disastro ferroviario in puglia (Foto www.interno.gov.it)
disastro ferroviario in puglia (Foto www.interno.gov.it)
Editoriale

Il 12 luglio. Riflessioni di un cronista di provincia

Da quel 12 luglio molte cose sono cambiate

Comincio a scrivere con la consapevolezza che queste mie righe sono soltanto la riflessione di un piccolo cronista di provincia che si mescoleranno a quelle molto più autorevoli di tanti colleghi che oggi ricordano il disastro ferroviario sulla tratta Andria - Corato ad un anno esatto dalla tragedia. Mi sono chiesto persino quanto fosse utile che le mie parole si aggiungessero alle tante che in questi giorni affollano giornali, social network, blog. Forse effettivamente non sarà utile, ma oggi, in questo giorno caldissimo, proprio come un anno fa, non posso farne a meno.

Sono stato tra i primissimi cronisti a raggiungere il luogo del disastro, quando si parlava di "soltanto" quattro morti. Minuto dopo minuto il bilancio si aggravava sempre di più. Ho sentito forte, insieme ai miei giovani colleghi della stampa locale, la responsabilità di raccontare non solo ai miei concittadini ma al mondo intero quanto era accaduto e quanto ancora stava accadendo su quel binario, mentre continuavamo ad ascoltare in sottofondo il frinire delle cicale, in un canto di morte e disperazione. Abbiamo raccontato del grande cuore dei pugliesi e dell'Italia intera, stretta nel cordoglio di una tanto inspiegabile quanto ingiusta tragedia. Lo abbiamo fatto e non ha senso continuare a farlo. Rischieremmo di infiammare una ferita che mai si rimarginerà.

Da quel 12 luglio molte cose sono cambiate. Tante, troppe. È cambiata la vita di chi era su quel treno ed è fortunatamente riuscito a sopravvivere al disastro. È cambiata la vita delle famiglie delle vittime; è cambiata la vita dei pendolari, dei lavoratori della Ferrotramviaria. Ed (almeno speriamo) è cambiato il modo di concepire la sicurezza nei trasporti. Oggi, dopo che sono morte 23 persone, il treno viaggia a 50 km/h; i governanti discutono di sistemi di sicurezza sui treni e la giustizia apre gli occhi su una serie di colpe o omissioni di cui nessuno, sino alla morte di 23 persone, aveva mai discusso. Tutti o quasi, però, sono rimasti ai loro posti.

È cambiata anche la vita delle comunità che hanno pianto le loro vittime. Ventitrè persone non ci sono più; strappate alla loro vita, all'affetto delle loro famiglie, ai loro sogni, progetti e desideri. Ventitrè persone, però, attraverso i loro cari, continuano a vivere nel ricordo delle loro storie, ognuna delle quali riserva un affascinante ritratto di quanto la vita sia bella e meriti di essere vissuta. L'intitolazione del parco della musica a Ruvo di Puglia alla memoria del giovane trombettista Antonio Summo, la più giovane vittima del disastro ferroviario, non servirà a riportarlo tra le braccia dei suoi cari, ma saprà comunicare ai tanti giovanissimi l'importanza di inseguire i propri sogni. Proprio come Antonio, studente, musicista e sognatore.

Un pensiero particolare voglio riservarlo in questo giorno a due persone, incontrate nella mia attività di cronista, ma che mi hanno trasmesso tanto, anche con i loro silenzi. Vincenzo Tedone e Franco Caterino, rispettivamente padre di Francesco Ludovico Tedone e Luciano Caterino, le due vittime coratine di questa grande tragedia.

Penso alla dignità del loro dolore, alla loro forza che mai è potuta mancare per essere di sostegno a chi quanto loro ha sofferto per la perdita delle persone care. Alla loro fiducia nella giustizia e nelle istituzioni, all'umiltà con la quale ammettono di aver imparato tanto dai loro figli. E penso al loro desiderio di continuare nel percorso segnato dai loro figli affinché nulla della loro esistenza terrena vada perduto.

Ed è per loro che, oggi, ho scelto di mettere giù queste righe pur consapevole che si mescoleranno a tante altre.
  • Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
Vittime disastro ferroviario di Corato: "Perchè l'Ass. Giannini non ha mai preso provvedimenti per Ferrotramviaria" Vittime disastro ferroviario di Corato: "Perchè l'Ass. Giannini non ha mai preso provvedimenti per Ferrotramviaria" "La nostra speranza rimane nel Ministro Toninelli, ricordandogli l’art 120 del Titolo Quint", sottolinea l'Astip, attraverso Daniela Castellano
Grazia Di Bari (M5S): "Regione richiama Trenitalia ma non fa ancora niente per i disservizi di Ferrotramviaria" Grazia Di Bari (M5S): "Regione richiama Trenitalia ma non fa ancora niente per i disservizi di Ferrotramviaria" La consigliera regionale pentastellata torna nuovamente a chiedere interventi decisi da parte della giunta Emiliano
Processo per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, prof. Losappio: "Perchè la Regione è stata estromessa come responsabile civile" Processo per il disastro ferroviario del 12 luglio 2016, prof. Losappio: "Perchè la Regione è stata estromessa come responsabile civile" Il docente di diritto penale e legale di una delle parti in causa, ci spiega alcuni punti della decisione del Gup Schiralli
Suo padre morì nel disastro ferroviario, a Daniela Castellano il premio Iustitia Suo padre morì nel disastro ferroviario, a Daniela Castellano il premio Iustitia È la fondatrice dell'associazione ASTIP
«Caro papà, sei un morto di serie B» «Caro papà, sei un morto di serie B» Lo sfogo di Daniela Castellano, presidente ASTIP dopo la deroga a Ferrotramviaria»
Solo l'Associazione a tutela dei diritti dei consumatori-utenti ammessa nello scontro ferroviario Solo l'Associazione a tutela dei diritti dei consumatori-utenti ammessa nello scontro ferroviario Rappresentata in giudizio dal prof. avv. Giuseppe Losappio, l'ACU è stata l'unica associazione di consumatori ammessa dal GUP Angela Schiralli
Strage treni, Astip lancia petizione: “Stop concessione a Ferrotramviaria Spa” Strage treni, Astip lancia petizione: “Stop concessione a Ferrotramviaria Spa” Online da ieri sulla piattaforma change.org. Ecco il testo della lettera al Ministro Toninelli
Strage dei treni, l’associazione Anna Aloysi: “Incessante la nostra ricerca della verità” Strage dei treni, l’associazione Anna Aloysi: “Incessante la nostra ricerca della verità” Esattamente fra un mese si tornerà in aula
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.