manette
manette
Cronaca

Anche una azienda di Corato nello scandalo che coinvolge Gattuso

Il tecnico Rossonero è uno degli indagati in una vasta operazione

Nove misure cautelari, una in carcere e 8 obblighi di dimora, in un'inchiesta per riciclaggio di denaro, coordinata dalla Procura di Ivrea (Torino) che ha coinvolto in tutto 53 persone, tra cui l'allenatore del Milan Rino Gattuso, indagato per trasferimento fraudolento di valori.

Il tecnico rossonero e' coinvolto in quanto socio, con il 35% delle quote, della societa' agricola 'Tre olmi' di Gallarate, fallita nel 2014 e considerata dagli investigatori strumento di riciclaggio. L'inchiesta era partita nel 2010.

L'ordinanza di custodia cautelare in carcere riguarda l'imprenditore Pasquale Motta, 45 anni, di Pino Torinese, legato a persone vicine all'ndrangheta, che costituiva - secondo l'accusa - societa' per riciclare denaro.
L'elenco dei reati ipotizzati dopo le indagini condotte dai carabinieri di Torino, sono trasferimento fraudolento di valori,
falso in atto pubblico, abuso d'ufficio, peculato, indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato, ricettazione, riciclaggio, corruzione e induzione indebita.

L'inchiesta e' nata da una denuncia di 8 anni fa, presentata dall'ex gestore della casa di riposo comunale 'Casa del sole' di Favria (Torino). Sono emerse irregolarita' avvenute tra il 2010 e il 2013.

L'imprenditore arrestato avrebbe estromesso la vecchia gestione e avrebbe percepito 112 mila di contributi pubblici grazie ai suoi rapporti con alcuni amministratori pubblici. Tra gli indagati ci sono l'ex sindaco di Fabria, Giorgio Cortese, alcuni componenti della giunta e del consiglio comunale nel 2010.

Dalle indagini a' emerso che Pasquale Motta era socio occulto di quattro societa', Villa Nizia con sede a Favria, Eurocoop di Corato (Bari), Studio Medical San Luig, con sede a Castrovillari (Cosenza), societa' agricola 'Tre olmi'.
  • Procura della Repubblica
Altri contenuti a tema
Sentenze pilotate, sei condanne Sentenze pilotate, sei condanne I fatti risalgono agli anni 2008 - 2010
Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» Corruzione tra giudici, Casillo: «Pagai per essere libero» L'imprenditore di Corato rivela nuovi elementi contro i giudici che fecero arrestare la sua famiglia
Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Corruzione tra i giudici, Savasta chiede di lasciare la magistratura Nel registro degli indagati spunta il nome del magistrato Luigi Scimè
Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Antonino Di Maio riconfermato alla guida della Procura di Trani Eletto dalla maggioranza del Csm, batte il suo rivale Renato Nitti
Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Inchiesta magistrati, spuntano nuove accuse Aumenta il numero degli indagati. La Gazzetta del Mezzogiorno diffonde nuovi particolari
Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse Inchiesta magistrati: Savasta non risponde al Gip, Nardi e Di Chiaro respingono le accuse L'avvocato Tandoi al Tg3: «Di Chiaro ha accettato di rispondere»
Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Arresto magistrati, testimone chiave è il coratino Flavio D'Introno Le sue rivelazioni determinanti per gli arresti
3 Corruzione, arresti eccellenti. In manette due magistrati e un ispettore di polizia in servizio a Corato Corruzione, arresti eccellenti. In manette due magistrati e un ispettore di polizia in servizio a Corato Coinvolti anche due avvocati e un imprenditore
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.