diritti umani
diritti umani
Attualità

Le esperienze di chi ha scelto l'accoglienza: si conclude "Umanamente"

Ultimo degli incontri della settimana sui diritti umani

Lunedì 17 dicembre si terrà l'evento conclusivo di "UMANAMENTE", la settimana sui diritti umani organizzata da una rete di associazioni e scuole di Corato per celebrare i 70 anni della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. L'ultima serata, che si svolgerà a Corato dalle 19 alle 21.00 presso il Centro Aperto Diamoci Una Mano in Via Gambara 1, vedrà l'alternarsi di più racconti e relazioni.

Nella prima parte si discuterà il quadro storico italiano che va "Dal 1938 al 1948: dalle leggi razziali alla Carta dei Diritti". Com'è possibile in 10 anni un passaggio dal razzismo istituzionalizzato alla promulgazione della dichiarazione universale dei diritti umani? Proverà ad aiutarci a comprendere quell'acceso e contradditorio contesto Roberto Tarantino, ex dirigente scolastico di Barletta nonché presidente dell'Associazione Nazionale Partigiani Italiani della BAT.

La seconda parte è invece dedicata a discutere e rendere visibili alcune esperienze interessanti del territorio sul tema migrazioni. Ascolteremo dunque la voce di Cardenia Casillo, responsabile della Fondazione Casillo, che ci parlerà del progetto Fare Sistema Oltre l'Accoglienza. Progetto che mette al centro la necessità di fare integrazione socio-lavorativa dei migranti ma anche di offrire opportunità a soggetti svantaggiati di nazionalità italiana. Insieme a Cardenia, sarà presente con noi Sara Scotto, responsabile regionale del progetto Fare Sistema Oltre l'Accoglienza.
Sarà poi con noi il diciannovenne Kader Diabate, migrante ospitato in Italia dal 2016 in un comune vicino Riace. Kader ha lì fondato un'associazione di promozione dei diritti umani ed ora collabora con le Nazioni Unite. Da lui ascolteremo il racconto della sua migrazione dall'Africa nonché le difficoltà e le opportunità incontrate nel vivere in Italia. Grazie a lui avremo la possibilità di entrare un po' di più nelle odierne storie di migrazioni rifuggendo dagli stereotipi.

Infine ascolteremo l'esperienza della famiglia di Giuseppe e Nica, coratini che da alcuni mesi ospitano a casa loro Jeffrey, giovane migrante che sarebbe stato altrimenti costretto a lasciare Corato. Oltre ad ascoltare come quest'esperienza di accoglienza e solidarietà è nata e cresciuta, con Giuseppe e Nica mostreremo come la prossimità è spesso in grado di abbattere le distanze e le diffidenze.

Dopo l'ascolto delle diverse relazioni ed esperienze, ampio spazio verrà dedicato al dibattito con il pubblico. Il coordinatore dell'evento sarà invece il sociologo Felice Addario.

  • Diritti umani
Altri contenuti a tema
Arte, musica e creatività: in piazza per i diritti dell'Uomo Arte, musica e creatività: in piazza per i diritti dell'Uomo Appuntamento il 13 dicembre
A Corato un corteo per il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo  A Corato un corteo per il 70° anniversario della Dichiarazione Universale dei diritti dell’uomo  L'iniziativa di Vivere In con le scuole del territorio
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.