casa
casa
Comunicazioni

Venti alloggi per i più bisognosi: Comune e Arca Puglia firmano accordo

Saranno recuperati i locali a piano terra dei fabbricati di Via Salvi

Un intervento straordinario per l'emergenza abitativa, ma anche un progetto di recupero e riqualificazione di una intera area, quella di via Salvi: la Giunta Comunale ha approvato lo schema del protocollo d'intesa, che il Comune sottoscriverà con l'Arca Puglia Centrale, per il recupero dei locali a piano terra dei fabbricati di Via Salvi, da assegnare a famiglie indigenti o oggetto di sfratto o sgombero.

E' bene subito sottolineare che il Comune di Corato rientra tra quelli ad "alta tensione abitativa", e negli ultimi anni si è purtroppo registrata una crescita degli sfratti per morosità, episodi legati al disagio economico: la volontà dell'Amministrazione Comunale è dunque stata sin dall'insediamento quella di "provvedere ad un intervento straordinario per l'emergenza abitativa – sottolinea il Sindaco, Massimo Mazzilli – cercando soluzioni anche nell'individuazione di immobili da adibire a case parcheggio per le situazioni di disagio, da concedere in comodato d'uso in favore di nuclei familiari in situazioni di emergenza abitativa o sfratto, ai quali a breve si aggiungeranno le 2 palazzine del programma PRUACS nel rione Belvedre e quella di Via Sant'Elia, nell'ambito del progetto PIRP tutte per complessivi 50 nuovi alloggi".

Com'è noto, nel patrimonio dell'Arca Puglia Centrale ci sono circa 20 locali a piano terra in via Salvi, a destinazione commerciale o deposito, alcuni dei quali sono stati occupati negli anni anche in maniera impropria (allo stato sono rimasti solo due casi): con il protocollo d'intesa, l'Arca Puglia Centrale si impegnerà a recuperare con notevoli interventi di riqualificazione tutti i locali, la cui destinazione verrà mutata in uso residenziale, proprio per consentire la possibilità di assegnare gli stessi ocali a carattere provvisorio a famiglie indigenti, con particolari caratteristiche, previo avviso pubblico.

Il Comune, per contro, si impegna a definire in tempi brevi tutte pratiche di autorizzazione urbanistica finalizzate al cambio di destinazione d'uso, nonché a rappresentare alla Regione Puglia la necessità e l'esigenza di finanziare gli interventi edilizi necessari; inoltre si impegna a non chiedere all'Arca la corresponsione degli oneri concessori e a non gravare gli immobili realizzati della tassazione IMU.

"Su quell'area – spiega il Sindaco – verranno poi realizzati da parte del Comune una serie di lavori di riqualificazione dell'area prospicente, grazie ai fondi ottenuti nell'ambito del "Progetto Periferie Aperte" della Città Metropolitana di Bari. Con questa operazione verranno recuperati ad uso abitativo circa 20 alloggi, e l'intera zona cambierà decisamente aspetto, a beneficio dei residenti e dell'intera Città".
  • edilizia
Altri contenuti a tema
La gru di via Gravina sarà smontata. Il sindaco firma l'ordinanza La gru di via Gravina sarà smontata. Il sindaco firma l'ordinanza Una faccenda che dura da circa 20 anni
Piano Casa, la commissione regionale approva la proroga al 2018 Piano Casa, la commissione regionale approva la proroga al 2018 La proposta di legge approvata all'unanimità
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.