Toga magistrato
Toga magistrato
Cronaca

Novanta condanne nel processo "Pandora". Irrogati oltre 700 anni di carcere

Tra gli imputati anche il coratino Michael Bottone

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Novanta condanne e una sola assoluzione. È quanto stabilito dal gup del Tribunale di Bari Rossana de Cristofaro al termine del processo Pandora, ribattezzato così dal nome del vaso della mitologia greca all'interno del quale sarebbero racchiusi tutti i mali della mafia barese degli ultimi 15 anni. Il processo è stato celebrato con rito abbreviato.

Le pene inflitte per i 90 imputati sono comprese tra i 12 anni e i 16 mesi di reclusione.

Alla lettura del dispositivo, nell'aula bunker di Trani, hanno assistito il procuratore Giuseppe Volpe e i pm che hanno coordinato le indagini, Lidia Giorgio e Renato Nitti. Gli imputati, tutti affiliati ai due clan Diomede-Mercante e Capriati di Bari, rispondevano a vario titolo di associazione mafiosa pluriaggravata, tentati omicidi, armi, rapine, furti, lesioni personali, sequestro di persona e violazioni della sorveglianza speciale. Tra le condanne più elevate, quelle ai boss di Bari e Bitonto, Nicola Diomede (11 anni e 4 mesi) e Domenico Conte (10 anni e 8 mesi), e al pregiudicato Gioacchino Baldassarre (12 anni).

Tra gli imputati anche il coratino Michael Bottone, condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione.

L'indagine diretta dalla DDA di Bari e condotta dal ROS ha dimostrato che entrambi i sodalizi avevano delle articolazioni presenti in vari comuni della provincia di Bari (Valenzano, Bitonto, Adelfia, Triggiano, Altamura, Corato, Terlizzi), e di Barletta-Andria-Trani (Bisceglie, Trani).

Si tratta del più complesso processo mai celebrato in Italia interamente in videoconferenza: la Amministrazione penitenziaria ha contribuito alla gestione di decine di collegamenti in videoconferenza con altrettanti istituti penitenziari.
Con una percentuale di condanne per il delitto di associazione di stampo mafioso superiore al 98.9 % in sede di giudizio abbreviato e per la totale assenza di annullamenti in fase cautelare in relazione al quadro indiziario, il procedimento costituisce sicuramente uno straordinario risultato sotto il profilo della tecnica investigativa, avendo anche consentito di ricostruire un articolato arco temporale della vita di due tra i principali clan del territorio barese, anche in ambiti territoriali ( per esempio Bitonto e Terlizzi ), nei quali ad oggi non vi sono sentenze definitive che statuiscano l' operatività di sodalizi mafiosi.
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi
Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Rigettata la confisca dei beni nelle disponibilità di un 63enne coratino Revocati i sequestri disposti dalla magistratura tranese dal 2017 al 2019
Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Il Consiglio di Stato: «Asipu metta a disposizione i documenti per l'accesso civico generalizzato» Nuova pronuncia della giustizia amministrativa nella controversia tra il rag. Strippoli e l'azienda del comune
Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Corruzione tra giudici, chiesta condanna a 10 anni per l'ex pm Savasta Condanne richieste anche per Scimè, D'Agostino, Sfrecola e Ragno
Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» Processo giudici corrotti, la New Generation chiarisce: «Noi non siamo coinvolti» La nota dei legali dell'azienda
"Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi "Giustizia svenduta", disposto rinvio a giudizio per il giudice Nardi A processo anche Di Chiaro, Patruno e Zagaria
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.