Michele Iacovelli
Michele Iacovelli
Cultura

Nasce il Comitato Regionale Archeoclub, fra i componenti il Consigliere Nazionale coratino Michele Iacovelli

Per un coordinamento delle sedi locali su tutto il territorio pugliese per la tutela e la valorizzazione del territorio

Dopo le recenti elezioni nell'ambito del Consiglio Nazionale, per il rinnovo degli organi statutari, che hanno visto riconfermato come Presidente Nazionale Rosario Santanastasio, e la nomina fra i consiglieri del coratino Michele Iacovelli, l'Archeoclub d'Italia ha dati vita al Comitato Regionale per la Puglia, con funzioni di coordinamento delle Sedi Archeoclub locali.

Mentre Antonino Greco, della sede di Bari, è stato eletto fra i Probiviri, sono tre i componenti pugliesi del Consiglio Nazionale: Innocente Cataldi della sede di Gravina in Puglia, Sabino Silvestri della sede di Canosa di Puglia, eletto anche coordinatore regionale, e Michele Iacovelli della sede di Corato che rientrano anche nel Comitato Regionale per la Puglia, totalmente rappresentativo del territorio pugliese e in cui ogni provincia è rappresentata.

Il Comitato Regionale Puglia, infatti, oltre che da Sabino Silvestri che lo presiede, è composto dai componenti eletti nelle persone di: Angelo Campo della sede di Carosino, Barsanofio Chiedi della sede di Oria (già coordinatore regionale), Antonio Laselva della sede di Santeramo in Colle (cooptato), Donato Marrone della sede di Trinitapoli, Antonietta Martignano della sede di Nardò, Annunziata Roccotelli della sede di Bovino, Giuseppe Sorino della sede di Rutigliano, Antonia Spinetti della sede di Bari (cooptata).

"Appartenenza e coesione": questo è il carattere che, attraverso la realizzazione di progetti culturali comuni, si vuole dare al nuovo assetto associativo.

L'Archeoclub d'Italia è un grande movimento di opinione pubblica, APS, Ente Morale istituito con D.P.R. n° 55 del 2/07/1986 e svolge da 50 anni un servizio per la promozione e la tutela dei Beni Culturali ed Ambientali.

Sorto nel 1970 come centro di documentazione archeologica, opera attraverso le sue Sedi locali comunali a servizio dei Beni Culturali ed ambientali, proponendo e diffondendo la conoscenza, la tutela e la valorizzazione del territorio.

Archeoclub d'Italia ha promosso la costituzione di depositi comunali, di Antiquaria e Musei, molti dei quali sono oggi gestiti dai suoi volontari, anche in regime di convenzione con il Ministero per i Beni Culturali.

Per sensibilizzare i cittadini e coinvolgerli in un rapporto con i Beni di cui sono fruitori e depositari, Archeoclub d'Italia ha istituito "il numero verde per i Beni Culturali" gestito in collaborazione con il Ministero, per segnalare situazioni di pericolo, di degrado dei siti, di danni ambientali per il patrimonio storico-artistico, pubblico o privato. La tutela di tali Beni è affidata anche a numerosi centri nazionali permanenti per lo sviluppo di tematiche specifiche come:
  1. Centro per l'architettura e la cultura urbana dei Centri Storici a Camerino (Mc);
  2. Centro per gli studi della preistoria e protostoria della Daunia a San Severo (Fg);
  3. Centro di didattica e Laboratorio per l'ecologia del Quaternario a Cupra Marittima (Ap);
  4. Centro per lo studio dell'architettura dei Castelli a Pavullo (Mo);
  5. Centro per lo sviluppo dell'"Operazione conoscenza" a Massa Lubrense (Na);
  6. Centro di coordinamento per i campi di ricerca a Venezia;
  7. Centro di coordinamento per gli interventi di Protezione Civile a Pescara;
  8. Centro per la Preistoria e Protostoria Siciliana a Corleone (Pa);
  9. Mare Nostrum, struttura tecnica per l'archeologia subacquea a Pisa.

