tribunale
tribunale
Cronaca

Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava

La donna morì mentre lavorava in un vigneto di Andria

Il giudice per l'udienza preliminare del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, ha rinviato a giudizio Luigi Terrone, amministratore unico della "Ortofrutta Meridionale Srl" per cui lavorava (in virtù di un contratto di somministrazione con l'agenzia interinale Info Group Spa) Paola Clemente, la 49enne di San Giorgio Jonico deceduta il 13 luglio 2015 mentre lavorava in un vigneto di Andria. Il processo a carico di Terrone inizierà il 12 febbraio.

L'accusa è di omicidio colposo per non aver impedito la morte della bracciante, gravando sulla Ortofrutta Meridionale, secondo il capo d'imputazione, "gli obblighi di prevenzione e protezione dei lavoratori somministrati".

Non è il solo procedimento penale derivato dalle indagini sulla morte di Paola Clemente. Il 9 novembre, infatti, sempre davanti al Tribunale di Trani, proseguirà il processo a carico di altri 6 imputati per illeciti che sarebbero stati commessi a vario titolo per reclutare e gestire numerosi braccianti occupati nei campi della provincia BAT. Cinque imputati furono accusati di concorso in truffa nonché di concorso in intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro.

Perciò furono rinviati a giudizio: Pietro Bello, direttore della divisione agricoltura dell'agenzia Info Group di Noicattaro; Oronzo Catacchio e Gianpietro Marinaro, gestori dell'agenzia di lavoro; Ciro Grassi, titolare della ditta che trasportava i braccianti nei campi; e di sua cognata Giovanna Marinaro, che, insieme a Grassi, "sarebbe stata capace di mobilitare centinaia di braccianti". Una sesta persona, Maria Lucia Marinaro (moglie di Grassi), fu accusata solo di truffa. I braccianti sarebbero stati sfruttati ed intimiditi prospettandogli di "non esser più reclutati in caso di ribellione e non accettazione delle condizioni di sfruttamento".

Spesso la paga sarebbe stata inferiore a quanto previsto dalla contrattazione collettiva. Si sarebbe, dunque, approfittato del loro stato di bisogno o di necessità. Illeciti sarebbero stati commessi anche nei documenti relativi alle posizioni lavorative.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Chiesti 19 anni e 10 mesi per il giudice Nardi
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Nuova pronuncia della giustizia amministrativa nella controversia tra il rag. Strippoli e l'azienda del comune
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.