toga giudice
toga giudice
Cronaca

Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse

Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari

Continua ad arricchirsi di nuove accuse e particolari l'inchiesta portata avanti dalla Procura di Lecce che a gennaio ha portato all'arresto di Antonio Savasta e Michele Nardi, rispettivamente ex pubblico ministero e gip presso il Tribunale di Trani. Le accuse sono di associazione per delinquere, corruzione in atti giudiziari e falso per fatti commessi tra il 2014 e il 2018 quando erano in servizio a Trani.

La Procura – come si apprende dalla Gazzetta del Mezzogiorno - ha fatto notificare a 12 persone un avviso di proroga che riguarda dieci ipotesi di reato. Spunta anche l'ipotesi di reato di calunnia a carico di Savasta, dell'ispettore di polizia Vincenzo di Chiaro, l'avvocato Simona Cuomo (ex legale d'Introno) e di altre due persone vicine all'imprenditore. Fondamentali a tal riguardo le dichiarazioni dell'ex imprenditore coratino Flavio d'Introno il quale ha confessato di aver pagato 3 milioni a Nardi e Savasta in cambio di favori giudiziari, ossia false accuse nei confronti dei suoi accusatori in un processo per usura.

Ma non solo. Savasta avrebbe stretto rapporti anche con l'imprenditore barlettano Luigi d'Agostino, definito "il re degli outlet": il pm tranese lo avrebbe favorito evitando di coinvolgerlo in un'indagine per fatture false in cambio di un incontro con l'ex sottosegretario Luca Lotti e di tangenti internazionali intemediate dall'avvocato Ruggero Sfrecola, interdetto per un anno dal suo incarico.

Nell'indagine, tuttavia, non ci sarebbero coinvolti solamente i due pm tranesi: grazie a numerosi esposti inviati alla Procura di Lecce dai vertici della magistratura tranese e le dichiarazioni di altri imprenditori, ascoltati nei giorni scorsi, sono emersi ulteriori ipotesi di reato che vedrebbero coinvolti anche altri magistrati tranesi. Al momento le persone coinvolte nel fascicolo sono già più di venti ma il numero potrebbe essere destinato a crescere.
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» I soldi per archiviare una indagine artatamente allestita
Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro
Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Due dei fratelli Ferri ascoltati dai Carabinieri
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse L'avvocato Tandoi al Tg3: «Di Chiaro ha accettato di rispondere»
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.