il famoso pane di Laterza», afferma il presidente di Coldiretti Puglia, Savino Muraglia.

«Le aree individuate dal CNAPI si trovano in zone SIC, ZSC e ZPS e proprio nel Parco nazionale dell'Alta Murgia e nel Parco regionale delle Gravine le attività agroalimentari e agrituristiche possono considerarsi – insiste Filippo De Miccolis Angelini, presidente di Terranostra Puglia - tra quelle di maggiore rilevanza economica dell'area distrettuale murgiana che abbraccia la Puglia e la Basilicata con agricoltori eroici che si impegnano quotidianamente a tutelare l'ambiente e il paesaggio».

«A 17 anni dalla protesta a Scanzano Jonico proprio per dire 'no' alla costruzione del sito di scorie nucleari che ci coinvolse per settimane, si sta ripetendo lo stesso copione, senza rendersi conto dei gravi danni arrecati a territori che vivono di ambiente, di agricoltura e di turismo sia in Puglia che in Basilicata», conclude De Miccolis.

È concentrato nell'area distrettuale pugliese del Parco dell'Alta Murgia il 31,6% degli addetti alle imprese lattiero-casearie della Puglia e in quella materana il 21,7% di quelli lucani. Lungo la filiera agroalimentare – aggiunge Coldiretti Puglia - operano 6.298 agricole, 127 di trasformazione, mentre gli addetti sono valutabili in circa 5000 unità, di cui 3000 circa operano nelle fasi agricole, 1000 nella fase industriale e 1000 nella fase terziaria della filiera lattiero-casearia.

Coldiretti e Terranostra della Puglia chiedono una presa di coscienza e una forte partecipazione al tema, dopo le gravi vertenze ambientali che affliggono il territorio pugliese dall'ILVA di Taranto alla centrale Enel di Cerano, dalla invasione di foreste di pali eolici alle ecomafie, "problemi" che condizionano non solo il reddito e lo sviluppo dell'agroalimentare e del turismo, ma pregiudicano la vita stessa dell'individuo.

L'allarme globale provocato dal Coronavirus – aggiunge Coldiretti Puglia - ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico rappresentato dal cibo e dalle necessarie garanzie di qualità e sicurezza che vanno difese e valorizzate per difendere la sovranità alimentare, ridurre la dipendenza dall'estero e creare nuovi posti di lavoro.

La Puglia può contare su 623 specie autoctone vegetali a rischio di estinzione, 276 prodotti riconosciuti tradizionali dal MIPAF, 11 prodotti DOP, 9 IGP e 29 vini DOC e 6 IGP, in una regione come la Puglia in prima linea per l'agricoltura green, dove deve essere rispettato e tutelato – conclude Coldiretti Puglia - il territorio, garantendo la sicurezza alimentare e ambientale ai cittadini-consumatori.
  • Coldiretti
  • Nucleare
Altri contenuti a tema
Puglia zona arancione: -750milioni di euro di fatturato per bar e ristoranti Puglia zona arancione: -750milioni di euro di fatturato per bar e ristoranti Coldiretti: «Serve robusta iniziazione di liquidità e sostegno al lavoro»
«Carburante agricolo agevolato e semplificato», la richiesta di Coldiretti alla Regione «Carburante agricolo agevolato e semplificato», la richiesta di Coldiretti alla Regione Emergenza Covid e maltempo aggravano i costi per il comparto
Allarme inquinamento, Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Allarme inquinamento, Coldiretti Puglia: «Con fondi UE creare foreste urbane» Le province pugliesi nella classifica delle città con il tasso di mortalità da particolato fine
Sempre più giovani alla guida di imprese agricole, «Sostegno per idee green» Sempre più giovani alla guida di imprese agricole, «Sostegno per idee green» Coldiretti Giovani Impresa Puglia discute di fondi strutturali e Next Generation EU con gli assessori Delli Noci e Pentassuglia
Scorie radioattive in Puglia, oggi il punto sulle azioni messe in campo Scorie radioattive in Puglia, oggi il punto sulle azioni messe in campo Convocata seduta congiunta della IV e V commissione consiliare con l'assessore Maraschio
Deposito di scorie nucleari, Piarulli (M5S): «Bene l'istituzione della task force regionale» Deposito di scorie nucleari, Piarulli (M5S): «Bene l'istituzione della task force regionale» La senatrice coratina in prima linea per evitare che la scelta ricada sulla Puglia
Deposito scorie nucleari, istituita task force regionale Deposito scorie nucleari, istituita task force regionale Dovrà definire la strategia comune e fornire supporto tecnico ai Comuni interessati
Zona arancione, crack da 750milioni per ristorazione e agroalimentare Zona arancione, crack da 750milioni per ristorazione e agroalimentare L'analisi di Coldiretti Puglia sulle conseguenze delle restrizioni
© 2016-2021 CoratoViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.