L'infermiera Rossella Colella
L'infermiera Rossella Colella
Arti e Professioni

La storia di Rossella, la sposa che ha indossato il camice al posto dell'abito bianco

Infermiera in prima linea nell'emergenza Covid 19

Uno scatto che è diventato un simbolo. Una fotografia che vale più di mille racconti, che scandisce alla perfezione come l'emergenza legata al Coronavirus abbia radicalmente cambiato vita e abitudini e soprattutto progetti ad un passo dalla loro realizzazione.

È lo scatto che Rossella Colella, giovane infermiera coratina, ha inviato ai suoi parenti il 2 maggio scorso. In quel giorno, a quell'ora, Rossella avrebbe dovuto indossare l'abito bianco e convolare a nozze con il suo compagno, giovane ingegnere ruvese. Invece in quel giorno Rossella ha indossato il suo camice e, come tutti gli altri giorni, si è recata nel centro di Guidonia in cui lavora in prima linea e a contatto con i pazienti affetti da coronavirus.

«Ho fatto quella foto per inviarla ai miei familiari. Non avrei immaginato potesse diventare pubblica» ci racconta Rossella. La foto è infatti stata pubblicata dall'edizione nazionale del quotidiano La Repubblica.

«Mi sono laureata tre anni fa. Sono partita per Milano per lavorare, poi ho seguito il cuore e mi sono trasferita a Roma. Io e il mio compagno avevamo pianificato tutto per il nostro matrimonio, poi è arrivata l'emergenza. Non mi sono abbattuta, anzi... Questa emergenza mi ha spinto a mettermi a disposizione, a testare sul campo le competenze acquisite nel mio percorso di studi, a diretto contatto con chi sta lottando con questo virus» racconta Rossella.

L'appuntamento col matrimonio è solo rimandato. «Ci sposeremo nella Cattedrale di Ruvo di Puglia. Il matrimonio è solo rinviato» rassicura la giovane infermiera.

Quando tutto sarà finito l'abito bianco potrà prendere il posto del camice e Rossella potrà finalmente coronare il suo sogno, ricca di una esperienza destinata a rimanere indimenticabile.
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
La protesta delle Partite Iva: «Lunedì apriremo le serrande. Non siamo morti» La protesta delle Partite Iva: «Lunedì apriremo le serrande. Non siamo morti» Questa mattina manifestazione davanti a Palazzo di Città. Il sostegno delle istituzioni
Parrucchieri a Palazzo di Città chiedono l'ascolto delle istituzioni Parrucchieri a Palazzo di Città chiedono l'ascolto delle istituzioni De Benedittis: "Porterò le loro istanze a Decaro"
Zona rossa, nuova stretta: ecco l'ordinanza urgente di Emiliano Zona rossa, nuova stretta: ecco l'ordinanza urgente di Emiliano L'accordo con associazioni di categoria. Qui il testo
"La zona rossa in Puglia non basta", i sindaci chiedono a Emiliano maggiori restrizioni "La zona rossa in Puglia non basta", i sindaci chiedono a Emiliano maggiori restrizioni Vitto, presidente regionale di Anci: «I contagi continuano a crescere, c'è preoccupazione in quei territori in cui la situazione non accenna a migliorare»
«Il personale dei supermercati è esposto al contagio. Bisogna vaccinarlo» «Il personale dei supermercati è esposto al contagio. Bisogna vaccinarlo» Lo richiede il presidente della commissione regionale sanità
Covid, Emiliano: "Incentivare lavoro agile. Il picco deve ancora arrivare" Covid, Emiliano: "Incentivare lavoro agile. Il picco deve ancora arrivare" Il presente in videoconferenza con sindaci e presidenti di provincia
Abbigliamento e calzaturiero in ginocchio: «Noi ignorati. Se ci chiudete ci dovete ristorare» Abbigliamento e calzaturiero in ginocchio: «Noi ignorati. Se ci chiudete ci dovete ristorare» L'allarme di Confcommercio Federmoda Bari-Bat: il settore risente anche della mancanza del turismo e dello stop al wedding
Contagi in aumento, Emiliano: «Pronti a inasprire le restrizioni della zona rossa» Contagi in aumento, Emiliano: «Pronti a inasprire le restrizioni della zona rossa» Il presidente evidenzia la necessità di incentivare lo smart working per limitare i contagi sul lavoro
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.