corato JPG
corato JPG
Cronaca

Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro?

Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato

Nove scatoloni, contenenti pistole, bombe a mano, telefoni cellulari e pen drive sono stati ritrovati all'interno dei sotterranei del commissariato di Polizia di Corato lo scorso 9 luglio. È quanto riporta l'agenzia di stampa Ansa riferendo dell'udienza dinanzi al tribunale di Lecce relativa ad un presunto giro di mazzette per sistemare processi nel tribunale di Trani.

Il processo vede come imputati il giudice Michele Nardi e il poliziotto di Corato Vincenzo Di Chiaro. E gli scatoloni ritrovati nel seminterrato del palazzo della Polizia di Corato conterrebbero anche gli effetti personali dell'ispettore, oltre ad atti processuali svolti da Di Chiaro su incarico dell'ex PM Antonio Savasta, condannato nei giorni scorsi a 10 anni di reclusione nell'ambito della medesima inchiesta.

Alla scoperta degli scatoloni, che risale al 9 luglio scorso e sul cui contenuto sono stati disposti accertamenti dal pm Roberta Licci, si è giunti in seguito alla richiesta di restituzione dei beni personali posti sotto sequestro a Di Chiaro, su istanza avanzata dalla difesa e autorizzata dal collegio giudicante della seconda sezione penale del Tribunale di Lecce.

La scoperta è ritenuta rilevante perché si tratta di materiale non trovato durante la perquisizione compiuta nella stanza di Di Chiaro il 14 gennaio 2019, in occasione del suo arresto e di quello, per corruzione e associazione per delinquere, dei magistrati Michele Nardi e Antonio Savasta. Gli scatoloni, infatti, riportano la data di composizione del 24 e 25 gennaio, quando Di Chiaro era già detenuto.

Di Chiaro ha negato di avere mai avuto a che fare con tutto il materiale ritrovato. Il processo è stato aggiornato al prossimo 9 settembre.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Nuova pronuncia della giustizia amministrativa nella controversia tra il rag. Strippoli e l'azienda del comune
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
Novanta condanne nel processo "Pandora". Irrogati oltre 700 anni di carcere Novanta condanne nel processo "Pandora". Irrogati oltre 700 anni di carcere Tra gli imputati anche il coratino Michael Bottone
Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» La nota dei legali dell'azienda
"Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi "Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi A processo anche Di Chiaro, Patruno e Zagaria
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.