Operatore Socio Sanitario
Operatore Socio Sanitario
Politica

Operatori socio sanitari: «Istituire l’elenco regionale professionale e degli enti di formazione accreditati»

Primo firmatario della proposta di legge è il consigliere regionale Mario Conca

"È necessario valorizzare la figura dell'operatore socio sanitario, nonché regolamentare l'accesso alla professione". Lo dichiara il consigliere del Movimento 5 Stelle Mario Conca primo firmatario della proposta di legge, depositata assieme ai consiglieri della Commissione Sanità, e scritta con la collaborazione del presidente del Cts Oss Puglia Grazia Giangrande, che punta a istituire un registro regionale professionale degli OSS e degli enti di formazione accreditati pugliesi oltre che a ravvivare un dibattito nazionale.

Le attività dell'operatore socio sanitario sono rivolte alla persona ed al suo ambiente di vita e si esplicano, in particolare, nell'assistenza diretta ed aiuto domestico alberghiero, nell'intervento igienico sanitario e di carattere sociale, supporto gestionale, organizzativo e formativo, in strutture di tipo socio-assistenziale e socio-sanitario, residenziali, semi-residenziali, ospedaliere ovvero direttamente al domicilio dell'utente. A seguito dell'incremento dell'offerta dei servizi sociosanitari a carattere domiciliare, semiresidenziale e residenziale su tutto il territorio regionale, si è registrato un progressivo aumento della domanda di personale qualificato per l'assistenza di base alle persone non autosufficienti.

"La proposta di legge prende spunto dall'esempio virtuoso della Regione Liguria in cui è già attivo un registro per gli OSS e che ha trovato il consenso degli operatori del settore. In questa prospettiva - continua Conca - non esistendo, ad oggi, un elenco che permetta di individuare i soggetti effettivamente in possesso di titoli di studio e di formazione, appare indispensabile istituire un registro dei soggetti in possesso del titolo di Operatore Socio Sanitario riconosciuto dalla Regione Puglia. Allo stesso elenco potranno essere iscritti anche gli enti accreditati per la formazione, operanti sul territorio regionale, nonché i corsi per il conseguimento della qualifica. Una proposta importante per il servizio sanitario, che non comporta oneri aggiuntivi a carico del bilancio regionale. L'OSS è figura fondamentale per il servizio sanitario regionale, ma va normata: infatti, è ingrediente imprescindibile al fine di evitare il demansionamento degli infermieri e, al contrario, la loro professionalizzazione. Per questo, dopo l'approvazione in commissione consultiva lo scorso 25 giugno, ora si attende il passaggio nella commissione referente, sperando che non passi troppo tempo prima che la norma approdi in aula"
  • Sanità
Altri contenuti a tema
A Corato una poppata collettiva per la sensibilizzazione all'allattamento materno A Corato una poppata collettiva per la sensibilizzazione all'allattamento materno In piazza Sedile il prossimo 10 novembre
Sanità, indetti i bandi per l'assunzione di 1132 infermieri in Puglia Sanità, indetti i bandi per l'assunzione di 1132 infermieri in Puglia Emiliano: «Abbiamo mantenuto la promessa»
Sanità, nella ASL Bari concorsi per 108 posti Sanità, nella ASL Bari concorsi per 108 posti Richiesti medici e personale sanitario
Conca (M5S): «Aboliamo le commissioni invalidità» Conca (M5S): «Aboliamo le commissioni invalidità» Un meccanismo che costa ogni anno 30 milioni di euro alla Regione
Pioggia di assunzioni in sanità: previsti 2500 OSS e duemila tra medici e infermieri Pioggia di assunzioni in sanità: previsti 2500 OSS e duemila tra medici e infermieri Il primo concorso unico regionale da bandire sarà quello per l'assunzione infermieri
Ospedale, Gemmato è furioso: "Carta di Ruvo solo una sceneggiata" Ospedale, Gemmato è furioso: "Carta di Ruvo solo una sceneggiata" Il duro attacco del sindaco di Terlizzi sul riordino ospedaliero
Ufficiale: l'Umberto I di Corato è ospedale di primo livello Ufficiale: l'Umberto I di Corato è ospedale di primo livello Approvato dalla giunta regionale il piano di riordino
«Facciamo rientrare in Puglia gli 800 infermieri fuori sede» «Facciamo rientrare in Puglia gli 800 infermieri fuori sede» La proposta del consigliere regionale Mennea
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.