Mostra Gregorio Sgarra
Mostra Gregorio Sgarra
Cultura

"La visione dell'invisibile", l'arte di Gregorio Sgarra in mostra

Il San Michele Arcangelo dell'artista coratino esposto a Gravina in Puglia

La chiesa di Santa Maria del Suffragio, detta del Purgatorio, di Gravina in Puglia,costruita tra il 1649 e il 1654 fu costruita come cappella della famiglia Orsini, fa da cornice alla mostra dei nuovi dipinti dell'artista coratino di arte sacra Gregorio Sgarra.

L'esposizione "La visione dell'invisibile" è visitabile dal 26 settembre al 4 ottobre, con ingresso a partire dalle ore 19.00.

Il centro della mostra è caratterizzato da una grande pala dipinta a tempera grassa, raffigurante San Michele Arcangelo, rappresentato in forma di guerriero, infatti porta una spada nell'atto di sconfiggere il male nell'ancestrale lotta tra la Luce e le tenebre.

La spada che impugna rappresenta la potenza di cambiamento e di liberazione, ma anche la capacità di discernere e di distinguere tra ciò che è buono, giusto e santo.

Un omaggio alla città che, avendo come patrono questo glorioso santo, vuol essere un invito a lasciarsi immergere nella bellezza di un dipinto che ha impresso nella tavola il grido "Quid ut Deus".

L'esperienza del sacro è da sempre presente nell'essere umano che prende coscienza del mistero insondabile e della sua parte invisibile.

L'icona è la visione delle cose che non si vedono. Ancor di più, essa suscita ed attesta la presenza del trascendente, è il luogo teofanico.

L'icona si offre alla visione della fede, prigioniera dell'invisibile, al tempo stesso in cui educa lo sguardo dell'anima: "Lo stato di grazia illumina per far vedere la luce. L'icona la rivela a tutti; 'preghiera', essa purifica e trasfigura a sua immagine colui che la contempla; mistero, insegna che lì vi è il silenzio abitato, la gioia del cielo sulla terra, lo splendore dell'al di là" .
  • Arte
Altri contenuti a tema
Lo ZT e le Madonne di Costantinopoli. Focus sul misterioso artista che lasciò traccia a Corato Lo ZT e le Madonne di Costantinopoli. Focus sul misterioso artista che lasciò traccia a Corato Chi era l'autore che operò in Puglia e Basilicata nel Cinquecento?
L'artista coratino Michele Macchia nominato Artista dell'anno 2020 dal "World of Art" L'artista coratino Michele Macchia nominato Artista dell'anno 2020 dal "World of Art" Dagli Stati Uniti al Canada, l'arte di Michele Macchia conquista il mondo 
Il coratino Giuseppe Riccardi dona la sua arte al Museo Itinerante Giovanni Bovio Il coratino Giuseppe Riccardi dona la sua arte al Museo Itinerante Giovanni Bovio L'opera "Atemporale Bovio" arricchisce la collezione tranese
"Urban Talk", il format made in Corato sull'arte urbanistica arriva a Bisceglie "Urban Talk", il format made in Corato sull'arte urbanistica arriva a Bisceglie L'idea è di Esther Tattoli e Alexander Larrarte
La poetica visiva di Michele Macchia nell'Atlante dell’Arte Contemporanea DeAgostini La poetica visiva di Michele Macchia nell'Atlante dell’Arte Contemporanea DeAgostini Per il secondo anno consecutivo l'artista coratino annoverato fra gli 800 artisti del prestigioso volume
Regione Puglia promuove la Street Art, stanziati 4 milioni di euro Regione Puglia promuove la Street Art, stanziati 4 milioni di euro Capone: «Valorizzare e riqualificare le aree urbane con l'arte e la creatività»
L'arte di Michele Macchia a New York per guardare al futuro dopo la pandemia L'arte di Michele Macchia a New York per guardare al futuro dopo la pandemia L'artista coratino espone per "Art after Pandemic", progetto della Galleria di arte moderna newyorkese "Artifact"
Raccontare e raccontarsi, la "Chiamata alle Arti" per dirci cosa stiamo provando Raccontare e raccontarsi, la "Chiamata alle Arti" per dirci cosa stiamo provando Progetto sociale cittadino ideato da Daniela Maggiulli e Sofia Leuzzi
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.