Gilet Gialli
Gilet Gialli
Economia

Gilet arancioni, istituito il tavolo di crisi interministeriale

Il Ministro Centinaio sarà in Puglia il prossimo 31 gennaio

È stato istituito il tavolo di crisi interministeriale per dare risposte economiche al mancato reddito degli agricoltori, alla perdita di un milione di giornate lavorative ed al crollo della produzione di quest'anno.

Questo è il nuovo grande risultato dei gilet arancioni che oggi a Roma hanno incontrato il Ministro Gian Marco Centinaio.

Un incontro a cui hanno preso parte l'assessore all'agricoltura della Regione Puglia, Leonardo Di Gioia, i Presidenti nazionali di Confagricoltura, Cia, Agrinsieme, Confcooperative, i rappresentanti di Cgil, Cisl, UIL, ed i parlamentari delle commissioni Agricoltura di Camera e Senato.

"La presenza e la composizione del tavolo di oggi sono segnali della grandissima attenzione che governo, Parlamento, Regione, rappresentanti dell'agricoltura e degli operai hanno riservato alla nostra protesta che non ha fini politici ma persegue solo un interesse: ridare dignità all'agricoltura e all'olivicoltura pugliese", ha dichiarato il portavoce dei gilet arancioni, Onofrio Spagnoletti Zeuli.

"È stato confermato, come già annunciato lunedì, il forte impegno del Ministro Gian Marco Centinaio e del governo a garantire, attraverso emendamenti blindati nel decreto legge semplificazione, lo stato di calamità naturale per le gelate e gli interventi per combattere seriamente e velocemente la xylella, il cui decreto ministeriale sarà portato in Conferenza Stato-Regioni il 25 gennaio - ha continuato Spagnoletti Zeuli -. Agea e Ismea, invece, saranno coinvolti in un tavolo di concertazione per favorire interventi sul reddito degli agricoltori".
"Ringraziamo il Ministro Centinaio, i sottosegretari Pesce e Manzato, l'assessore Di Gioia per gli impegni assunti - ha concluso il portavoce dei gilet arancioni -. La mobilitazione però resta e i trattori continuano ad essere accesi in attesa dei primi atti concreti, che siamo convinti stavolta non tarderanno ad arrivare".

Il Ministro Centinaio sarà in Puglia il prossimo 31 gennaio.
  • gilet arancioni
Altri contenuti a tema
Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Futuro dell'olivicoltura dopo le emergenze: confronto tra produttori e politica Appuntamento domani mattina a Bari, presso l'hotel Parco dei Principi. Si discuterà anche degli scenari post emergenze gelate e xylella
"Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio "Patto per la Puglia olivicola", dieci punti nelle mani del ministro Centinaio Sono le proposte dei Gilet Arancioni
I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" I Gilet arancioni a Di Maio: "Interventi rapidi per salvare l'industria ecosostenibile di Puglia" Richiesto l'intervento del vice premier
Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Decreto emergenze agricole, Gilet Arancioni: «C'è qualche manina che ne blocca la pubblicazione» Le dichiarazioni di Onofrio Spagnoletti Zeuli
Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo Xylella e gelate, c'è il decreto legge del Governo I gilet arancioni: «Ora attendiamo Centinaio in Puglia»
Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Gilet Arancioni, Emiliano: «Pronti ad attingere all'avanzo di amministrazione se il governo lo sblocca» Il governatore conferma il sostegno agli agricoltori
I Gilet Arancioni tornano vincenti da Roma I Gilet Arancioni tornano vincenti da Roma Spagnoletti Zeuli: «Ha vinto l'amore per la terra»
Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea Gilet arancioni a Roma, Corato e Ruvo di Puglia in prima linea In piazza anche tanti primi cittadini
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.