Progetto Media Granoro
Progetto Media Granoro
Politica

Cardiologia di Corato verso la chiusura? Mennea lancia l'alternativa

Interrogazione del consigliere regionale del Partito Democratico

"Considerata la situazione delle strutture ospedaliere nella Bat e nel Nord Barese, dove i nuovi ospedali non saranno realizzati in tempi brevi, occorre riqualificare il presidio ospedaliero di Bisceglie portandolo da ospedale di base a ospedale di primo livello e mantenere i 12 posti letto dell'unità di Cardiologia. Questo, almeno sino a quando non sarà portata a termine la costruzione del nuovo presidio del Nord Barese". A chiederlo con una interrogazione al presidente del Consiglio regionale pugliese è Ruggiero Mennea, consigliere regionale del Pd.

La situazione assistenziale pugliese vede, al momento, la provincia di Barletta-Andria-Trani penalizzata per la Cardiologia, con un rapporto posti letto-abitanti che è il più alto della Puglia ovvero con il minor numero di posti letto in rapporto alla popolazione. Il regolamento regionale 7 del 10 marzo 2017 prevede 40 posti letto di Cardiologia e 12 di Utic, di cui solo 8 al momento attivi (4 ad Andria e 4 a Barletta).

Nell'ospedale di Bisceglie invece sono assenti i posti letto dell'Utic, ma presente l'unità operativa di Cardiologia. Ma, in base alla deliberazione 53 della Giunta regionale del 23 gennaio 2018, è prevista la soppressione entro il 31 dicembre dei posti letto di Cardiologia dei presìdi di Corato, Molfetta e anche Bisceglie, con la surroga dei presidi da chiudere con la realizzazione dei nuovi ospedali di Andria-Corato e del Nord Barese (ovvero tra Molfetta, Terlizzi e Bisceglie).

"Ma la realizzazione dei nuovi ospedali di Andria-Corato e del Nord Barese – sottolinea Mennea – richiederà tempi lunghi, comunque non congrui con la prossima chiusura delle unità di Cardiologia prevista entro il prossimo 31 dicembre a Bisceglie, Corato e Molfetta. Peraltro l'ospedale di Bisceglie risulta ospedale base, al contrario di quello di Corato, classificato di primo livello nonostante l'assenza della Rianimazione. Bisceglie ha più posti letto di Corato (178 contro 102) e almeno sei unità operative specialistiche, tra cui la Terapia intensiva. Per questo chiedo che il nosocomio biscegliese sia diversamente qualificato, rendendo possibile offrire in questa struttura l'assistenza necessaria a un bacino di 220mila pazienti, almeno fino alla realizzazione del nuovo ospedale del Nord Barese. Questo – conclude Mennea – al fine di garantire pari assistenza sanitaria sul territorio regionale ed evitare i 'viaggi' fuori regione, che sono comunque a carico della sanità pugliese".
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
Pediatria, un reparto che si apre al territorio Pediatria, un reparto che si apre al territorio Il direttore Ciccarone: «Sempre pronti ad intessere uno stretto rapporto con il territorio»
Ospedale, Piarulli (M5S): «Situazione critica dei percorsi assistenziali» Ospedale, Piarulli (M5S): «Situazione critica dei percorsi assistenziali» L'impegno della senatrice pentastellata a confrontarsi con le autorità competenti
Mancano i medici, al pronto soccorso di Corato si lavora in affanno Mancano i medici, al pronto soccorso di Corato si lavora in affanno Dimezzato il numero dei medici. A stento si garantiscono i turni
Radiografo rotto, grandi disagi all'ospedale di Corato Radiografo rotto, grandi disagi all'ospedale di Corato La macchina sarebbe guasta dallo scorso 31 luglio
Botte al pronto soccorso di Corato, infermiere ferito Botte al pronto soccorso di Corato, infermiere ferito Aggressione violenta ai danni dell'operatore sanitario
L'Ospedale di Corato avrà nuovamente la chirurgia L'Ospedale di Corato avrà nuovamente la chirurgia In arrivo 15 posti letto per il reparto dell'Umberto I
Morì di parto, assolti due medici Morì di parto, assolti due medici Assolti per non aver commesso il fatto i due medici dell'ospedale di Corato
Marina Mastromauro: «All'ospedale i distributori non possono sostituire un bar» Marina Mastromauro: «All'ospedale i distributori non possono sostituire un bar» L'industriale coratina: «Perché non offrire una possibilità di lavoro?»
© 2016-2018 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.