papa francesco
papa francesco
Religione

Il Papa alle Diocesi: «Il 25 marzo in preghiera contro la pandemia»

A mezzogiorno la recita del Padre Nostro, venerdì 27 celebrazione con indulgenza plenaria

Accogliendo il messaggio di Papa Francesco durante l'Angelus di domenica scorsa, trasmesso in diretta streaming dalla Biblioteca apostolica vaticana, tutte le Diocesi aderiscono e promuovono l'invito del Santo Padre alla preghiera collettiva in due particolari momenti di questa settimana. Domani, 25 marzo, a mezzogiorno, tutti sono invitati a recitare il Padre Nostro in famiglia, mentre il 27 marzo, seguendo la celebrazione del Santo Padre, sarà possibile ricevere l'indulgenza plenaria.

Il messaggio di Papa Francesco divulgato dalle Diocesi


«In questi giorni di prova, mentre l'umanità trema per la minaccia della pandemia, vorrei proporre a tutti i cristiani di unire le loro voci verso il Cielo. Invito tutti i Capi delle Chiese e i leader di tutte le Comunità cristiane, insieme a tutti i cristiani delle varie confessioni, a invocare l'Altissimo, Dio onnipotente, recitando contemporaneamente la preghiera che Gesù Nostro Signore ci ha insegnato.

Invito dunque tutti a farlo parecchie volte al giorno, ma tutti insieme recitare il Padre Nostro mercoledì prossimo 25 marzo a mezzogiorno: Nel giorno in cui molti cristiani ricordano l'annuncio alla Vergine Maria dell'Incarnazione del Verbo, possa il Signore ascoltare la preghiera unanime di tutti i suoi discepoli che si preparano a celebrare la vittoria di Cristo Risorto.

Con questa medesima intenzione, venerdì prossimo 27 marzo, alle ore 18.00, presiederò un momento di preghiera sul sagrato della Basilica di San Pietro, con la piazza vuota.

Fin d'ora invito tutti a partecipare spiritualmente attraverso i mezzi di comunicazione. Ascolteremo la Parola di Dio, eleveremo la nostra supplica, adoreremo il Santissimo Sacramento, con il quale al termine darò la Benedizione Urbi et Orbi, a cui sarà annessa la possibilità di ricevere l'indulgenza plenaria.

Alla pandemia del virus vogliamo rispondere con la universalità della preghiera, della compassione, della tenerezza. Rimaniamo uniti. Facciamo sentire la nostra vicinanza alle persone più sole e più provate.

La nostra vicinanza ai medici; vicinanza agli operatori sanitari, agli infermieri, alle infermiere, ai volontari; vicinanza alle autorità, che devono prendere misure dure ma per il nostro bene. Vicinanza ai poliziotti, ai soldati che per le strade cerano di mantenere sempre l'ordine, perché si compiano le cose che il Governo chiede di fare per il bene di tutti noi. E vicinanza a tutti».

Infine, il Papa ha espresso anche vicinanza alle popolazioni della Croazia colpite da terremoto.
  • Chiesa
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Disposizioni stringenti per chi arriva nel territorio nazionale Disposizioni stringenti per chi arriva nel territorio nazionale L'ordinanza del 28 marzo di Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e Ministero della Salute
1 Coronavirus, superati i 1500 contagi in Puglia. Oggi 15 decessi Coronavirus, superati i 1500 contagi in Puglia. Oggi 15 decessi Sono 49 i nuovi casi registrati in provincia di Bari
Coronavirus, 25 nuovi casi in provincia di Bari. Due decessi in Puglia Coronavirus, 25 nuovi casi in provincia di Bari. Due decessi in Puglia Sono 124 i casi positivi registrati oggi, 1458 in totale in Puglia
Campionato concluso, NMC: «Tutto è semplicemente rimandato» Campionato concluso, NMC: «Tutto è semplicemente rimandato» Le parole della presidente Balducci dopo la decisione della Fip
Documenti, assicurazione e revisione in scadenza, tutte le proroghe Documenti, assicurazione e revisione in scadenza, tutte le proroghe Le misure su atti amministrativi e autorizzazioni disposte dal DPCM del 17 marzo
Coronavirus, 57 nuovi casi nella provincia di Bari Coronavirus, 57 nuovi casi nella provincia di Bari Sono quattro i morti in Puglia. 25 le persone guaritr
Coronavirus, una call ai cittadini per la solidarietà Coronavirus, una call ai cittadini per la solidarietà Invito ad aiutare i bisognosi da parte del movimento civico "La città in fiore"
1 Coronavirus, almeno sei i casi accertati a Corato Coronavirus, almeno sei i casi accertati a Corato Lo si apprende dal bollettino diffuso dalla Regione
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.