Grano
Grano
Speciale

 “From Seed To Pasta III”, realtà coratine al terzo Congresso Internazionale di Bologna

Previsto un intervento della Dott.ssa Marina Mastromauro, Ad Granoro.

Barilla, Granoro, il Gruppo molitorio Casillo, il Centro internazionale di miglioramento del mais e del grano (Cimmyt), il Centro internazionale per la Ricerca in Agricoltura nelle aree asciutte (Icarda), il Consiglio nazionale per la ricerca in agricoltura e l'analisi dell'economia agraria (Crea), il Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), Università di Bologna.

Sono sufficienti questi nomi per far capire lo spessore di "From Seed To Pasta III", terza edizione del Congresso internazionale che riunisce a Bologna, dal 19 al 21 settembre, industrie molitorie, aziende della lavorazione del grano e pastifici, insieme al comparto agricolo e il mondo universitario e scientifico, per presentare gli ultimi risultati della ricerca sul grano duro.

«Una buona pasta inizia da un buon grano duro. Un'affermazione che può sembrare ovvia ma non lo è», chiarisce Luigi Cattivelli del Crea, presidente del Comitato scientifico di "From Seed To Pasta". «Infatti, "buon grano duro" significa "grano di qualità tale da soddisfare le esigenze delle aziende di trasformazione che vogliono immettere sul mercato prodotti di eccellenza". In sintesi, deve avere un alto contenuto proteico e buon indice di giallo, ed essere privo di micotossine. Inoltre, nel rispetto dell'ambiente, è sempre più urgente l'esigenza di ricorrere a un utilizzo limitato di fertilizzanti».

«Si capisce, quindi ­‐ aggiunge il presidente del Comitato organizzatore, il professor Roberto Tuberosa, dell'Università di Bologna -­ come la selezione di varietà di qualità, resistenti alla fusariosi o ad altre malattie, e di alto rendimento perché capaci di massimizzare l'assorbimento dell'acqua e dell'azoto, sia la via maestra e indispensabile per garantire, in futuro, produzioni sostenibili e capaci di crescere anche in condizioni climatiche avverse».

Questi, alcuni degli argomenti che saranno discussi al Congresso. Inoltre, sarà presentata in anteprima la sequenza del genoma del grano duro, si parlerà dell'identificazione di nuovi geni che "accendono" la resistenza alle malattie (vedi, ad esempio, ruggine del grano), di come promuovere una gestione agronomica sostenibile per la sicurezza alimentare, della possibilità di creare varietà di frumento con glutine non tossico per i celiaci.

Ma "From Seed To Pasta III" è anche "ricerca applicata", poiché dà spazio al confronto costruttivo con gli operatori di tutta la filiera affinché la ricerca non sia fine a sé stessa ma possa concretamente essere utilizzata come strumento di innovazione dal campo al piatto.

Da qui, il coinvolgimento delle aziende alla Tavola rotonda "Innovazione nella filiera grano duro ­‐ pasta". Sono le imprese ad avere il polso del mercato, le prime a dover cercare di anticipare le tendenze. E per offrire prodotti unici la ricerca rappresenta il miglior alleato. Così, all'incontro del 21 settembre, la dott.ssa Marina Mastromauro, amministratore delegato del Pastificio Granoro, focalizzerà l'attenzione sulla pasta "CuoreMio Bio", ottenuta con materie prime 100% da Agricoltura Biologica Italiana: una miscela di semole di grano duro di altissima qualità e farina di una particolare varietà d'orzo, "Orzo Beta", ad alto contenuto di fibre solubili Betaglucani, che contribuiscono a ridurre il colesterolo.

Un appuntamento di rilievo, quindi, "arricchito" dalla presidenza onoraria di Paolo De Castro, vice presidente Commissione Agricoltura del Parlamento europeo, e con il patrocinio della Regione Emilia Romagna, di Italmopa (Associazione industriali mugnai d'Italia), Antim (Associazione nazionale dei tecnici mugnai), dell'Accademia Nazionale di Agricoltura, del Museo delle Paste Alimentari di Roma, dell'Enea, del Mediterranean Agronomic Institute (Ciheam), dell'European Plant Science Organisation (Epso), dell'European Association for Research on Plant Breeding (Eucarpia), dell'International Wheat Yield Partnership (Iwyp), e della Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area (Prima).
  • Economia
Altri contenuti a tema
Due realtà coratine premiate come eccellenze industriali di Puglia Due realtà coratine premiate come eccellenze industriali di Puglia Riconoscimento per Casillo Group e Granoro
Il futuro del grano pugliese e le nuove sfide: se ne parla in una tavola rotonda Il futuro del grano pugliese e le nuove sfide: se ne parla in una tavola rotonda L'incontro è organizzato dal pastificio Granoro
Orizzonte Sud, a Corato si discute di eccellenza e progetti con il Corriere della sera Orizzonte Sud, a Corato si discute di eccellenza e progetti con il Corriere della sera Presenti i massimi imprenditori del nord barese
I "Sapori di Puglia" vanno a Vancouver I "Sapori di Puglia" vanno a Vancouver Aziende coratine in volo verso il Canada per promuovere le eccellenze del territorio
La "New Age spa" compie vent'anni La "New Age spa" compie vent'anni In occasione del ventennale la presentazione del nuovo logo
Confconsumatori sulle banche pugliesi: "Bene le semestrali, ma prioritaria tutela degli azionisti" Confconsumatori sulle banche pugliesi: "Bene le semestrali, ma prioritaria tutela degli azionisti" Ridurre componenti dei consigli di amministrazione e direzioni generali. Sì alle azioni di responsabilità
Al via le misure di inserimento sociale previste dal SIA/RED Al via le misure di inserimento sociale previste dal SIA/RED I beneficiari vengono impiegati in attività sociali sul territorio
1 Incentivi per le attività del centro storico, si apre il bando Incentivi per le attività del centro storico, si apre il bando Bando per tutti i soggetti che vogliono avviare, ampliare o trasferire la loro attività nel centro storico
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.