San Domenico di Guzman
San Domenico di Guzman
Religione

Si chiude il giubileo per il V centenario della presenza dei domenicani a Corato

Doppio appuntamento giovedì 27 dicembre

I festeggiamenti per i 500 anni della presenza dei domenicani a Corato si chiudono oggi, giovedì 27 dicembre, con un doppio appuntamento. Dalle 16,30 sarà apposto l'annullo filatelico sulle due cartoline che celebrano la ricorrenza, realizzate per l'occasione in edizione limitata a 500 esemplari e firmate dai creativi di Spore società cooperativa. Alle 19,30, invece, sarà la volta della solenne celebrazione eucaristica presieduta dall'arcivescovo di Trani, Barletta e Bisceglie, monsignor Leonardo D'Ascenzo, alla presenza di tutti i sacerdoti coratini. Con la messa, quindi, si chiude la porta santa aperta il 22 febbraio e il giubileo parrocchiale.

"Un grazie al Signore per questo bellissimo anno, nel quale abbiamo potuto celebrare quanto il Signore stesso ci ha donato e la grande grazia ereditata dai nostri predecessori", commenta il parroco di San Domenico, don Gino Tarantini. E se per raccogliere le attività che si sono succedute nel corso dell'anno è annunciata una pubblicazione, la prima iniziativa in questa direzione è data dalla stampa di due cartoline con altrettanti soggetti.

Una riproduce l'affresco che ritrae Domenico di Guzmán in preghiera estatica davanti alla croce: "È la più antica testimonianza rinvenuta fino a oggi nell'ex convento dei padri predicatori, edificato in città nel 1518", spiegano dalla parrocchia intitolata al frate spagnolo.

La seconda raccoglie l'iconografia domenicana. Ovvero i numerosi simboli che ricordano le caratteristiche della sua vita di fede e dell'attività pastorale: l'abito bianco e nero che indossano i frati domenicani; il giglio, simbolo di verginità secondo la tradizione iconografica cristiana; il bastone e il libro della Sacra scrittura, consegnati dagli apostoli Pietro e Paolo al santo di Guzmán durante una visione. E poi la stella, che ricorda quella vista dalla nutrice sulla fronte di Domenico al momento del battesimo; il cane dal mantello bianco e nero con una torcia in bocca che infiamma il mondo; la croce gigliata, che per secoli è stata il simbolo dell'ordine religioso.
  • San Domenico
Altri contenuti a tema
Simulacri lignei di Corato ne “La fabbrica dei Santi” di Francesco Di Palo Simulacri lignei di Corato ne “La fabbrica dei Santi” di Francesco Di Palo Nel volume sull'arte scultorea meridionale anche il Sant'Antonio della Chiesa San Domenico e il Sacro Cuore della Chiesa S.M. Greca
Un nuovo incontro per conoscere la storia della Chiesa di San Domenico Un nuovo incontro per conoscere la storia della Chiesa di San Domenico Chiara Capozza proporrà delle riflessioni sul tema: 1900. Ampliamento della chiesa di San Domenico con gli occhi dell’architetto Pasquale Malcangi
Corato festeggia San Domenico, patrono di astronomi, cucitrici e sarti Corato festeggia San Domenico, patrono di astronomi, cucitrici e sarti Domani l'inaugurazione della tarsia marmorea, interverrà Mons. Leonardo D'Ascenzo
Alla scoperta della storia della Chiesa di San Domenico Alla scoperta della storia della Chiesa di San Domenico Due incontri per conoscere il meraviglioso patrimonio storico locale
"Senza sbarre", don Riccardo Agresti racconta il suo progetto di rieducazione socio - lavorativa "Senza sbarre", don Riccardo Agresti racconta il suo progetto di rieducazione socio - lavorativa Un incontro in occasione dei quarant'anni di sacerdozio di don Gino Tarantini
Don Riccardo Agresti a Corato racconta il progetto "Senza Sbarre" Don Riccardo Agresti a Corato racconta il progetto "Senza Sbarre" Il sacerdote andriese sarà ospite di don Gino Tarantini nella chiesa di San Domenico
La comunità di San Domenico accoglie la campana benedetta dal Papa La comunità di San Domenico accoglie la campana benedetta dal Papa La campana resterà in chiesa fino alla data dell’8 agosto, memoria di San Domenico
La figura di Pasquale Malcangi al centro di un convegno La figura di Pasquale Malcangi al centro di un convegno L'iniziativa rientra nelle celebrazioni del V Centenario della presenza dei Domenicani a Corato
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.