tribunale
tribunale
Cronaca

Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta»

Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»

Sono decine i decreti penali di condanna che la Procura della Repubblica di Bari sta trasmettendo all'ufficio del giudice per le indagini preliminari per la violazione dell'articolo 650, cioè l'inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità.

In questo caso si parla del decreto sui divieti di assembramento per l'emergenza Coronavirus e anche per la violazione degli articoli 495 e 496 del codice penale, cioè i reati di false attestazioni o dichiarazioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità. «Le denunce sono tante - spiega Giuseppe Volpe - e stiamo facendo decine di richieste di decreto penale da mandare ai giudici per le indagini preliminari subito, con priorità assoluta».

«Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria - continua il procuratore di Bari - e poi bisognerà aspettare le eventuali opposizioni e in quel caso si faranno i giudizi di opposizione quando sarà possibile». Intanto, però, la Procura sta procedendo con le richieste di decreti penali di condanna. Ad occuparsene è l'ufficio Pronta Definizione, al quale vengono trasmesse quotidianamente le denunce di coloro che vengono trovati in giro senza una valida motivazione.

Stando ai dati forniti dalla Prefettura di Bari, sono state denunciate 1.901 persone sulle ben 31.441 controllate dall'11 al 20 marzo scorsi, per verificare il rispetto delle norme emanate dal Governo per il contenimento del Coronavirus.
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
Mascherine obbligatorie e igienizzanti ai seggi: ecco il voto ai tempi del Covid Mascherine obbligatorie e igienizzanti ai seggi: ecco il voto ai tempi del Covid Messo a punto il protocollo sanitario dalle Asl della Puglia
Emergenza Covid, dall'Arcidiocesi di Trani fondi per famiglie in difficoltà Emergenza Covid, dall'Arcidiocesi di Trani fondi per famiglie in difficoltà Interessate parrocchie e Caritas
Sorveglianza Covid: la ASL Bari istituisce l’Epidemic Intelligence Center Sorveglianza Covid: la ASL Bari istituisce l’Epidemic Intelligence Center E’ la prima centrale operativa di controllo in Puglia per il monitoraggio della pandemia con un pool di professionisti impegnati in contact tracing, flussi informatici e trasmissione dati
Crisi economica, al banco dei pegni anche vino, olio e formaggi Crisi economica, al banco dei pegni anche vino, olio e formaggi Per far fronte all'emergenza Covid, pegno rotativo per beni agricoli e alimentari a denominazione di origine
Coronavirus, casi in aumento a Corato. I positivi salgono ad otto Coronavirus, casi in aumento a Corato. I positivi salgono ad otto La conferma da Palazzo di Città: si tratta di cinque giovani provenienti dall'estero
Il Governo ha deciso: discoteche chiuse in tutta Italia Il Governo ha deciso: discoteche chiuse in tutta Italia Obbligo di mascherina all'aperto dalle 18 alle 6 del mattino nel caso in cui non sia possibile mantenere la distanza
Covid, obbligo quarantena per chi torna in Puglia da Grecia, Spagna e Malta Covid, obbligo quarantena per chi torna in Puglia da Grecia, Spagna e Malta La decisione della Regione dopo i casi di Covid delle ultime ore
Covid-19, verso la proroga al 31 dicembre dello stato di emergenza Covid-19, verso la proroga al 31 dicembre dello stato di emergenza Il premier Conte: «Decisione che dovrà essere presa dal Consiglio dei ministri. Teniamo il virus sotto controllo»
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.