Scorie nucleari
Scorie nucleari
Ambiente

«Ci batteremo contro la minaccia di scorie nucleari», il NO di "Ambiente, Territorio, Salute”

L'interassociativo ambientalista di Corato dichiara il suo dissenso evidenziando i rischi per il territorio

L'Interassociativo "Ambiente, Territorio, Salute" di Corato dichiara il suo dissenso al progetto del deposito di scorie nucleari in Puglia e Basilicata.

Come ha ricordato il Sindaco De Benedittis nel suo comunicato stampa, «il futuro di Corato e delle comunità pugliesi è legato alla riqualificazione ambientale del territorio… La realizzazione del Deposito Nazionale, a soli 50 km dalla città di Corato, significherebbe lo stravolgimento delle prospettive di crescita e di sviluppo di tutto il territorio murgiano e del Parco Nazionale dell'Alta Murgia».

Il Comune di Corato con tutto il suo Territorio è già segnato da "Criticità ambientali" inquinanti (Depuratore, Elettrodotto, Antenne di Monte Ripanno, ecc.), per il cui risanamento i Comitati in tutti questi anni e presso le periodiche Amministrazioni, compresa l'attuale di De Benedittis, si sono fatti portavoce talora infastidenti, tipica espressione della cittadinanza attiva e solidale.

E, in questo impegno, l'Interasociativo segue l'orientamento che viene trasmesso da Papa Francesco nella sua Enciclica sull'Ambiente: "L'indifferenza del potere (nei riguardi della cittadinanza attiva) può portare a distruggere non solo la politica, ma anche la libertà e la giustizia, specialmente quando i tentativi di Comitati e cittadini attivi di modificare le cose vengono visti come un disturbo provocato da sognatori romantici o come un ostacolo da eludere".

Dichiariamo – in sintonia con tutte le altre Associazioni ambientaliste del nostro comune e della nostra Regione Puglia, con l'attuale Amministrazione comunale di Corato, con il Presidente della Regione Emiliano, ecc. – il nostro totale dissenso per l'individuazione di siti, tra Puglia e Basilicata, finalizzati alla realizzazione del Deposito Nazionale di scorie nucleari.

Non si tiene conto che "il nostro sottosuolo carsico è molto fragile e, per sua natura, ad elevata permeabilità", per cui l'inquinamento delle falde resta sempre una minaccia. Un progetto non condiviso con un territorio che è fortemente soggetto a tutela paesaggistica e per il quale intendiamo batterci anche noi, dando un segno di unità, condivisione e compattezza.
  • Ambiente
Altri contenuti a tema
Domani a Corato la premiazione del progetto "La Terra in Classe. Differenziati" Domani a Corato la premiazione del progetto "La Terra in Classe. Differenziati" Appuntamento alle ore 10:00 nel teatro comunale
A Corato un progetto ecosostenibile sulla provinciale 231 A Corato un progetto ecosostenibile sulla provinciale 231 Due aziende coratine "green" bonificano e piantumano 200 alberi di pioppo in area dismessa
A Corato la giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili A Corato la giornata nazionale del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili Il liceo artistico Federico II Stupor Mundi ha partecipato all'iniziativa nazionale con la "merenda green".
Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Al via il Programma Interreg Grecia-Italia 2021-2027 Lanciata la prima call per la presentazione del progetto
"LaPulita&Service" punta sulla formazione "LaPulita&Service" punta sulla formazione Corsi destinati al personale per arricchire le competenze sulle tecniche e sull'uso dei macchinari
Raccolti ottomila mozziconi a Corato: giovani all'opera Raccolti ottomila mozziconi a Corato: giovani all'opera Ottimi riscontri per l'iniziativa coordinata da "PuliAmo Corato"
Igiene ambientale a prova di sostenibilità, il caso virtuoso di “La Pulita & Service” Igiene ambientale a prova di sostenibilità, il caso virtuoso di “La Pulita & Service” La conferma arriva con il certificato “Ecolabel UE” conferito alla divisione Green
Coldiretti: Tropicalizzazione del clima triplica la presenza dei cormorani in Puglia Coldiretti: Tropicalizzazione del clima triplica la presenza dei cormorani in Puglia Da migratori, gli uccelli africani sono diventati stanziali in Puglia, con danni alla pesca negli allevamenti, in mare ed in laguna
© 2016-2024 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.