Ramoscello di ulivo
Ramoscello di ulivo
Territorio

Xylella, individuato focolaio a Canosa. Spagnoletti Zeuli: «La Regione non perda tempo»

Il presidente Restart esprime preoccupazione ma evita allarmismi

Un nuovo focolaio di Xylella fastidiosa è stato purtroppo scoperto a Canosa di Puglia. È il primo rilevamento sul territorio a nord di Bari. Quanto riscontrato non è certo confortante per gli operatori del comparto agricolo del territorio, in particolare per gli imprenditori olivicoli.

Sul sito istituzionale emergenza Xylella è stata pubblicata la determinazione n° 179 del 14 Dicembre con l'aggiornamento delle aree delimitate alla Xylella fastidiosa Pausa ST53. Il focolaio in agro di Canosa è costituito da 8 campioni pool (campioni multipli) di piante di Dodonaea viscosa "purpurea" distribuite in due siti, raccolti in un "centro produttivo", distanti tra loro circa 500 metri e anch'esse infette da Xylella della sottospecie Pauca.

«Non è il caso di allarmarsi, ma c'è da essere seriamente preoccupati: la Xylella al momento è presente in un vivaio di Canosa, e non in un oliveto, per questo motivo si può circoscrivere subito questo focolaio». Lo ha affermato Onofrio Spagnoletti Zeuli, mprenditore agricolo e portavoce dell'associazione Restart, realtà che racchiude le maggiori aziende olivicole pugliesi nata dall'esperienza dei gilet arancioni dell'agricoltura del 2019.

«Occorre immediatamente chiudere la struttura e distruggere tutte le piante, ricostruendo la tracciabilità dei prodotti in ingresso e in uscita, e prevedendo naturalmente un giusto ristoro per il vivaio stesso» ha aggiunto in modo perentorio.

«La Regione Puglia non perda nemmeno un secondo di tempo: non possiamo mettere a repentaglio il polmone olivicolo italiano rappresentato dalle province di Bari e Bat, occorre dare sicurezza e certezza per il futuro delle imprese» ha tagliato corto Spagnoletti Zeuli.
  • Agricoltura
Altri contenuti a tema
Gelate 2018: conclusa la procedura per l'erogazione del contributo regionale Gelate 2018: conclusa la procedura per l'erogazione del contributo regionale Riconosciuto quanto dovuto a 214 aziende del territorio
Grano duro, Cia Puglia: "L'import spagnolo incombe su quello pugliese" Grano duro, Cia Puglia: "L'import spagnolo incombe su quello pugliese" Carrabba: “L’aumento del prezzo non compensa le perdite dovute alla minore resa dei campi”
Nasce “Agrodriver”, la guida in campo per le imprese olivicole Nasce “Agrodriver”, la guida in campo per le imprese olivicole Il servizio del Consorzio Oliveti d’Italia per condividere modello olivicolo ed esperienza ventennale
Morti sul lavoro, «Emiliano convochi Tavolo per definire condizioni lavoratori» Morti sul lavoro, «Emiliano convochi Tavolo per definire condizioni lavoratori» Intervento congiunto Cia Puglia, Confagricoltura Puglia e Copagri Puglia
Troppo caldo, Emiliano emana ordinanza: "Stop lavoro nei campi nel primo pomeriggio" Troppo caldo, Emiliano emana ordinanza: "Stop lavoro nei campi nel primo pomeriggio" Agricoltori fermi dalle 12.30 alle 16.30 sino a fine agosto
I vertici della filiera olivicola italiana si ritrovano a Corato per tracciare le linee guida del futuro del settore I vertici della filiera olivicola italiana si ritrovano a Corato per tracciare le linee guida del futuro del settore Ospiti eccellenti per un incontro strategico
A rischio la produzione agricola, in Puglia arrivano 320 lavoratori extracomunitari A rischio la produzione agricola, in Puglia arrivano 320 lavoratori extracomunitari Coldiretti: «Segnale di attenzione, in attesa del Decreto Flussi 2021»
Comitato per l'ordine e la sicurezza nelle campagne, «Regione pronta ad accogliere le denunce» Comitato per l'ordine e la sicurezza nelle campagne, «Regione pronta ad accogliere le denunce» L'impegno attraverso l’assessore Pentassuglia ad attivare azioni di controllo per difendere il patrimonio agricolo pugliese
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.