Consiglio di Stato
Consiglio di Stato
Cronaca

Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato»

Nuova pronuncia della giustizia amministrativa nella controversia tra il rag. Strippoli e l'azienda del comune

È dello scorso 26 marzo la pronuncia del Consiglio di Stato in merito all'annosa controversia che vede contrapposti il rag. Cataldo Strippoli e l'Asipu, l'azienda di servizi igiene e pubblica utilità del Comune di Corato in merito alla richiesta del professionista coratino di accedere ad una copiosa mole di atti dell'azienda relativi ad un quinquennio di attività.

Una pronuncia non definitiva, quella della quinta sezione del Consiglio di Stato che dovrà riunirsi nuovamente in camera di consiglio il prossimo 20 ottobre, ma che definisce che l'azienda pubblica dovrà mettere a disposizione entro 60 giorni la documentazione richiesta. Qualora ciò non accada ha nominato come commissario ad acta il comandante del nucleo della polizia tributaria della guardia di finanza per il territorio del Comune di Corato con facoltà di indicazione di un suo delegato.

Una controversia che risale al giugno 2017, quando il professionista chiese all'Asipu di ottenere tutti gli atti sociali relativi al quinquennio precedente. Una richiesta alla quale seguì un diniego dell'azienda, impugnato dinanzi al Tar da Strippoli. Il Tar Puglia, qualificando l'istanza come di "accesso civico generalizzato", ritenne illegittimo il diniego non perché infondato ma perché non vi era stato alcun tentativo da parte dell'azienda di contattare il richiedente «nel tentativo di ridefinire l'oggetto della richiesta entro limiti compatibili con i principi di buon andamento e di proporzionalità». L'Asipu, dunque, rispose all'esecuzione della sentenza individuando delle modalità che scaglionavano la consegna della grande mole di documenti, benché lo stesso Strippoli avesse manifestato disponibilità a mettere a disposizione strumenti o soggetti terzi per l'acquisizione totale della documentazione.

Il Tar, nuovamente chiamato ad esprimersi, ritenne "perfettamente logico e coerente" che la società avesse escluso che l'accesso agli atti potesse essere effettuato mediante soggetti terzi, considerando inoltre che l'accesso ai dati sensibili presenti nella documentazione non potesse prescindere dal coinvolgimento degli interessati. Dunque evidenziava una collaborazione da parte dell'Azienda.

Strippoli, tuttavia, ha nuovamente impugnato la sentenza dinanzi al Consiglio di Stato. L'organo amministrativo, entrando nello specifico dell'appello promosso dal ragioniere, ha ritenuto che Asipu non abbia correttamente eseguito la sentenza del Tar 234/2018.

«La mole degli atti richiesti può giustificare la previsione di tempi non brevi di lavorazione dell'istasnza di accesso ma non la loro mancata individuazione in assoluto» ricorda il Consiglio di Stato nella sentenza del 26 marzo
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne La vittima è un coratino. Era in servizio lo scorso anno in Salento
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Chiesti 19 anni e 10 mesi per il giudice Nardi
Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava La donna morì mentre lavorava in un vigneto di Andria
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.