tribunale
tribunale
Attualità

Alla Procura di Trani arriva un nuovo sostituto: è la dott.ssa Maria Isabella Scamarcio

Il magistrato si insedierà il prossimo 17 dicembre, in sostituzione della collega Valentina Botti

Un nuovo sostituto procuratore della Repubblica giungerà a giorni a Trani e precisamente si insedierà il prossimo 17 dicembre. E' la 55enne Maria Isabella Scamarcio, originaria di Andria, proveniente dalla Procura della Repubblica di Benevento dove si è occupata di indagini inerenti la Pubblica Amministrazione ed Ambiente. Subentra alla collega Valentina Botti, destinata ad altro incarico.

Dopo la nomina ad uditore giudiziario, nel 1992, è stata inizialmente destinata alla funzione giudicante monocratica presso la Pretura circondariale di Taranto e successivamente, dal 1996, a quelle collegiali presso il Tribunale di Bari dove è restata fino al 2010, occupandosi di procedimenti complessi e delicati in tema di criminalità organizzata e delitti contro la pubblica amministrazione.
Successivamente ha svolto, per più di un lustro, funzioni di componente c.d. "pieno regime" in Corte di Assise, anche in questo ambito per processi "fisiologicamente" rilevanti.

Nel 2008 e negli anni seguenti ha svolto funzioni di componente, nella qualità di Presidente facente funzioni del collegio del Tribunale del Riesame e di quello delle Misure di Prevenzione ed Antimafia, occupandosi di tutta la materia circa la pericolosità sociale in capo agli indiziati di appartenenza ad associazioni mafiose.

Nella stessa sede giudiziaria ha ricoperto anche funzioni promiscue di Giudice per le indagini preliminari e di Giudice per l'udienza preliminare.
Per circa due anni, fino al 2011 ha altresì espletato incarichi "fuori ruolo", inizialmente come collaboratore a tempo pieno nella Commissione Parlamentare d'inchiesta sul fenomeno mafioso e delle altre Commissioni criminali anche straniere, nonché quello di vice Capo di Gabinetto del Ministro della Giustizia, l'on. Nitto Palma, con particolare riguardo alle tematiche relative all'attività del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria.

Dal 2013 è stata assegnata prima alla Procura capitolina con funzioni requirenti di primo grado e successivamente alla Procura di Benevento. Durante questo periodo ha svolto funzione "fuori ruolo", come vice Capo di Gabinetto del Ministro dell'Ambiente del Governo Renzi-Gentiloni, l'on. Gian Luca Galletti.
E' tra i redattori della rivista mensile di Dottrina, Giurisprudenza e Legislazione "La Giustizia Penale".

Auguri di buon lavoro quindi, alla dottoressa Maria Isabella Scamarcio da parte del circuito Viva.
  • Tribunale
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Csm condanna la PM dell'inchiesta sullo scontro dei treni: «Doveva astenersi, conosceva l'avvocato» Csm condanna la PM dell'inchiesta sullo scontro dei treni: «Doveva astenersi, conosceva l'avvocato» Confermata la censura per la dott.ssa Simona Merra
Usura, respinta la richiesta di affidamento ai servizi sociali per D'Introno Usura, respinta la richiesta di affidamento ai servizi sociali per D'Introno L'imprenditore coratino dovrà scontare in carcere la sua pena
Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Processo Di Vincenzo, quattro condanne in Appello Ridotte le pene, assolto Piancone
Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Giudici corrotti, chiesto il processo per 10 imputati Si andrà davanti al gip il prossimo 11 settembre
«Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione «Il fatto non sussiste», l'ex assessore Roselli assolto dall'accusa di tentata concussione In seguito al procedimento, Roselli si dimise dall'incarico politico
Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Operazione Pandora, il pm chiede condanne per 91 imputati Nel processo è coinvolto anche un coratino
Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» Inchiesta toghe sporche, Savasta ammette: «Chiesi denaro a Tarantini» I soldi per archiviare una indagine artatamente allestita
Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Inchiesta toghe sporche, accuse anche per il magistrato Scimé Lo riferisce l'Ansa: avrebbe preso 75mila euro
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.