Tribunale
Tribunale
Cronaca

Usura, respinta la richiesta di affidamento ai servizi sociali per D'Introno

L'imprenditore coratino dovrà scontare in carcere la sua pena

Il Tribunale di Sorveglianza di Bari ha respinto, ritenendola «inammissibile», la richiesta di affidamento ai servizi sociali avanzata dall'imprenditore di Corato Flavio D'Introno per evitare misure detentive.

L'imprenditore deve scontare una condanna definitiva a 5 anni e 4 mesi, diciotto dei quali già trascorsi in custodia cautelare, per usura ai danni di commercianti del barese.

La condanna è relativa all'operazione Fenerator, risalente al 2007, e condotta dagli uomini del Gico della Guardia di Finanza.

Flavio D'Introno è tornato nuovamente al centro delle cronache per essere uno dei principali accusatori dei magistrati Nardi e Savasta in merito a presunte tangenti versate per pilotare sentenze.

  • Tribunale
Altri contenuti a tema
Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Ridotte le pene, assolto Piancone
Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
«Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione «Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione In seguito al procedimento, Roselli si dimise dall'incarico politico
Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Nel processo è coinvolto anche un coratino
Anziana donna trovata morta in casa, il figlio è accusato di omicidio Anziana donna trovata morta in casa, il figlio è accusato di omicidio Il 3 maggio la seconda udienza con l'escussione dei carabinieri e dei soccorritori
La Procura generale della Cassazione chiede sospensione dei magistrati arrestati La Procura generale della Cassazione chiede sospensione dei magistrati arrestati Associazione Nazionale Magistrati: «Pronti a intervenire con chi viola le regole»
Alla Procura di Trani arriva un nuovo sostituto: è la dott.ssa Maria Isabella Scamarcio Alla Procura di Trani arriva un nuovo sostituto: è la dott.ssa Maria Isabella Scamarcio Il magistrato si insedierà il prossimo 17 dicembre, in sostituzione della collega Valentina Botti
Saltò lo spettacolo ma non rimborsarono i biglietti, la vicenda finisce in tribunale Saltò lo spettacolo ma non rimborsarono i biglietti, la vicenda finisce in tribunale La denuncia è del Consorzio dei Consumatori per lo spettacolo AIDA che si sarebbe dovuto tenere ad Andria nel 2013
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.