Didattica a distanza
Didattica a distanza
Scuola e Lavoro

La didattica a distanza penalizza chi abita in campagna: «1 su 3 è senza internet»

Lo rileva uno studio di Coldiretti

Ricorrere alla didattica a distanza potrebbe penalizzare almeno uno studente su 3 di quelli che vivono nelle campagne.
È quanto emerge da una osservazione di Coldiretti che ha analizzato il fenomeno alla luce del dibattito sulla possibilità di riattivare la didattica a distanza come strumento contro il rischio contagi da Covid 19.

"La banda ultralarga in Puglia è ferma al 15% a fronte di una media nazionale del 45%. La Puglia è sicuramente in difficoltà sui numeri per l'accesso alla rete. La digitalizzazione delle campagne è per Coldiretti uno degli assi strategici di intervento per dare sostenibilità alla crescita e garantire la sicurezza ambientale ed alimentare del Paese", afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

Solo il 76,1% delle famiglie italiane dispone di un accesso internet e appena il 74,7% ha una connessione a banda larga ma la situazione peggiora notevolmente nelle campagne - secondo le elaborazioni Coldiretti sulla base dell'ultima indagine Cittadini e ICT dell'Istat - con appena il 68% dei cittadini che dispone di connessione a banda larga nei comuni con meno di duemila abitanti.

L'emergenza – sottolinea la Coldiretti Puglia - ha reso ancora più evidenti gli insostenibili ritardi sulle infrastrutture telematiche ed è quindi strategico superare il digital divide che spezza il Paese fra zone servite dalla banda larga e altre invece no, fra città e campagne, per far esplodere le enormi risorse che il territorio può offrire. La disponibilità di accessi Internet ad alta capacità è importante – conclude la Coldiretti - per ridurre l'isolamento delle aree rurali ma occorre anche superare i ritardi infrastrutturali nelle zone di campagna dove ogni giorno i ragazzi si spostano su autobus e treni locali per raggiungere i centri più grandi dove trovano scuole e servizi spesso assenti nei piccoli comuni.

"La disponibilità di accessi Internet per consentire anche la didattica online è importante – dice il presidente Muraglia - per ridurre l'isolamento delle aree rurali e al tempo stesso rendere più efficaci le misure anti contagio".

Le regole di distanziamento e le precauzioni per limitare il diffondersi del contagio hanno comportato – sottolinea Coldiretti Puglia – uno stravolgimento globale della scuola fra turni di ingresso, rimodulazione degli spazi e delle lezioni.

L'utilizzo di internet deve essere promosso e sviluppato in maniera più forte e incisivo in Puglia, da sempre caratterizzata dal Digital divide tra città e campagna – conclude Coldiretti Puglia - dove le nuove tecnologie sono uno strumento indispensabile per far esplodere le enormi risorse che il territorio può offrire e sostenere le famiglie in questo momento di difficoltà.
  • Didattica
Altri contenuti a tema
Didattica a distanza, Piarulli (M5s): «Inevitabile con l'emergenza, ma grande occasione per il futuro» Didattica a distanza, Piarulli (M5s): «Inevitabile con l'emergenza, ma grande occasione per il futuro» "Adesso la digitalizzazione in tutta la pubblica amministrazione"
Dalla Regione due milioni di euro per il Diritto allo Studio Dalla Regione due milioni di euro per il Diritto allo Studio Misure a sostegno dell'istruzione, dell'integrazione di studenti stranieri e per le Università della Terza Età
© 2016-2022 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.