Tribunale
Tribunale
Cronaca

Inchiesta toghe sporche, i Ferri accusano i magistrati

Due dei fratelli Ferri ascoltati dai Carabinieri

Nell'inchiesta sui presunti casi di corruzione nella quale sono coinvolti i magistrati Antonio Savasta e Michele Nardi, entrambi arrestati lo scorso gennaio su disposizione della Procura di Lecce, emergono ulteriori particolari che riguardano alcuni imprenditori di Corato.

Nelle scorse settimane a parlare era stato Francesco Casillo. Oggi l'inchiesta, stando a quanto riferito dal quotidiano La Repubblica, si arricchisce della testimonianza di due dei cinque fratelli Ferri, imprenditori di Corato titolari dell'omonimo gruppo al centro di una inchiesta sulla quale si pronuncerà a giorni la Corte di Cassazione.

In un articolo a firma di Chiara Spagnolo si riferisce che i due fratelli Ferri avrebbero deciso di raccontare ai carabinieri di Barletta alcuni particolari inerenti all'inchiesta. Nel 2003, infatti, otto persone tra responsabili e amministratori del gruppo furono arrestati per bancarotta fraudolenta e truffa. L'inchiesta fu condotta dal magistrato Savasta e le ordinanze di custodia cautelare furono firmate da Nardi.

«Gli indagati parlarono sempre di persecuzione ma non misero mai le denunce contro i magistrati nero su bianco: per timore di essere sottoposti a ulteriori ritorsioni, avrebbero sostenuto. Almeno fino a pochi giorni fa, quando due dei fratelli Ferri sono stati ascoltati come persone informate sui fatti. Le dichiarazioni rilasciate davanti ai carabinieri — che da gennaio raccolgono denunce e testimonianze — sono state precise e circostanziate e hanno ripercorso la storia del crac del gruppo e delle indagini. A interessarsi della galassia Ferri, del resto, non fu soltanto la giustizia penale ma anche quella civile e tributaria» si legge nell'articolo pubblicato oggi da Repubblica.

Stando a quanto riferito dal quotidiano, i fratelli Ferri avrebbero ricevuto pressioni da parte dei magistrati veicolate da intermediari.
Una versione, quella dei fratelli Ferri, che dovrà trovare riscontro in opportune indagini ma che va ad arricchire l'impianto accusatorio verso i due magistrati.

  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari
Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse L'avvocato Tandoi al Tg3: «Di Chiaro ha accettato di rispondere»
Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Le sue rivelazioni determinanti per gli arresti
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.