Ristorante
Ristorante
Economia

Fondo ristorazione, una opportunità per il mondo della ristorazione e dell'agricoltura

Le informazioni utili per accedere alla domanda

Il sindaco, Corrado De Benedittis, e l'amministrazione comunale segnalano un'opportunità per i ristoratori e per il mondo agricolo: il Fondo ristorazione, promosso dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.

Il Fondo ristorazione, infatti, vuole creare o consolidare la sinergia tra due settori fortemente penalizzati in questo periodo di emergenza sanitaria: gli operatori Ho.re.ca. e i produttori agroalimentari attraverso un contributo da mille euro e fino a un massimo di 10mila euro per l'acquisto di prodotti delle filiere agricole e alimentari al 100% Made in Italy.

La domanda si presenta sul portale web www.portaleristorazione.it fino alle 23.59 di sabato 28 novembre o fino all'orario di chiusura di sabato 28 novembre dell'Ufficio postale prescelto.
L'ordine di presentazione non dà diritto ad alcuna precedenza sulla erogazione del contributo. É dunque possibile recuperare tutta la documentazione richiesta prima di presentare la domanda entro il 28 novembre.

Ogni impresa richiedente (associata a un codice fiscale/partita Iva) può presentare una sola domanda.

Si presentano le fatture degli acquisti effettuati da agosto in poi di prodotti agroalimentari italiani e vitivinicoli, rigorosamente made in Italy. Sono prioritari gli acquisti di prodotti Dop e Ipg e di prodotti ad alto rischio di spreco come latte 100 % italiano, prosciutto crudo e prosciutto cotto 100% italiano, olio extra vergine di oliva 100% italiano e/o e altri prodotti di origine italiana.

Il beneficiario deve aver acquistato 3 differenti tipologie di prodotti agricoli o alimentari previsti nella "Tabella Prodotti" (cfr. https://www.portaleristorazione.it/tabella-prodotti.pdf) . Il mancato rispetto di questo requisito determina il rigetto della domanda.

Occorre assicurarsi che il codice fiscale sia quello indicato nella visura camerale e che il codice Ateco sia aggiornato e corrisponda quelli previsti nel decreto ministeriale. Il codice Iban deve essere intestato all'impresa richiedente.

I codici Ateco interessati sono i seguenti:
* 56.10.11 ristorazione con somministrazione
* 56.29.10 mense
* ‪56.29.20‬ catering continuativo su base contrattuale
* 56.10.12 attività di ristorazione connesse alle aziendeagricole
* ‪56.21.00‬ catering per eventi, banqueting
* ‪55.10.00‬ alberghi, limitatamente alle attività autorizzatealla somministrazione di cibo.

Dopo un primo controllo sarà versato in automatico un anticipo del 90% degli acquisti effettuati. Verificata la documentazione, saranno emessi i bonifici a saldo del contributo concesso.

Per maggiori informazioni sulle modalità di compilazione della domanda di adesione al fondo o per conoscere lo stato della propria pratica è disponibile il numero verde ‪800.122.160‬ (gratuito da rete fissa e mobile), dal lunedì al sabato dalle 08 alle 20.In caso di richieste circa lo stato della pratica inviata, è necessario avere a portata di mano il numero Id della pratica.
  • Economia
Altri contenuti a tema
Cessione del quinto: più difficoltà per i dipendenti delle piccole imprese, ma le richieste aumentano Cessione del quinto: più difficoltà per i dipendenti delle piccole imprese, ma le richieste aumentano Come funziona la cessione del quinto per i dipendenti privati
Fiscalità dei neo-residenti in Italia Fiscalità dei neo-residenti in Italia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Le Holding di famiglia Le Holding di famiglia A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti riaprono dal 18 maggio. C'è l'accordo Governo-Regioni Bar, ristoranti, parrucchieri ed estetisti riaprono dal 18 maggio. C'è l'accordo Governo-Regioni Tra giovedì e venerdì arriveranno le linee guida per consentire alle Regioni di riaprire
Boccia: «Se l'epidemia continuerà a calare attività potranno aprire dal 18 maggio» Boccia: «Se l'epidemia continuerà a calare attività potranno aprire dal 18 maggio» Il ministro apre uno spiraglio anche per bar e ristoranti. «Stiamo definendo le linee di sicurezza»
Bar, ristoranti e parrucchieri: possibile riapertura il 18 maggio Bar, ristoranti e parrucchieri: possibile riapertura il 18 maggio Le attività potrebbero riaprire in Puglia appena saranno pronte le disposizioni per la sicurezza dei clienti
La tassazione dell'atto di donazione in trust La tassazione dell'atto di donazione in trust A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
Come investire minimizzando i rischi Come investire minimizzando i rischi Conoscere quali sono le più importanti forme di investimento
© 2016-2021 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.