Xylella fastidiosa
Xylella fastidiosa
Territorio

Prende forma anche a Corato il comitato “No Xylella”

Amministrazione, imprenditori e organizzazioni locali insieme per una strategia di controllo e prevenzione

Gli incontri celebratisi nelle corse settimane in comune tra l'Amministrazione comunale, alcune delle associazioni professionali agricole locali, referenti di Unioni Nazionali, organizzazioni di prodotto olivicolo, aziende agricole ed esperti del settore hanno fatto emergere la volontà unanime di accendere i riflettori, non solo nei confronti degli operatori agricoli ma di tutta la comunità locale sule tema "pericolo devastazione da Xylella".

Tale fitopatia, entrata nella nostra Regione tra il 2008 e il 2010, proveniente dal Costa Rica e manifestatasi nell'entroterra di Gallipoli, è progressivamente avanzata fino a giungere a Polignano ad una velocità di espansione di 2 km al mese.

L'effetto devastante della xylella è sotto gli occhi di tutti, con una perdita incalcolabile sia in termini produttivi (nel Salento la produzione di olio è passato dai 600000 qli del 2008 agli attuali 200000 qli), che dal punto di vista paesaggistici.

L'olivicoltura, per il comune di Corato e per quelli limitrofi, rappresenta una base essenziale per l'economia agroalimentare cittadina, e pertanto, è fondamentale che tutti gli "stakeholders", prendano coscienza che tale settore rappresenta un bene collettivo, che va oltre la proprietà privata.

È stata unanimemente condivisa la necessità di non avanzare paternità alcuna, ma di coinvolgere tutte le realtà cittadine che possono e devono contribuire a porre in essere strategie di controllo del territorio e che mettano in campo in primo luogo tutte le misure di contrasto all'avanzata del batterio.

Per rendere efficaci le possibili azioni di prevenzione ogni azienda agricola, frantoiano, farmacia agricola, cooperativa, associazione di categoria, O.P., proprietario di terreno e comune cittadino deve sentirsi parte attiva di questo processo le cui conseguenze devastanti per l'intera economia e tenuta sociale locale dovrebbero essere note a tutti.

Con questo primo comunicato, si intende avviare un canale comunicativo condiviso fra Amministrazione comunale, Assessorato regionale e Arif.

È bene che tutti sappiano che non esiste ancora una cura per la batteriosi, per cui l'individuazione di focolai nei primissimi stadi della infezione su piante sensibili e la successiva rimozione e distruzione secondo legge rappresentano le uniche forme di contenimento dell'infezione.

Solo controllando la presenza di potenziali vettori concomitanti, si può ridurre la velocità di avanzamento dell'infezione. Nei prossimi giorni si entrerà ancora più nel merito con alcuni suggerimenti operativi.

Cos'è la Xylella?

La Xylella Fastidiosa è un batterio che vive all' interno del legno e che ostruisce, con una sostanza gelatinosa i canali (floema e xylema) in cui scorre la linfa delle piante portandola inesorabilmente alla morte.

Viene portato da una pianta all' altra da alcuni insetti che pungono le piante per succhiarvi la linfa, principalmente la sputacchina.

La sputacchina (P. spumarius ) sverna da uova, compie un breve sviluppo post-embrionale di circa due mesi e una lunga vita adulta di circa sette mesi. Lo sviluppo post-embrionale si svolge da febbraio ad aprile attraverso tre stadi di neanide e due di ninfa, e termina con la metamorfosi che avviene fra metà aprile e giugno. Neanidi e ninfe si trovano prevalentemente su piante erbacee, a testa in giù e al riparo nella massa muco-schiumosa da loro stesse prodotta. Da fine aprile a novembre gli adulti si spostano in massa fra diverse piante ospiti erbacee o legnose, purché in attiva vegetazione.

Poiché questo è il periodo in cui la sputacchina inizia il suo ciclo urge quindi contenere l' evoluzione dello stesso nelle diverse zone della Puglia poiché, essendo lo sviluppo dell' insetto fortemente dipendente dalle condizioni microclimatiche, si consente di individuare il momento più opportuno per la lotta agli stati giovanili, generalmente febbraio-aprile, del pericoloso vettore mediante lavorazioni del terreno (aratura superficiale o trinciatura ) o altri sistemi di controllo principalmente fisici.

  • Xylella
Altri contenuti a tema
Prevenzione e contrasto alla Xylella, ordinanza del Comune sui lavori da effettuare Prevenzione e contrasto alla Xylella, ordinanza del Comune sui lavori da effettuare Misure da adottare entro il 10 maggio
Contrasto alla Xylella, nuove misure fitosanitarie obbligatorie Contrasto alla Xylella, nuove misure fitosanitarie obbligatorie Le azioni da svolgere su tutto il territorio regionale
Xylella, monitoraggio iniziato anche nelle campagne di Corato Xylella, monitoraggio iniziato anche nelle campagne di Corato A lavoro i tecnici ARIF e Osservatorio Fitosanitario
Grave l'epidemia di xylella in Puglia: colpiti da 8 mila a 770 mila ettari in 5 anni Grave l'epidemia di xylella in Puglia: colpiti da 8 mila a 770 mila ettari in 5 anni Audizione presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati
Dolore, malinconia e speranza, "Figli di Madre Terra" mette in scena la lotta contro il mostro Xylella Dolore, malinconia e speranza, "Figli di Madre Terra" mette in scena la lotta contro il mostro Xylella Oggi anteprima del cortometraggio di Francesco Martinelli e Michele Pinto in presentazione della conferenza "Xylella e danni dal gelo: vecchie e nuove sfide dell'olivicoltura pugliese"
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.