tribunale
tribunale
Cronaca

Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta»

Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»

Sono decine i decreti penali di condanna che la Procura della Repubblica di Bari sta trasmettendo all'ufficio del giudice per le indagini preliminari per la violazione dell'articolo 650, cioè l'inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità.

In questo caso si parla del decreto sui divieti di assembramento per l'emergenza Coronavirus e anche per la violazione degli articoli 495 e 496 del codice penale, cioè i reati di false attestazioni o dichiarazioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità. «Le denunce sono tante - spiega Giuseppe Volpe - e stiamo facendo decine di richieste di decreto penale da mandare ai giudici per le indagini preliminari subito, con priorità assoluta».

«Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria - continua il procuratore di Bari - e poi bisognerà aspettare le eventuali opposizioni e in quel caso si faranno i giudizi di opposizione quando sarà possibile». Intanto, però, la Procura sta procedendo con le richieste di decreti penali di condanna. Ad occuparsene è l'ufficio Pronta Definizione, al quale vengono trasmesse quotidianamente le denunce di coloro che vengono trovati in giro senza una valida motivazione.

Stando ai dati forniti dalla Prefettura di Bari, sono state denunciate 1.901 persone sulle ben 31.441 controllate dall'11 al 20 marzo scorsi, per verificare il rispetto delle norme emanate dal Governo per il contenimento del Coronavirus.
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
Contributo di solidarietà alimentare, per Corato oltre 400mila euro Contributo di solidarietà alimentare, per Corato oltre 400mila euro Diffusa la ripartizione comune per comune del fondo da 400milioni di euro dello Stato
La Caritas cittadina di Corato istituisce un numero per le emergenze La Caritas cittadina di Corato istituisce un numero per le emergenze Un servizio a disposizione di quanti vivono in difficoltà
Emergenza Coronavirus, dal Governo soldi ai comuni per buoni spesa per i cittadini Emergenza Coronavirus, dal Governo soldi ai comuni per buoni spesa per i cittadini Il presidente Anci, Antonio Decaro: «La priorità ora è che le famiglie possano sfamare i propri figli»
Ampliato il servizio di consegne a domicilio di alimentari e farmaci Ampliato il servizio di consegne a domicilio di alimentari e farmaci I non udenti potranno inviare un messaggio al numero dedicato
Mons. D'Ascenzo in preghiera al cimitero di Corato Mons. D'Ascenzo in preghiera al cimitero di Corato Il raccoglimento per i defunti a causa del coronavirus nei cimiteri delle città della diocesi
Coronavirus, da Unpli Puglia una raccolta fondi per gli ospedali pugliesi Coronavirus, da Unpli Puglia una raccolta fondi per gli ospedali pugliesi L'iniziativa delle Pro Loco per l'acquisto e donazione di attrezzature nelle terapie intensive
L'emergenza sanitaria diventa emergenza sociale. Con le attività chiuse è un problema anche mangiare L'emergenza sanitaria diventa emergenza sociale. Con le attività chiuse è un problema anche mangiare Tanti i cittadini che in seguito alle chiusure per contenere l'epidemia sono senza lavoro e senza reddito, e le misure del Governo per ora non bastano
Coronavirus, il nuovo modello di autocertificazione dal 26 marzo Coronavirus, il nuovo modello di autocertificazione dal 26 marzo Gabrielli: «Il modulo si aggiorna per adeguarsi ai nuovi provvedimenti»
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.