Il procuratore Renato Nitti
Il procuratore Renato Nitti
Cronaca

«Dovevamo sventare quella rapina». Il procuratore Nitti racconta il veloce fermo dei cannibali di auto

Duro colpo al fenomeno dei furti d'auto. Ma il compito delle forze dell'ordine non è ancora esaurito

Fanno ancora rumore le parole del procuratore di Trani Renato Nitti circa la pericolosità delle organizzazioni criminali nella provincia BAT. La più piccola provincia della Puglia è al vertice della classifica nazionale per numero di furti di auto denunciati ma l'operazione "On the road", conclusasi nella mattinata di ieri con il fermo di 15 persone, potrebbe aver messo un importante freno al dilagante fenomeno del taglio dei veicoli rubati, i cui pezzi di ricambio finiscono poi sul mercato clandestino. Una operazione nella quale sono stati impiegati centocinquanta carabinieri delle compagnie di Barletta e di Andria, destinata a lasciare una importante traccia nella lotta alla criminalità nella sesta provincia. Le quindici persone sottoposte a fermo, operavano nella zona compresa tra Andria, Corato e Cerignola ma non disdegnavano di spostarsi sin nel capoluogo di regione per rubare auto che poi smantellavano nel giro di pochissime ore per rivendere i pezzi di ricambio. Un giro d'affari milionario se si considera che ogni autovettura tagliata poteva fruttare dai 700 ai 2000 euro. I Carabinieri stimano che, in due mesi, siano circa 200 le auto finite nel tritacarne della banda ma i furti sinora documentati sono 22. «Abbiamo dovuto agire di fretta, nonostante avessimo elementi per emettere ordinanze di custodia cautelare» ha spiegato il procuratore di Trani Nitti. La banda, infatti, era pronta a commettere un assalto al furgone portavalori che proprio ieri mattina avrebbe dovuto consegnare le pensioni in un ufficio postale di Andria. «Abbiamo dovuto scegliere se mettere a repentaglio la vita di qualcuno o acquisire ulteriori elementi. Non abbiamo avuto dubbi sulla scelta» ha confermato il capo della Procura tranese.
On The RoadOn The RoadOn the Road
Stando alla ricostruzione della Procura, la banda disponeva di armi a raffica e probabilmente fucili d'assalto che avrebbero potuto impiegare per assicurarsi il bottino. «Bisognava impedire che questa rapina fosse portata a termine» ha detto Nitti, al tavolo in conferenza stampa con il procuratore aggiunto Bianchi e i vertici provinciali dell'Arma dei Carabinieri.

Due mesi di intercettazioni e pedinamenti, di attività intensa di monitoraggio e sequestri, hanno portato gli inquirenti a ricostruire l'attività di una rete organizzatissima, costituita da coloro che rubavano le automobili, da coloro che le smontavano nel giro di pochissime ore durante la notte e da chi custodiva e vendeva i ricambi. Una attività studiata nel dettaglio, al punto che il gruppo disponeva di una cassa comune, di basi logistiche attrezzate, di targhe rubate, strumenti di effrazione e inibitori di frequenza. Dalle indagini è inoltre emerso che il gruppo aveva assaltato anche un camion carico di carne per il valore di 15mila euro nel corso di una rapina avvenuta il 1 aprile a Bitonto.

I risultati dell'operazione sono stati diffusi nella caserma dei carabinieri di Trani. Un luogo emblematico, in quanto sede del comando provinciale dei carabinieri BAT. Un luogo che vuole rispondere a quella esigenza di legalità di una provincia in cui la criminalità organizzata è ben radicata al punto da suscitare l'allarme del procuratore. E la risposta c'è stata, forte e incisiva. «Continueremo in questa direzione» assicura Nitti, confortato dal collega Bianchi. «Perché siamo i primi in Italia per furti d'auto? Ci deve essere una lettura di questo dato. E i carabinieri sono riusciti subito ad inquadrare il fenomeno, un fatto straordinario in così poco tempo». Quella intercettata e fermata, però, non è l'unica banda. Il fenomeno sembra essere complesso e radicato. Il mercato dei pezzi di ricambio è particolarmente appetibile. Un mercato alimentato da una importante domanda, ha rilevato il comandante del gruppo Carabinieri di Trani.

Le reazioni degli organi istituzionali

Soddisfazione per l'operazione è stata espressa dal prefetto della BAT Maurizio Valiante e dai sindaci di Corato e Andria.