In occasione del suo venticinquesimo anno di vita, l'Archeoclub d'Italia ha istituito il "Premio Antiqua" per l'informazione sui Beni Culturali, allo scopo di sollecitare ed accrescere il ruolo dei mass-media nella conoscenza e valorizzazione del patrimonio storico-artistico, così come ha istituito il "Primo Salone Nazionale del Libro Archeologico", per l'editoria.

Dall'esperienza acquisita sono nate le idee più avanzate per la gestione del patrimonio nazionale, come le proposte per l'autonomia delle grandi aree archeologiche, per la istituzione dei parchi archeologici e per la partecipazione dei privati alla gestione dei Beni Culturali.

Tra le numerose campagne nazionali per la difesa del patrimonio, assumono particolare rilievo quelle in favore della Valle dei Templi ad Agrigento, dei Castelli e Fortificazioni, dell'area archeologica di Paestum, delle Chiese rupestri disseminate nel Meridione e di Pompei.

Le molteplici attività di volontariato, che si articolano in assoluta conformità alle esigenze sempre diverse dei Comuni italiani, ricchi ciascuno di una storia e di testimonianze artistiche uniche, pongono Archeoclub d'Italia in primo piano assoluto tra le Associazioni di settore e lo rendono il luogo naturale di aggregazione per tutti coloro, giovani e meno giovani, che hanno a cuore il futuro del nostro grande patrimonio culturale.

Archeoclub dimostra la propria affidabilità, compattezza e stabilità anche grazie alla comprovata continuità nei 50 anni di attività a livello associativo.

L'Archeoclub d'Italia e il Comitato Regionale della Puglia colgono l'occasione per dare il benvenuto al nuovo Direttore Regionale Musei Puglia, dott. Luca Mercuri, augurandogli buon lavoro ed auspicando proposte di collaborazione reciproca e che si possano realizzare possibili intese, a cominciare dalle prossime iniziative quali quelle delle Giornate Europee dell'Archeologia.
  • Archeoclub d'Italia
Altri contenuti a tema
Un viaggio tra l’archeoastronomia e le bellezze archeologiche di Corato Un viaggio tra l’archeoastronomia e le bellezze archeologiche di Corato “L’era dei Megaliti: il dolmen Chianca dei Paladini"
Nuovo direttivo per l'Archeoclub di Corato Nuovo direttivo per l'Archeoclub di Corato Michele Iacovelli confermato presidente per il prossimo quinquennio
Giornate dell'archeologia, l'Archeoclub racconta la Puglia Giornate dell'archeologia, l'Archeoclub racconta la Puglia Un webinar sugli aspetti dell'epoca preromana
L’atrio di Palazzo Gioia, gemma coratina di Cortili Aperti 2021 L’atrio di Palazzo Gioia, gemma coratina di Cortili Aperti 2021 Sfiorati i 200 visitatori per l’esordio in presenza dell’associazione Archeoclub d’Italia “Padre Emilio D’Angelo” sede di Corato
Puglia In-Difesa, l'archeoclub parla di salvaguardia dei beni culturali Puglia In-Difesa, l'archeoclub parla di salvaguardia dei beni culturali Un Webinar a partire dalle ore 18.30 di oggi
Giornata delle Dimore Storiche, porte aperte per l'atrio monumentale di Palazzo Gioia Giornata delle Dimore Storiche, porte aperte per l'atrio monumentale di Palazzo Gioia Ecco come partecipare alla visita guidata
Il coratino Michele Iacovelli nel consiglio nazionale di Archeoclub Il coratino Michele Iacovelli nel consiglio nazionale di Archeoclub È presidente della sezione locale dell'associazione
Alta Murgia, le proposte di Archeoclub per la valorizzazione della Necropoli di San Magno Alta Murgia, le proposte di Archeoclub per la valorizzazione della Necropoli di San Magno Di seguito il progetto definito dall'associazione che ha preso a cuore la tutela dei beni archeologici della città
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.