Giuseppe Di Vagno
Giuseppe Di Vagno
Territorio

Giuseppe Di Vagno, la memoria mai spenta

Una testimonianza storica a cura di Giovanni Capurso e Vincenzo Catalano sul supporto alla causa antifascista dei coratini emigrati a Grenoble

Il 25 settembre 1921 il giovane parlamentare socialista Giuseppe Di Vagno fu colpito mortalmente in un agguato dopo un comizio tenuto a Mola di Bari. Nei giorni successivi, in alcuni grandi centri bracciantili della Puglia, ci furono scioperi e manifestazioni di protesta. Il 28 settembre su "L'Avanti!" fu pubblicato un lungo articolo intitolato "Sciopero generale di protesta a Corato".

La memoria del martire non si spense neanche negli anni successivi, con l'avvento del fascismo, e fu tramandata anche tra gli esuli di Grenoble. Così è riportato un articolo su "L'Avanti!" del 25 settembre 1924:

Gli emigrati del comune di Corato (Bari) residenti a Grenoble (Francia) oggi sottoscrivendosi al battagliero "Avanti!" ricordano lo anniversario della morte del caro Peppino Di Vagno assassinato per mandato degli agrari pugliesi. Più che mai fermi nella nostra fede noi diciamo agli agrari pugliesi: "Avete ammazzato Di Vagno, credevate di ammazzare il Socialismo? No: è una illusione: Noi vegliamo, siamo sbandati ma non soppressi e attendiamo il giorno in cui sotto alla gloriosa bandiera del nostro vecchio Partito socialista riprenderemo la nostra marea verso la redenzione del lavoro».


In vista della data dell'anniversario della sua commemorazione, nella città d'Oltralpe, erano regolarmente organizzate delle sottoscrizioni per sostenere economicamente "L'Avanti!", soprattutto a cura del partito socialista locale e sotto la guida del segretario Felice Loiodice. La polizia segreta controllava attentamente quelle iniziative.

In un articolo del quotidiano socialista del 25 settembre 1927 è riportato:

La sezione socialista di Grenoble è composta per la massima parte di lavoratori pugliesi emigrati. Essi, con splendido pensiero hanno voluto ricordare l'assassinio del caro loro e nostro Peppino Di Vagno, uno dei primi eroici caduti sotto i colpi dei sicari di Mussolini, inviando al giornale che, esule e proscritto anche esso difende e propaga le idee per cui il martire nostro diede la vita».


In calce fu pubblicato un lunghissimo elenco di persone (circa 150), in buona parte dai cognomi coratini, che avevano aderito alla sottoscrizione.
Il coordinamento per la raccolta dei fondi necessari alle iniziative per la commemorazione generalmente era affidato alle donne. Tra loro Fortunata De Palma, nata a Corato il 1° gennaio 1909, e Concetta Martinelli, nata il 26 agosto 1898 (nell'immagine in basso: foto tratta dall'Archivio di Stato di Bari).

  • ANPI Corato
  • Giuseppe Di Vagno
Altri contenuti a tema
Giornata della Memoria 2023: ANPI Corato indice un concorso rivolto alla scuole della città Giornata della Memoria 2023: ANPI Corato indice un concorso rivolto alla scuole della città Nato quest’anno da una proposta del gruppo ANPI Scuola, il concorso è alla sua prima edizione, e ha visto la partecipazione di varie scuole di tutti i gradi.
ANPI Corato si prepara ad un 2023 ricco di iniziative: l’intervista al Presidente Giovanni Capurso ANPI Corato si prepara ad un 2023 ricco di iniziative: l’intervista al Presidente Giovanni Capurso La Sezione di Corato dell'Associazione nata a Roma nel 1944, si prepara ad un nuovo anno ricco di iniziative
"Iran, la libertà e il velo", incontro promosso dall'Anpi "Iran, la libertà e il velo", incontro promosso dall'Anpi Significativa la testimonianza di Shady Alizadeh, avvocato e attivista italo-iraniana
"Storie resistenti", ritrovata documentazione su Guglielmo Schiralli "Storie resistenti", ritrovata documentazione su Guglielmo Schiralli Il progetto promosso dalla sezione Anpi di Corato continua a rivelarsi foriero di nuove ricostruzioni
«Serve promuovere una cultura pacifista» «Serve promuovere una cultura pacifista» Riflessione del direttivo Anpi Corato, in occasione della festività del 4 novembre
"Salviamo l'Acqua", c'è una Corato che si mobilita. Foto "Salviamo l'Acqua", c'è una Corato che si mobilita. Foto Ottima partecipazione all'evento organizzato dal Comitato Beni Comuni
«Imparate dal sud», incontro con il giornalista Lino Patruno «Imparate dal sud», incontro con il giornalista Lino Patruno Appuntamento promosso da Presidio del Libro e Anpi
Da Corato a Grenoble, una storia lunga oltre un secolo Da Corato a Grenoble, una storia lunga oltre un secolo Un contributo sul forte legame tra le due comunità
© 2016-2023 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.