«La professionalità di Magistratura e Forze di Polizia è la risposta migliore alle richieste di sicurezza e legalità che provengono dalla cittadinanza» commenta il prefetto Valiante.

«Esprimo ancora una volta soddisfazione e gratitudine alla Magistratura per il proficuo lavoro e i successi investigativi e all'Arma dei Carabinieri per la brillante operazione di quest'oggi, che funge da efficace azione di contrasto alla criminalità locale con particolare riguardo ad un fenomeno criminoso che caratterizza negativamente il territorio provinciale. Siamo fiduciosi – continua il Prefetto - per l'incisiva azione delle forze dell'ordine, cui va la nostra profonda riconoscenza per lo straordinario impegno profuso, su preciso impulso della Procura della Repubblica, che dimostra la determinazione con cui ogni giorno le Istituzioni operano nel contrasto e nella lotta alla criminalità di questo territorio».

«Si tratta di una operazione molto importante che testimonia come il territorio sia presidiato dalle forze dell'ordine e come ci sia una importante e continua attività di intelligence. Ringrazio l'Arma per l'operazione svolta che si è articolata su tre comuni e che ha inferto un colpo significativo alle attività illecite che si svolgono sui nostri territori. Siamo impegnati a favorire la lotta alla criminalità. La presenza dei Carabinieri su Corato si è raddoppiata rispetto allo scorso anno e contiamo sul significativo rinforzo dell'organico della Polizia di Stato» ha riferito Corrado De Benedittis, sindaco di Corato.

«I risultati della operazione "On the road" - commenta il Sindaco di Andria, avv. Giovanna Bruno – ribadiscono nei fatti la capacità di indagine degli uomini dell'Arma dei Carabinieri e la determinazione con cui i magistrati inquirenti della Procura della Repubblica di Trani hanno affrontato, e affrontano, una delle piaghe storiche delle nostre città. I fermi di stamane ribadiscono l'emergenza criminale in cui versa questa parte del territorio con protagonisti del malaffare di spessore. L'auspicio, ora, è che le indagini ed i risultati ottenuti dalle sezioni operative delle Compagnie CC di Barletta e di Andria, coordinate dalla Procura di Trani il cui Procuratore Capo, giusto nelle settimane scorse, segnalava la complessità e difficoltà nella gestione della lotta alla criminalità nella Bat, pongano un argine definitivo a questa sorta di "consorteria", come è stata definita.Insieme al plauso per i risultati ottenuti dalle Forze dell'Ordine e dalla Magistratura resta ovviamente il compito di quanti, nella società civile, non devono più alimentare la " inesauribile domanda di pezzi di ricambio, la pressoché quotidiana ricerca di autovetture di recente immatricolazione e prestigiosi marchi", come si legge nella nota della sala stampa dei Carabinieri del Comando Provinciale di Bari. Questo è il compito della società civile responsabile e rispettosa delle regole: non rendersi complice di questo redditizio mercato clandestino che alimenta con la sua domanda di pezzi di ricambio rubati».
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Processo "Giustizia svenduta", arrestato carabiniere Processo "Giustizia svenduta", arrestato carabiniere Il militare era il comandante del NOE di Bari
Il CSM boccia la ex pm della strage dei treni Il CSM boccia la ex pm della strage dei treni La magistrata non supera per un voto la valutazione sulla professionalità
Morte Tarantini, tra gli indagati anche due dei suoi figli Morte Tarantini, tra gli indagati anche due dei suoi figli Saranno ascoltati il prossimo 5 settembre
Morte di Fedele Tarantini, la Procura apre una inchiesta Morte di Fedele Tarantini, la Procura apre una inchiesta Troppi elementi non convincono gli inquirenti
Ex pm di Trani Savasta condannato a dieci anni di reclusione Ex pm di Trani Savasta condannato a dieci anni di reclusione Pene inferiori per il sostituto procuratore Scimé, l'immobiliarista D'Agostino, gli avvocati Sfrecola e Ragno
Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Coinvolti nell'indagine Giuseppe, Cosimo e Gaetano Mancazzo oltre a Capristo e al poliziotto Scivattaro. L'accusa è di aver fatto pressioni su un magistrato
Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Le accuse sono di tentata corruzione, truffa e falso
Magistratura, domani il giuramento del nuovo procuratore di Trani Renato Nitti Magistratura, domani il giuramento del nuovo procuratore di Trani Renato Nitti Giurerà davanti al collegio del tribunale penale che sarà presieduto dal presidente Antonio de Luce
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.