vino
vino
Territorio

In Puglia si stappa il vino novello, «bouquet aromatico di ottima qualità»

Coldiretti stima 300mila bottiglie e circa 1,5 milioni di euro di fatturato

Ottima qualità e numeri stabili anche per il vino novello in Puglia che si stappa dal 30 ottobre, in una regione che si posiziona al primo posto rispetto alla macroarea Sud ed Isole. A darne notizia è Coldiretti Puglia che stima la produzione di un vino per tanti, prodotto da pochi con 300mila bottiglie e circa 1,5 milioni di euro di fatturato per il 'novello' che deve vincere la sfida delle misure anti pandemia con bar e ristoranti chiusi alle 18 frenano i brindisi.

La legislazione, affinché il vino possa essere chiamato Novello, prevede l'utilizzo obbligatorio a macerazione carbonica per almeno il 30% dell'uva, mentre il restante 70% può essere vinificato con il metodo tradizionale.

«Si tratta di un prodotto che si è imposto per il bouquet aromatico, la trasparenza del colore rosso rubino e la sua leggerezza. Il comparto, peraltro, grazie agli sforzi delle nostre imprese in termini di investimento teso ad aumentare la qualità del prodotto, ha raggiunto un fatturato consistente anche e soprattutto grazie al positivo riscontro dei giovani e delle donne che ne apprezzano il gusto leggero, la bassa gradazione (11°) ed il prezzo accessibile», dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Il novello è il vino che sancisce da sempre l'avvio delle visite nelle cantine e delle iniziative di promozione del mondo delle vigne e delle bottiglie Made in Italy che complessivamente vale circa 11 miliardi di euro ma che quest'anno rischia di essere pesantemente penalizzato dall'emergenza coronavirus con l'ultimo DPCM che vieta sagre e fiere, rassegne e incontri e limita l'attività della ristorazione.

Il "déblocage" tricolore – sottolinea la Coldiretti – arriva in anticipo di tre settimane rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà invece assaggiare solo a partire dal 19 novembre 2020. Leggero e con bouquet aromatico il "vino da bere giovane" – spiega la Coldiretti - deve le sue caratteristiche al metodo di vinificazione fondato sulla fermentazione carbonica di grappoli integri di uve che vengono poi spremute a distanza di una decina di giorni per un vino delicato che di solito si attesta sugli 11 gradi ma che può raggiungere anche i 12.

Il vino novello – continua la Coldiretti – viene consumato soprattutto in abbinamento con i prodotti autunnali come i funghi o le caldarroste che quest'anno fanno registrare un raccolto in anticipo grazie ad un mese di settembre particolarmente caldo che – spiega la Coldiretti – ha favorito la maturazione e una produzione nazionale di qualità per oltre 35 milioni di chili, in crescita rispetto allo scorso anno. Ma è un vino che – evidenzia la Coldiretti – si abbina bene anche con salumi e formaggi.

In Francia, il novello è nato nella zona di del Beaujolais con i vignaioli locali che sfruttano le meno pregiate uve Gamay della Borgogna meridionale per ottenere il Beaujolais nouveau. La produzione italiana è invece basata da sempre su uve di qualità Doc e Igt – sottolinea la Coldiretti – e ha quindi registrato lungo la Penisola una rapida espansione toccando il picco di 17 milioni di bottiglie dieci anni fa per poi ritagliarsi una stabile nicchia di consumo con le circa 3,5 milioni di bottiglie attuali.

Il novello, con la tecnica della macerazione carbonica che è più costosa di circa il 20 % rispetto a quelle tradizionali, è un vino dallo stile "spremuto e bevuto" – sottolinea la Coldiretti - con una limitata conservabilità, che ne consiglia il consumo nell'arco di 6 mesi. La tradizione vuole che l'apertura del novello – conclude la Coldiretti – si festeggi a San Martino, l'11 novembre, giorno in cui da sempre i contadini chiudono la stagione dei raccolti e fanno il bilancio di un anno di lavoro.
  • Coldiretti
Altri contenuti a tema
Aumento costi energia, "Stangata su cittadini e imprese" Aumento costi energia, "Stangata su cittadini e imprese" Coldiretti denuncia: "Un aggravio insostenibile"
Il 90% del territorio barese a rischio idrogeologico Il 90% del territorio barese a rischio idrogeologico L'allarme di Coldiretti
Puglia a settembre? I turisti preferiscono gli agriturismi Puglia a settembre? I turisti preferiscono gli agriturismi Secondo una stima di Coldiretti sono oltre 30mila le presenze nelle strutture di campagna
L'uva da tavola pugliese non ha rivali, cresce la filiera bio L'uva da tavola pugliese non ha rivali, cresce la filiera bio Con produttori di alto livello, la Puglia è capofila del “rinascimento del vino”
Crolla del 40% la produzione di miele, l'SOS delle api in Puglia Crolla del 40% la produzione di miele, l'SOS delle api in Puglia Azzeramento fioriture e impollinazione a causa del clima pazzo
Qualità e sicurezza, gli italiani preferiscono il cibo Made in Puglia Qualità e sicurezza, gli italiani preferiscono il cibo Made in Puglia Crescono del 14,4% le vendite dei prodotti agroalimentari pugliesi
Balzo delle quotazioni del grano pugliese, bassa produzione ma di qualità Balzo delle quotazioni del grano pugliese, bassa produzione ma di qualità I dati del monitoraggio Coldiretti
Vacanze estive, è la Puglia la meta preferita dei vip Vacanze estive, è la Puglia la meta preferita dei vip Regina della ricettività agrituristica, affascina fra borghi e masserie
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.