Procura di Trani
Procura di Trani
Cronaca

Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé

Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro

Il magistrato di Trani Luigi Scimè, ora in servizio alla Corte d'appello di Salerno, avrebbe ricevuto dall'imprenditore Flavio D'Introno 75mila euro in tre diverse tranche per alcuni procedimenti penali che lo vedevano direttamente coinvolto. Per questo la Procura di Lecce contesta al magistrato il reato di corruzione in concorso con i suoi colleghi Antonio Savasta (che dopo l'arresto si è dimesso alla magistratura) e Michele Nardi, con l'imprenditore D'Introno, con il poliziotto Vincenzo Di Chiaro e con l'avvocato Simona Cuomo. Gli episodi ricostruiti dai magistrati salentini, anche grazie alle dichiarazioni rese dopo l'arresto da alcuni co-indagati, riguardano quattro diversi procedimenti penali istruiti dalla Procura di Trani tra il 2012 e il 2016. In una occasione Scimè, preparando la requisitoria con Savasta di un processo a carico di D'Introno del quale era titolare, formulò - secondo l'accusa su esplicita richiesta di Nardi - "richiesta parziale di assoluzione e di condanna per una parte dei reati per i quali i magistrati ritenevano di poter giungere ad una declaratoria di prescrizione nelle successive fasi di giudizio", ottenendo in cambio 30 mila euro. In un altro processo chiese il rinvio a giudizio per calunnia nei confronti di due accusatori di D'Introno (ottenendo una presunta tangente di 15 mila euro). Ancora, chiese l'archiviazione di due procedimenti relativi all'incendio di due ville di proprietà della moglie dell'imprenditore e al danneggiamento di una delle due ville (in cambio di 30 mila euro complessivi), "sì da favorire D'Introno il quale aveva interesse ad una rapida liquidazione dell'indennizzo da parte dell'assicurazione". (ANSA).
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati Due dei fratelli Ferri ascoltati dai Carabinieri
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari
Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse L'avvocato Tandoi al Tg3: «Di Chiaro ha accettato di rispondere»
Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Le sue rivelazioni determinanti per gli arresti
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.