giannella
giannella
Territorio

Il ricordo del disastro ferroviario nel giorno del saluto del Procuratore Giannella

Ha coordinato le indagini sulla strage: «Un anno tostissimo, spero di contribuire ancora da Bari»

«Se c'è qualcosa di buono che ho fatto in questi anni l'ho fatto perché ho avuto la fortuna di avere persone in gamba vicino». Lo ha detto l'ex aggiunto della Procura di Trani, Francesco Giannella, nel giorno dei saluti prima di lasciare definitivamente Palazzo Torres per andare a ricoprire l'incarico barese che svolge già da alcuni giorni.

Il magistrato si trasferisce nel palazzo di giustizia del capoluogo pugliese dove sarà sempre procuratore aggiunto ma ha spiegato è diverso: «Qui a Trani mi sono occupato di tutto in questi otto anni e mezzo mentre a Bari ogni aggiunto ha un ambito di competenza e quindi può concentrarsi di più su alcuni aspetti. E questo mi affascina molto. L'esigenza che ho sentito più forte di ogni altra è stata quella di proiettarmi in un'altra dimensione. Ed in questi primi giorni a Bari ho avuto già la certezza di aver fatto la scelta che desideravo. Fare il procuratore aggiunto a Trani e farlo a Bari puo' sembrare la stessa cosa ed invece è totalmente diverso».

Giannella nell'ultimo anno, che ha definito nel suo intervento "tostissimo" ha coordinato le indagini sulla strage ferroviaria che il 12 luglio 2016, tra Andria e Corato, provocò 23 morti e 50 feriti, «una tragedia che ha colpito noi tutti come uomini prima di tutto e anche come magistrati - ha detto il magistrato - perché abbiamo lavorato al massimo per raccogliere gli elementi per sostenere l'accusa in giudizio, ci manca ancora poco e spero di poter continuare a contribuire anche da Bari ancora a questo lavoro».

Francesco Giannella dall'aprile del 2016 ha svolto le funzioni di capo dell'ufficio inquirente dopo il trasferimento al vertice della Procura di Taranto di Carlo Maria Capistro, ruolo ricoperto da poche settimane da Antonino Di Maio per il quale Giannella ha espresso parole di grande affetto ed ammirazione: «Giovane e determinato, ha le qualità giuste. La Procura di Trani con l'arrivo di Di Maio ha fatto un buon "acquisto"».

Francesco Giannella, lo ricordiamo, è stato sostituto procuratore a Foggia, a Trani e a Bari. Nel capoluogo pugliese ha rappresentato l'accusa al processo di primo grado per il rogo doloso del teatro Petruzzelli e, come pm della Dda, ha condotto indagini contro i clan mafiosi Anemolo, Capriati e Anacondia.
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
«Dovevamo sventare quella rapina». Il procuratore Nitti racconta il veloce fermo dei cannibali di auto «Dovevamo sventare quella rapina». Il procuratore Nitti racconta il veloce fermo dei cannibali di auto Duro colpo al fenomeno dei furti d'auto. Ma il compito delle forze dell'ordine non è ancora esaurito
Processo "Giustizia svenduta", arrestato carabiniere Processo "Giustizia svenduta", arrestato carabiniere Il militare era il comandante del NOE di Bari
Il CSM boccia la ex pm della strage dei treni Il CSM boccia la ex pm della strage dei treni La magistrata non supera per un voto la valutazione sulla professionalità
Morte Tarantini, tra gli indagati anche due dei suoi figli Morte Tarantini, tra gli indagati anche due dei suoi figli Saranno ascoltati il prossimo 5 settembre
Morte di Fedele Tarantini, la Procura apre una inchiesta Morte di Fedele Tarantini, la Procura apre una inchiesta Troppi elementi non convincono gli inquirenti
Ex pm di Trani Savasta condannato a dieci anni di reclusione Ex pm di Trani Savasta condannato a dieci anni di reclusione Pene inferiori per il sostituto procuratore Scimé, l'immobiliarista D'Agostino, gli avvocati Sfrecola e Ragno
Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Arresto ex procuratore di Trani, in manette anche tre imprenditori della provincia di Bari Coinvolti nell'indagine Giuseppe, Cosimo e Gaetano Mancazzo oltre a Capristo e al poliziotto Scivattaro. L'accusa è di aver fatto pressioni su un magistrato
Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Arresti domiciliari per l'ex procuratore capo di Trani Capristo Le accuse sono di tentata corruzione, truffa e falso
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.