Madonna di Costantinopoli ZT
Madonna di Costantinopoli ZT
Cultura

Lo ZT e le Madonne di Costantinopoli. Focus sul misterioso artista che lasciò traccia a Corato

Chi era l'autore che operò in Puglia e Basilicata nel Cinquecento?

Tracce del passaggio dello ZT nella città di Corato riescono ancora a vedersi nella Chiesa Matrice. L'affresco che ritrae la Madonna di Costantinopoli è uno dei segni più suggestivi dell'arte del maestro, che operà in Puglia e Basilicata nel Cinquecento.

Anche in tempi di pandemia la Pro Loco di Ruvo di Puglia non ferma la diffusione della cultura.

Con l'uscita del sesto volume della collana Studi Rubastini, "ZT – Un pittore nella Ruvo del Cinquecento", l'Associazione vuole fissare indelebilmente la potenza del sapere e della conoscenza. Un modo per andare avanti e non fermarsi alla fine di un anno duro e impegnativo da ogni punto di vista. La collana è curata da Cleto Bucci che, in questo caso, ha redatto anche la presentazione.

Il maestro ZT è forse un nome di convenzione? Quel che sappiamo è ricavato dalle prime due lettere di una firma siglata posta sotto la Madonna di Costantinopoli della cappella dell'ospedale di Spinazzola, opera risalente al 1500, cui è cronologicamente prossimo il trittico con la Madonna col Bambino, l'Annunciazione e santi della Cattedrale di Tricarico. Le sue attività sono documentate dal 1500 al 1539.

In questa sua prima fase il pittore appare orientato verso l'ambiente napoletano, nel tentativo di mescolare elementi fiamminghi e catalani con quelli umbro-marchigiani importati da Francesco da Tolentino.
Nelle icone più recenti della Matrice di Modugno, risalente al 1533 e della Concattedrale di Ruvo di Puglia del 1539, il maestro ZT divenne uno dei protagonisti del ritorno neobizantino pugliese, che ne condizionò pesantemente lo stile e le iconografie.
Attraverso una minuziosa indagine, Francesco Lauciello ha ripercorso un passato di una Ruvo e di un personaggio quasi sconosciuti, al fine di far emergere nuove storie e inediti avvenimenti. Lo studio documentato ha stilato ipotesi e tirato fuori numerose notizie che, certamente, attireranno l'attenzione degli studiosi ma anche degli appassionati di arte sacra.

Il Presidente della Pro Loco ruvese, Rocco Lauciello, auspica che questa ricerca possa essere un motivo di speranza ai postumi del 2020 e un trampolino di lancio per la scoperta e la diffusione di nuovi argomenti. Frutto dell'impegno degli studiosi locali, il sesto volume di Studi Rubastini mette in evidenza l'arte pugliese e non, uscendo fuori persino dai confini locali intersecandosi con altre località pugliesi e lucane. Dato il difficile periodo storico che il mondo sta attraversando, un libro di cultura potrebbe rappresentare un efficiente regalo per le prossime festività natalizie. Perché il compito della cultura, e dunque della Pro Loco di Ruvo di Puglia, resterà sempre quello di riscoprire e di tramandare la bellezza intellettuale e l'estremo valore dell'arte di ogni genere.
  • Arte
  • cultura
Altri contenuti a tema
Né Bari né Taranto: è Procida la Capitale della Cultura Né Bari né Taranto: è Procida la Capitale della Cultura L'annuncio questa mattina
L'artista coratino Michele Macchia nominato Artista dell'anno 2020 dal "World of Art" L'artista coratino Michele Macchia nominato Artista dell'anno 2020 dal "World of Art" Dagli Stati Uniti al Canada, l'arte di Michele Macchia conquista il mondo 
Sostegno alle imprese culturali e turistiche, prorogato il bando della Regione Sostegno alle imprese culturali e turistiche, prorogato il bando della Regione Tra le novità: Estensione Codici Ateco e abbassamento della soglia di riduzione del fatturato al 30%
Custodiamo il turismo e la cultura, prorogato il bando della regione Custodiamo il turismo e la cultura, prorogato il bando della regione Aiuti in forma di sovvenzione diretta per le piccole e medie imprese
Gianni Rodari a 100 anni dalla nascita: Raffaella Leone lo ricorda con un racconto Gianni Rodari a 100 anni dalla nascita: Raffaella Leone lo ricorda con un racconto L'omaggio allo scrittore che ha dedicato il suo lavoro ai bambini
Il coratino Giuseppe Riccardi dona la sua arte al Museo Itinerante Giovanni Bovio Il coratino Giuseppe Riccardi dona la sua arte al Museo Itinerante Giovanni Bovio L'opera "Atemporale Bovio" arricchisce la collezione tranese
Ad Antonio Montrone un prestigioso riconoscimento per il suo impegno culturale Ad Antonio Montrone un prestigioso riconoscimento per il suo impegno culturale L'elogio in occasione del Premio Accademico Internazionale "Lucius Annaeus Seneca"
"La visione dell'invisibile", l'arte di Gregorio Sgarra in mostra "La visione dell'invisibile", l'arte di Gregorio Sgarra in mostra Il San Michele Arcangelo dell'artista coratino esposto a Gravina in Puglia
© 2016-2021 CoratoViva � un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.