Anziani
Anziani
Editoriale

Anziana aggredita da giovanissimi. In città è escalation di violenza

Ennesimo episodio di brutalità. È il momento di reagire

Le pagine di cronaca nera cittadina si arricchiscono di un nuovo, brutale, episodio di violenza che vedrebbe coinvolti alcuni giovanissimi, protagonisti di una violenta aggressione ai danni di una anziana signora. Ragazzini, nel pomeriggio di ieri, sarebbero entrati in casa dell'anziana donna e l'avrebbero malmenata procurandole la frattura di un femore.
Volevano rubare qualcosa? Volevano dimostrare il loro essere al di sopra di ogni elementare regola?

Soltanto le indagini delle forze dell'ordine potranno fare chiarezza sull'accaduto che è un chiaro sintomo di una escalation di violenza che degenera giorno dopo giorno e che potrebbe avere esiti funesti per le persone e devastanti per la società.

Solo alcuni giorni fa le pagine di uno dei giornali online cittadini riportavano la testimonianza di un giovane, aggredito a sua volta da un gruppo di ragazzini per il solo piacere di manifestare la propria prepotenza verso chi consideravano più debole. Anche in questo caso la pubblica denuncia di chi ha subito le angherie non è servita in alcun modo a scoraggiare l'atteggiamento stile Gomorra di giovani criminali emergenti, evidentemente compiaciuti delle loro malefatte.

È ormai chiaro che non è più sufficiente imbattersi in auto di servizio delle forze dell'ordine che girano per le vie della città con i lampeggianti accesi per porre un rimedio a questa escalation di violenza che rischia di diventare incontrollabile. Non è la percezione di sicurezza che deve crescere nella nostra città ma la sicurezza nel senso stretto del termine.
E sono tanti gli attori che devono contribuire a sedare questo fenomeno al quale la nostra cittadinanza non era abituata. Scuola, istituzioni, famiglie, associazioni, forze dell'ordine e anche mezzi di informazione hanno, in questo momento storico, un ruolo fondamentale per prevenire e reprimere il dilagare di episodi di violenza.

Alcune settimane fa, nella scuola De Gasperi di Corato, si è tenuto un interessante incontro con i ragazzi sul tema del bullismo. Un incontro molto diverso dalle solite conferenze che sciorinano nozioni e definizioni che lasciano il tempo che trovano. Nell'incontro sono stati gli stessi ragazzi a raccontare di essere vittime di episodi di sopraffazione. Un numero impressionante di ragazzi ha avuto la possibilità di sfogare la propria paura, il proprio terrore per situazione di violenza fisica e psicologica subita da parte di propri coetanei o comunque giovanissimi. Le lacrime di alcuni di loro, segno di un disagio interiore molto profondo, ci hanno comunicato che c'è ancora tanto lavoro da fare per rimarginare una piaga sociale che, purtroppo, va incancrenendosi.

Informazione, innanzitutto, affinché chi si rende protagonista di simili brutalità si senta scoraggiato dal vuoto che potrà trovare intorno a sé. Non saranno i lampeggianti accesi delle auto delle forze dell'ordine a dare sicurezza alla città e a salvare le vite dei giovanissimi delinquenti.
  • Aggressione
Altri contenuti a tema
Quattordicenne di Corato aggredito allo stadio perché tifava Inter Quattordicenne di Corato aggredito allo stadio perché tifava Inter Individuati i presunti aggressori. Indaga la digos di Lecce
Criminalità a Corato, minorenne blocca scippatore Criminalità a Corato, minorenne blocca scippatore Il furto ai danni di una anziana sventato da un 12enne
Sicurezza in città: De Benedittis chiede tavolo per l'ordine, la Lega scende in piazza Sicurezza in città: De Benedittis chiede tavolo per l'ordine, la Lega scende in piazza La reazione di alcuni gruppi politici ai recenti casi di cronaca
«Anche io aggredito dal branco. Salvo perché sono riuscito a difendermi» «Anche io aggredito dal branco. Salvo perché sono riuscito a difendermi» La testimonianza di un nostro lettore. «La situazione sta sfuggendo di mano»
Aggredito dal branco, questa volta la vittima è un anziano Aggredito dal branco, questa volta la vittima è un anziano Continua la scia di violenza
Dà in escendescenza e aggredisce i passanti, paura in via Ruvo Dà in escendescenza e aggredisce i passanti, paura in via Ruvo L'uomo è stato bloccato e sottoposto a cure. In ospedale un agente di polizia locale
Sangue in piazza Principessa Margherita, donna ferita Sangue in piazza Principessa Margherita, donna ferita Gli esercenti della zona: «Noi abbandonati»
Quando (si pensa che...) ad aver torto è l'insegnante... Quando (si pensa che...) ad aver torto è l'insegnante... Insegnanti alle prese con l'inciviltà di genitori e studenti
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.