Padre Raffaele Di Bari
Padre Raffaele Di Bari
Religione

Ottobre Missionario, anche a Corato il ricordo di Padre Raffaele Di Bari

Veglia in Chiesa Matrice per ricordare il missionario comboniano ucciso in Uganda 20 anni fa

Anche a Corato, in occasione dell'Ottobre Missionario, si terrà un momento di preghiera nel ricordo di Padre Raffaele Di Bari, il missionario comboniano ucciso in Uganda 20 anni fa.

«Carissimi, - scrivono don Ferdinando Cascella, direttore del Centro Missionario Diocesano, e l'equipe del medesimo centro - è tradizione consolidata che il mese di ottobre ci faccia respirare una sensibilità missionaria che è, di fatto, non solo la natura stessa della Chiesa, ma, soprattutto, l'architrave su cui poggia tutta l'attività pastorale. Il tempo storico-sociale che stiamo vivendo, a motivo dalla pandemia, ha indelebilmente segnato le nostre relazioni.

È per questo che il Santo Padre Francesco in continuità con il tema dello scorso Ottobre Missionario: "Battezzati e inviati", presenta la Giornata Missionaria Mondiale con una forte indicazione vocazionale, ispirandosi alla vocazione del profeta Isaia: "Chi manderò?", chiede Dio. "Eccomi, manda me" è la risposta di Isaia e vuole essere la risposta di tutti coloro che hanno preso coscienza del loro essere "battezzati e inviati".

Nel nostro contesto della Chiesa italiana desideriamo tradurre questa vocazione missionaria in un appello a tutti i credenti per diventare "Tessitori di fraternità". Abbiamo bisogno che le parrocchie, le associazioni, i movimenti riscoprano la loro sorgiva vocazione ad essere luogo dell'accoglienza, luogo dello scambio, luogo della parola. Non più stazioni di servizio del sacro o club elettivi di anime sedotte da questo o quel leader carismatico. Ma spazi autentici di comunione, di condivisione, di partecipazione, di comunicazione, di ospitalità reciproca, nel segno dell'amore e del riconoscimento della pari dignità di ognuno e di ognuna.

Ecco la sfida che si pone, allora, all'azione evangelizzatrice della Chiesa: credere di più nella comunità; credere che sul serio, «quando viviamo la mistica di avvicinarci agli altri con l'intento di cercare il loro bene, allarghiamo la nostra interiorità per ricevere i più bei regali del Signore» (Evangelii Gaudium, 272). Se il compito dei cristiani è quello di diffondere quella gioia del Vangelo che sempre nasce e rinasce nell'incontro con Gesù e se il principale ostacolo all'accoglienza di questa gioia è l'individualismo diffuso e triste che oggi domina, allora la missione dei cristiani deve partire da quella di diventare sempre di più tessitori di fraternità.

In questi giorni il Centro Missionario Diocesano si sta preoccupando di distribuire in tutta la diocesi il materiale utile per l'animazione ottobre missionario. Se ce ne dovesse essere bisogno di altro, siamo a disposizione per ogni vostra richiesta. È possibile, tuttavia, consultando il sito missioitalia.it, scaricare gratuitamente eventuale altro materiale».

Per l'occasione è previsto un programma di iniziative di sensibilizzazione che ruoteranno attorno alla figura del sacerdote comboniano Padre Raffaele Di Bari, nativo di Barletta, missionario in Uganda, ucciso il 1 ottobre 2000 mentre andava a celebrare la messa».

Gli appuntamenti:

1 ottobre
Parrocchia di San Giacomo Maggiore, in Barletta, ore 19.00, dove P. Raffaele ha ricevuto il Sacramento del battesimo e ha celebrato la sua prima messa, celebrazione eucaristica presieduta dall'Arcivescovo Mons. Leonardo D'Ascenzo.​

2 ottobre
presso la Parrocchia San Paolo, apostolo, in Barletta, alle 20.30, Padre Corrado De Robertis, comboniano, terrà una catechesi-testimonianza sul tema: Padre Raffaele Di Bari, tessitore di fraternità.

15 ottobre
presso la Chiesa Matrice di Santa Maria Maggiore, in Corato, ore 20.00, Veglia missionaria diocesana presieduta dall'Arcivescovo, con la presenza e la testimonianza di Padre Corrado De Robertis, missionario comboniano.

Padre Raffaele Di Bari nacque a Barletta il 12 gennaio 1929, battezzato nella Parrocchia di S. Giacomo Maggiore il 3 febbraio 1929. Nel 1940 entrò nel Seminario Missionario Comboniano di Troia (Fg). Fu ordinato sacerdote il 26 maggio 1956 a Milano, per l'imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di mons. Giovan Battista Montini, futuro papa Paolo VI. Il 31 maggio, a Barletta, nella Parrocchia di S. Giacomo Maggiore, celebrò la Prima Messa. Nel 1959 partì in missione per l'Uganda dove il 1° ottobre 2000, mentre si recava a celebrare l'Eucarestia, fu ucciso da un gruppo dei ribelli dell'"Esercito di resistenza del Signore" (Era), martire della fede e della giustizia. Quest'anno, per il 20° della sua morte, il calendario delle parrocchie di Barletta è stato dedicato alla sua memoria.
  • Arcidiocesi Trani-Barletta-Bisceglie
Altri contenuti a tema
Storie del lockdown, disponibile il nuovo numero di "In Comunione" Storie del lockdown, disponibile il nuovo numero di "In Comunione" Online e nelle parrocchie il periodico ufficiale dell’Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie
Veglia missionaria in memoria di Padre Raffaele Di Bari Veglia missionaria in memoria di Padre Raffaele Di Bari Questa sera in Chiesa Matrice
Emergenza Covid, dall'Arcidiocesi di Trani fondi per famiglie in difficoltà Emergenza Covid, dall'Arcidiocesi di Trani fondi per famiglie in difficoltà Interessate parrocchie e Caritas
Ritorno in classe, il saluto augurale di Mons. D'Ascenzo al mondo della scuola Ritorno in classe, il saluto augurale di Mons. D'Ascenzo al mondo della scuola L'Arcivescovo: «Non venga mai meno la speranza per guardare al nostro cammino con entusiasmo»
"Dalla parte dei poveri", aperte le iscrizioni alla Scuola Diocesana di Formazione "Dalla parte dei poveri", aperte le iscrizioni alla Scuola Diocesana di Formazione L'anno formativo sarà inaugurato il 28 settembre. Sede anche a Corato nella Parrocchia San Giuseppe
Una esperienza nei luoghi dell'accoglienza per i seminaristi della diocesi Una esperienza nei luoghi dell'accoglienza per i seminaristi della diocesi Insieme all'Arcivescovo saranno ospiti della Casa di Accoglienza "S. Maria Goretti" di Andria
D'Ascenzo: «Sposi senza mascherina, distribuzione eucarestia senza guanti» D'Ascenzo: «Sposi senza mascherina, distribuzione eucarestia senza guanti» Nuove disposizioni dalla Diocesi su indicazioni della CEI
Dalla Diocesi sì alle Prime Comunioni e ai ministri dell'eucarestia a domicilio Dalla Diocesi sì alle Prime Comunioni e ai ministri dell'eucarestia a domicilio Le nuove disposizioni di Mons. D'Ascenzo
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.