Vittime del disastro ferroviario. <span>Foto Giuseppe Di Bisceglie</span>
Vittime del disastro ferroviario. Foto Giuseppe Di Bisceglie
Editoriale

Oggi come due anni fa, nel ricordo delle 23 vittime del disastro ferroviario

Il tragico schianto che ha cambiato per sempre la nostra città

È sempre dura ricordare ogni passaggio di quel tragico 12 luglio 2016; di quella mattina iniziata in maniera strana, con il telefono già incandescente dal sorgere del sole.

È però un dovere tenere alta la memoria di quel giorno, a costo di ripetersi, a costo di rischiare di risultare banali. Perché non è l'esercizio di stile ciò che oggi ci interessa, né tanto meno il narcisismo retorico, quello che sedusse molti cronisti e pontefici da poltrona due anni fa.

È un dovere al quale ci richiamano spesso i familiari delle vittime di quel disastro, i lavoratori che quotidianamente mettono in moto i treni su quei binari, i viaggiatori che vedono in quei treni uno strumento di libertà. Perché su quei treni, ricordiamolo, poteva esserci chiunque.

Vittime senza colpe, siano essi passeggeri o lavoratori. Di quella grande tragedia ancora non ci sono colpevoli. La magistratura sta seguendo il suo corso e forse riuscirà a dirci chi ha sbagliato. Ma certamente la giustizia non riuscirà a lenire il dolore sempre vivo di una intera comunità che si ritrova a pensare a quel dramma ogni volta che vede un binario.

Il sacrificio di 23 persone è servito? Forse sì. È servito a capire che sui binari di tutta Italia c'era bisogno di maggiore sicurezza; che le infrastrutture ferroviarie non soltanto della Bari - Nord avevano bisogno di essere più sicure, di essere adeguate. Il sacrificio di 23 persone, forse, ha risparmiato la vita di altre persone, chissà in quale parte d'Italia.

Oggi però non si riesce ad evitare di pensare a quella normalissima giornata. A quei volti sorridenti che avevano salutato i familiari prima di andare a lavoro o a scuola. A quelle strette di mano e a quei "ci vediamo" che non hanno più avuto seguito.

Per me cronista è impossibile non pensare a quel frinire di cicale, a quel caldo e a quel silenzio al quale, chi era sul luogo della tragedia, si affidava per poter sentire segnali di eventuali superstiti. È impossibile non ritrovarsi la mente intasata dalle immagini di quel groviglio di lamiere, di quei soccorritori instancabili, di chi, nel suo piccolo si adoperò per gli altri, persino per noi giornalisti accorsi sul posto.

Io, cronista, ripercorro con la mente ogni attimo di quel giorno, ormai divenuto indelebile. Ripercorro anche tutte le occasioni nelle quali i parenti delle vittime ci hanno chiesto di non lasciare mai che si spegnessero i riflettori su questa tragedia, perché non avesse più a ripetersi in qualsiasi parte del mondo. Oggi penso a quelle strette di mano coi genitori di Francesco Ludovico Tedone e Luciano Caterino, impegno forte a che la memoria dei propri figli, deceduti in quel tragico schianto, non venisse mai meno.

Due giovani con due storie diverse. L'uno viaggiatore, l'altro conducente del treno. Entrambi però accomunati dall'enorme slancio verso la vita.
  • Disastro Ferroviario
Altri contenuti a tema
«Il Papa ci ha dimenticato nelle sue preghiere» «Il Papa ci ha dimenticato nelle sue preghiere» Il rammarico dei parenti delle vittime del disastro ferroviario della Andria - Corato
Strage dei treni, i parenti delle vittime protestano a Roma contro il governo Strage dei treni, i parenti delle vittime protestano a Roma contro il governo «Dopo tre anni di sfilate istituzionali e promesse i fatti sono pari a zero»
Disastro Ferroviario, il ricordo di Michele Emiliano e Peppino Longo Disastro Ferroviario, il ricordo di Michele Emiliano e Peppino Longo Stamattina il vice presidente della Regione alla commemorazione della tragedia
Decaro ricorda le vittime del disastro: «Non si può morire mentre si esercita il diritto di muoversi in sicurezza» Decaro ricorda le vittime del disastro: «Non si può morire mentre si esercita il diritto di muoversi in sicurezza» Questa mattina dinanzi alla stazione ferroviaria di Bari la cerimonia di commemorazione del disastro ferroviario
Disastro Ferroviario, i primi soccorritori: «Abbiamo visto una scena devastante» Disastro Ferroviario, i primi soccorritori: «Abbiamo visto una scena devastante» La testimonianza di Antonio Longo, comandante della Vigilanza giurata
Una corona d'alloro per ricordare le vittime del disastro della Andria - Corato Una corona d'alloro per ricordare le vittime del disastro della Andria - Corato Cerimonia sobria. Il sindaco: «Il sangue versato non rimarrà perso»
Disastro Ferroviario, Longo: «È ora che il Comune di Corato alzi la testa» Disastro Ferroviario, Longo: «È ora che il Comune di Corato alzi la testa» Il pensiero del consigliere comunale del Movimento Cinque Stelle
A tre anni dal disastro ferroviario, Mazzilli: «Quello che ho visto e vissuto quel giorno non lo dimenticherò mai più» A tre anni dal disastro ferroviario, Mazzilli: «Quello che ho visto e vissuto quel giorno non lo dimenticherò mai più» Le parole dell'ex sindaco che coordinò i primi soccorsi
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.