Coldiretti
Coldiretti
Territorio

Coldiretti Puglia: «Con guerra e globalizzazione circa 200 malattie di origine alimentare»

L'analisi del mercato e dei prodotti fa emergere un quadro critico. La denuncia di produttori e consumatori

Per effetto del conflitto in Ucraina e della globalizzazione, sta crescendo la minaccia di rischi alimentari in tutto il mondo: è quanto emerge dall'analisi di Coldiretti Puglia, in occasione della quarta Giornata mondiale della sicurezza degli alimenti dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Alimentazione e l'Agricoltura (FAO) che si festeggia il 7 giugno.

«Si tratta di prodotti che spesso vengono proposti sui banchi di vendita come se fossero Made in Italy, dove oltre alla concorrenza sleale si profila un grave danno per gli agricoltori e per la salute dei consumatori. Si tratta di una competizione inaccettabile con i prodotti simbolo della Puglia, dalle olive alle melegrane, dal peperoncino ai legumi, dagli ortaggi alla frutta, in una regione che, secondo i dati ISMEA, è prima in Italia per la coltivazione di ortive, seconda per frutteti, terza per i legumi» è la denuncia di Savino Muraglia, presidente Coldiretti Puglia.

Attualmente sono già scattati otto allarmi alimentari su dieci a causa di cibi provenienti dall'estero. In Puglia arrivano prodotti come grano, ciliegie, carciofi e uva da tavola da diversi Paesi europei e non, e questo alza i rischi legati al trasporto e ai diversi parametri di produzione con l'utilizzo di sostanze vietate in Italia.

Secondo l'analisi di Coldiretti, la maggioranza dei cittadini ritiene sia inutile imporre alle imprese locali leggi sempre più severe se poi si consente a imprese o a interi settori produttivi esteri di invadere il mercato italiano con prezzi stracciati, magari sfruttando il ricorso a lavoro semischiavistico o minorile o, anche, a produzioni senza rispetto dei criteri di sostenibilità ambientale

«Occorre garantire che le importazioni di prodotti da paesi terzi rispettino gli stessi standard sociali, sanitari e ambientali delle produzioni italiane ed europee» ha concluso Coldiretti.
  • Coldiretti
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
La Puglia perde le sue campagne, l'allarme di Coldiretti La Puglia perde le sue campagne, l'allarme di Coldiretti L'associazione: «In un anno registrata una perdita dell'8% di terreni agricoli»
Caldo, Coldiretti: «Cambia la dieta per 800 mila pugliesi» Caldo, Coldiretti: «Cambia la dieta per 800 mila pugliesi» L'associazione sottolinea l'importanza dell'alimentazione per affrontare le alte temperature
Siccità, Coldiretti chiede lo stato d'emergenza e di intervenire sugli invasi Siccità, Coldiretti chiede lo stato d'emergenza e di intervenire sugli invasi Il caldo prima e i violenti nubifragi dopo stanno mettendo a rischio l'agricoltura della regione. La lettera dell'associazione al presidente Emiliano
Giugno da bollino rosso, Coldiretti: «Serve un piano invasi» Giugno da bollino rosso, Coldiretti: «Serve un piano invasi» Produzione agricola in sofferenza a causa delle altissime temperature: stimato un calo del 40% della produzione di olive
Pericolo siccità, netto calo della produzione agricola in Puglia Pericolo siccità, netto calo della produzione agricola in Puglia I dati preoccupanti forniti da Coldiretti
Caro benzina, schizzano i prezzi per i prodotti agricoli in Puglia Caro benzina, schizzano i prezzi per i prodotti agricoli in Puglia La denuncia di Coldiretti
Puglia, raddoppiano le famiglie in povertà: l'analisi Puglia, raddoppiano le famiglie in povertà: l'analisi Coldiretti: «Con la crisi tante persone sono costrette a far ricorso alle mense molto più frequentemente»
Coldiretti allarma: «Crolla drasticamente il prezzo delle ciliegie» Coldiretti allarma: «Crolla drasticamente il prezzo delle ciliegie» Le dure parole del presidente Muraglia sull'attuale situazione
© 2016-2022 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.