Tribunale di Trani. <span>Foto Vincenzo Cassano</span>
Tribunale di Trani. Foto Vincenzo Cassano
Scuola e Lavoro

Tribunali a mezzo servizio, gli avvocati pronti ad una protesta

Indetto un flashmob a Trani per richiedere la riattivazione dei normali servizi

Gli avvocati di Trani parteciperanno al flash mob indetto a livello nazionale per chiedere la ripresa effettiva delle attività e delle udienze in Tribunale dopo il lockdown. L'appuntamento è in Piazza Duomo a Trani il 29 maggio prossimo alle ore 12.00. L'iniziativa è partita da un gruppo di avvocati che hanno aperto una pagina Facebook dal nome "La Giustizia sospesa" dove spiegano le loro ragioni e danno appuntamento davanti a tutti i tribunali d'Italia per consegnare i loro codici.

"Gli avvocati chiedono di essere sentiti per contribuire all'adozione di interventi urgenti e concreti che consentano alla giustizia di ripartire davvero; di essere riconosciuti come una componente essenziale del sistema produttivo. E ancora di partecipare ai processi decisionali che determinano, modificano, incidono sulla loro attività e di contribuire alla programmazione di un sistema di gestione dell'attività giudiziaria che ne assicuri lo svolgimento ordinato e regolare anche in caso di recrudescenza dell'epidemia" si legge nella nota diffusa dal comitato spontaneo del foro di Trani "La Giustizia Sospesa".

"Non è possibile andare avanti con una Giustizia a mezzo servizio. Tutte le attività riaprono ma i tribunali restano indietro. Gli accessi sono limitati, i tempi degli adempimenti in cancelleria e delle udienze si allungano. Una buona parte dei procedimenti fissati nel periodo di sospensione sono stati rinviati in autunno. I protocolli per le udienze a trattazione scritta o per quelle da remoto sono diversi. Agli avvocati è stato impedito di svolgere la professione ed ai cittadini di tutelare i loro diritti nel periodo del lockdown e la ripresa è ancora un miraggio".

Il Comitato Spontaneo del Foro di Trani, "La Giustizia Sospesa",
Avv. Alessandro Moscatelli
Avv. Lucio De Benedictis
Avv. Tommaso Divincenzo
Avv. Pasquale Di Noia
Avv. Domenico di Pierro
Avv. Agata Oliva
Avv. Giovanni Cozzoli
Avv. Gennaro Rociola
Avv. Marco Augusto Pedico
Avv. Claudia Casalino
  • Giustizia
Altri contenuti a tema
"Giustizia svenduta", torna in libertà l'ispettore di Polizia Di Chiaro "Giustizia svenduta", torna in libertà l'ispettore di Polizia Di Chiaro Revocata la misura degli arresti domiciliari
Mancata bonifica delle ex Acciaierie Pugliesi, a processo in 13. Tra gli imputati anche un coratino Mancata bonifica delle ex Acciaierie Pugliesi, a processo in 13. Tra gli imputati anche un coratino Disposto il giudizio anche per il sindaco di Giovinazzo Tommaso Depalma
Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne Aggressione a ispettore Sky in un circolo privato, tre condanne La vittima è un coratino. Era in servizio lo scorso anno in Salento
1 Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Giustizia svenduta: condanna a 16 anni per Nardi, nove anni per Di Chiaro Il tribunale si è pronunciato nel pomeriggio di oggi
Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Giustizia svenduta, i PM chiedono 10 anni di reclusione per il poliziotto Di Chiaro Chiesti 19 anni e 10 mesi per il giudice Nardi
Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava Morte di Paola Clemente, rinvio a giudizio per l'amministratore dell'azienda coratina per cui lavorava La donna morì mentre lavorava in un vigneto di Andria
Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Armi e munizioni nei sotterranei del commissariato: erano di Di Chiaro? Si trovavano in alcuni scatoloni con gli effetti personali dell'ispettore di Corato
Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Manca il braccialetto elettronico, Nardi e Di Chiaro lasciano il carcere dopo una settimana dall'ok Per il giudice e il poliziotto l'ok ai domiciliari era arrivato lo scorso 19 giugno
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.