casa
casa
Scuola e Lavoro

Studenti fuori sede, aumentano i prezzi degli affitti in tutta la Puglia

A Bari si registra un incremento dei prezzi dell'11%

Gli studenti in Puglia pagano meno gli affitti rispetto a quelli del nord, anche se i prezzi sono aumentati, e preferiscono stanze singole. Almeno stando quanto emerso da una indagine online che ha preso in esame studenti fuorisede tra i 18 e i 25 anni, promosso tra il 30 aprile 2021 ed il 06 giugno 2021, e che ha coinvolto 2.609 persone, tra cui studenti (83%), dottorandi/ricercatori/docenti (2,4%), e lavoratori - anche studenti lavoratori - (più dell'11,4%), che dichiarano che negli ultimi 12 mesi hanno vissuto o attualmente vivono in affitto nelle città di Pisa (47,3%), Bari (15%), Lecce (10,1%), Milano (4,5%), Torino (3,8%), Foggia (3,8%), Firenze (3,6%), Siena (2,7%), Brescia (1,6%).

Alla diffusione dell'indagine hanno contribuito in modo attivo anche alcune università, in particolare l'Università di Pisa (UniPI), il Politecnico di Bari (PoliBA) oltre all'Università di Foggia (UniFG) che spiega la percentuale più alta di risposte in queste città.

L'81,2% abita in un appartamento, di cui la gran parte occupa una singola (l'88,8%) mentre una piccola percentuale condivide con altri inquilini una stanza doppia (il 10,9%). I risultati hanno dunque confermato la tendenza - rafforzata nel periodo di Covid - di preferire e prendere in affitto camere singole (anziché doppie in condivisione) in appartamenti da condividere con altri 3-4 studenti con l'obiettivo di abbattere i costi della vita da studenti fuorisede.

Relativamente ai prezzi medi d'affitto (escluse le utenze), le città universitarie del Sud si confermano città universitarie dai costi più sostenibili. I costi più alti si registrano nelle grandi città come Milano e Firenze. In Puglia, Lecce registra un costo degli affitti medio inferiore ai 200 euro. Poco più del 52% degli affittuari dichiara di pagare un affitto compreso tra i 140-199 euro (anche se più di un significativo 30% si pone nella fascia tra i 200-239 euro), per un canone medio di 195 euro al mese. A Bari poco più del 44% degli intervistati paga tra i 200 e i 239 euro, mentre il 42,7% tra i 240-299 euro, con un canone medio mensile di 251 euro. A Foggia più del 46% afferma di pagare tra i 200 e i 239 euro, con un canone medio mensile di 227 euro.

Rispetto alle ultime indagini - che prendevano in considerazione solo gli studenti/esse delle città pugliesi - si riscontra un generale aumento del costo degli affitti su Bari (+11%, da 226 a 251 euro), Foggia (+20,1%, da 189 a 227 euro) e Lecce (+4,8%, da 186 a 195 euro).

Per quanto riguarda le informazioni sul contratto d'affitto, solo il 4,4% dichiara di non aver mai sottoscritto un contratto. Quasi la gran parte (l'83,5%) dichiara di aver sottoscritto un contratto d'affitto e di aver ricevuto copia con la ricevuta di registrazione presso l'Agenzia delle Entrate da parte del proprietario. Il 19,1% ricorda di aver sottoscritto un contratto a canone concordato, il 12,1% a canone transitorio ma il 68,8% non ricorda e/o non conosce la differenza tra i contratti. Relativamente alla possibilità della riduzione del canone causa Covid-19, introdotta dal governo come misura di sostegno durante i mesi di lockdown, il 28,7% dichiara di averla richiesta ma ha ricevuto un rifiuto da parte del proprietario. Solo il 20% afferma di aver trovato un accordo con il proprietario dell'immobile, il 27,8% non ha richiesto la riduzione del canone, mentre il 23,4% non ha mai saputo di questa possibilità.

Per quanto riguarda le modalità di ricerca dell'alloggio, è molto interessante il dato che emerge sull'utilizzo e la relazione tra canali online e offline: per la prima volta - e rispetto all'indagine di alcuni anni fa - i social network sorpassano gli altri canali e rappresentano ormai un "porto sicuro" per la ricerca di una casa. Per selezionare le case da visitare, i gruppi dedicati all'affitto e le pagine sono utilizzati dal 65,8% degli intervistati, seguiti da siti e portali specializzati nell'affitto (il 64,1%). I canali tradizionali vengono sempre meno consultati, come dimostrano i dati relativi agli annunci cartacei affissi sulle bacheche universitarie (l'8,3%, sempre più in calo), il passaparola (poco più del 15,2%) e le agenzie immobiliari (il 9,9%, dato in leggera risalita rispetto ai dati parziali dell'ultima indagine).
  • Università
Altri contenuti a tema
Benessere psicologico per studenti e personale, accordo fra UniBa e psicologi di Puglia Benessere psicologico per studenti e personale, accordo fra UniBa e psicologi di Puglia Impegno a collaborare per attività di formazione, studio, ricerca e diffusione di informazioni riguardo salute e benessere
Università di Bari, Green Pass obbligatorio. "L'assenza non sarà giustificata" Università di Bari, Green Pass obbligatorio. "L'assenza non sarà giustificata" La circolare dell'ateneo barese
"Premi di laurea Granoro": premiati 10 laureati dell'Università di Bari "Premi di laurea Granoro": premiati 10 laureati dell'Università di Bari Le Borse di Studio, istituite nel 2015 grazie al contributo dell’azienda Granoro
Adisu, rimborso dei canoni di locazione stipulati nel periodo di pandemia Adisu, rimborso dei canoni di locazione stipulati nel periodo di pandemia Il fondo straordinario per studenti idonei non beneficiari
Potenziate le misure per il diritto allo studio universitario Potenziate le misure per il diritto allo studio universitario Incremento dei fondi ADISU
Studenti fuori sede: «Vaccini nella città di domicilio universitario» Studenti fuori sede: «Vaccini nella città di domicilio universitario» La richiesta dei rappresentanti degli studenti alla Regione Puglia
Poche donne iscritte ad Informatica, Fisica e Scienze: agevolazioni sulle tasse all'UniBa Poche donne iscritte ad Informatica, Fisica e Scienze: agevolazioni sulle tasse all'UniBa Il rettore Bronzini: «Vogliamo favorire una più ampia partecipazione ai corsi di studio tradizionalmente "maschili"»
Graduale ripresa all'UniBa, tornano in presenza le sedute di laurea Graduale ripresa all'UniBa, tornano in presenza le sedute di laurea Si prosegue con lezioni a distanza, ma gli esami saranno in modalità mista e riaprono le biblioteche
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.