Palazzo di Giustizia
Palazzo di Giustizia
Cronaca

Mancata bonifica delle ex Acciaierie Pugliesi, a processo in 13. Tra gli imputati anche un coratino

Disposto il giudizio anche per il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma

La Procura della Repubblica di Bari presso il Tribunale di Bari ha citato a giudizio 13 persone con l'accusa, in concorso, dell'omessa bonifica delle ex Acciaierie e Ferriere Pugliesi. Tra i 13 imputati (imprenditori e proprietari dei suoli residenti a Barletta, Bitonto, Corato, Giovinazzo e Molfetta) c'è anche il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma.

Negli anni successivi al 1984, quando il Comitato Interministeriale per la Politica Industriale deliberò lo smantellamento del siderurgico, poi chiuso nel 1979, si è cominciato a parlare della bonifica di un territorio vasto 98mila metri quadrati, grande cioè quanto il centro storico, che rappresenta una cerniera di congiunzione tra il centro abitato giovinazzese e la lama Castello, e di possibili operazioni di recupero della vecchia area industriale. Recupero, di fatto, mai concretizzatosi.

In quell'area l'Arpa Puglia ha accertato il superamento dei limiti consentiti di CsR (Concentrazione soglia di Rischio) delle singole sostanze inquinanti e materiali di scarto; al sindaco e ai proprietari si contesta di non aver dato seguito all'ordinanza n. 4.984 della Città Metropolitana di Bari che imponeva la bonifica del sito. Il sindaco, inoltre, non avrebbe azionato nemmeno i poteri sostituitivi attribuitigli dalla legge. Nessuno, dunque, avrebbe fatto nulla per adempiere a quell'atto.

Le indagini sono partite da una notizia di reato della Città Metropolitana. Il pm Baldo Pisani contesta agli imputati di non aver «provveduto alla bonifica del sito», interessato «dall'ex stabilimento Acciaierie e Ferriere Pugliesi e dagli scarti di lavorazione depositati a lama Castello». La prima udienza si terrà il 10 novembre.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne La vittima è un coratino. Era in servizio lo scorso anno in Salento
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Chiesti 19 anni e 10 mesi per il giudice Nardi
Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava La donna morì mentre lavorava in un vigneto di Andria
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.