Tribunale
Tribunale
Cronaca

Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok

Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno

L'ok a lasciare il carcere di Matera per proseguire la detenzione ai domiciliari per il giudice Michele Nardi e per l'ispettore di polizia di Corato Vincenzo Di Chiaro era arrivato già lo scorso 19 giugno. I due imputati nel processo relativo a presunti atti di corruzione per manovrare inchieste giudiziarie sono però rimasti in carcere ancora per una settimana prima di essere definitivamente assegnati ai luoghi in cui proseguire la custodia cautelare domiciliare. Il motivo? Non era stato ancora installato loro il dispositivo elettronico di sicurezza, il cosiddetto braccialetto elettronico.

Dopo 17 mesi di carcere i due imputati hanno così potuto abbandonare il carcere, così come disposto dalla seconda sezione penale del tribunale di Lecce accogliendo la richiesta degli avvocati Tiziana Tandoi (per Di Chiaro) e Domenico Mariani (per Nardi), nonostante il parere contrario della Procura. Nardi ha lasciato il carcere lo scorso 25 giugno, mentre ieri è stata la volta di Vincenzo Di Chiaro.

Nardi e Di Chiaro erano stati arrestati il 19 gennaio del 2019 nell'ambito di una inchiesta della Procura di Lecce. Secondo gli inquirenti avrebbero fatto parte di un sistema che avrebbe dirottato indagini e processi a carico di imprenditori, in cambio di tangenti pagate ai magistrati. Nell'inchiesta sono coinvolti anche due altri magistrati, Antonio Savasta e Luigi Scimè, entrambi già in servizio nella Procura di Trani, avvocati e imprenditori.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Nuova pronuncia della giustizia amministrativa nella controversia tra il rag. Strippoli e l'azienda del comune
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
Novanta condanne nel processo "Pandora". Irrogati oltre 700 anni di carcere Novanta condanne nel processo "Pandora". Irrogati oltre 700 anni di carcere Tra gli imputati anche il coratino Michael Bottone
Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» La nota dei legali dell'azienda
"Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi "Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi A processo anche Di Chiaro, Patruno e Zagaria
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.