Toga magistrato
Toga magistrato
Cronaca

Corruzione, arresti eccellenti. In manette due magistrati e un ispettore di polizia in servizio a Corato

Coinvolti anche due avvocati e un imprenditore

L'ex pubblico ministero del Tribunale di Trani, Antonio Savasta, ora giudice del Tribunale di Roma, e il suo collega Michele Nardi, pm a Roma, ed in precedenza gip a Trani e magistrato all'ispettorato del Ministero della Giustizia, sono stati arrestati e condotti in carcere su disposizione della Procura di Lecce. Le accuse sono di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari e falso per fatti commessi tra il 2014 e il 2018 quando erano in servizio a Trani.

E' stato arrestato e condotto in carcere anche l'ispettore di polizia Vincenzo Di Chiaro, in servizio al commissariato di Corato (Bari). Misura interdittiva (in corso di notifica) per un imprenditore di Firenze nei confronti del quale è stato disposto il divieto temporaneo di esercizio dell'attivita' imprenditoriale e di esercizio degli uffici direttivi per un anno. Sono stati interdetti dalla professione per un anno gli avvocati Simona Cuomo, del Foro di Bari, e Ruggiero Sfrecola, del Foro di Trani. Nardi, Savasta, Di Chiaro e Cuomo rispondono di associazione per delinquere finalizzata ad una serie di delitti contro la pubblica amministrazione, corruzione in atti giudiziari, falso ideologico e materiale. Gli altri indagati sono accusati, a vario titolo, di millantato credito, calunnia e corruzione in atti giudiziari.

Nel comunicato stampa diffuso dalla Procura si legge: «Il complesso delle indagini ha consentito di svelare l'esistenza di un programma criminoso indeterminato nel tempo che, attraverso il costante ricorso alla corruzione di pubblici ufficiali, assicurava favori nei confronti di facoltosi imprenditori, anche con l'intermediazione di esercenti la professione di avvocato. Secondo l'impostazione accusatoria, racchiusa nelle imputazioni contestate, i due magistrati avrebbero garantito positivi esiti processuali nelle complessive vicende giudiziarie e tributarie di interesse per gli imprenditori coivolti in cambio di ingenti somme di denaro e in alcuni casi di altre utilità tra cui anche gioielli e pietre preziose; al riguardo gli imprenditori avrebbero provveduto ai pagamenti e ai favori erogati, mentre gli avvocati avrebbero prestato la propria opera a titolo di intermediari e facilitatori».

«A seguito di richiesta di sequestro preventivo, anche per equivalente, avanzata da questa Procura della Repubblica il GIP ha provveduto a disporre il sequestro di immobili, conti correnti ed altre utilità per un controvalore di. Savasta euro 489.000 Nardi euro 672.000 (tra i quali un orologio in oro Daytona Rolex e un quantitativo di diamanti) Di Chiaro euro 436.000 Cuomo euro 436.000 D'Agostino Sfrecola euro 53.000».

  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» I soldi per archiviare una indagine artatamente allestita
Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro
Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Due dei fratelli Ferri ascoltati dai Carabinieri
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.