Guardie mediche Usca a Milano
Guardie mediche Usca a Milano
Attualità

Gaetano, il medico coratino che opera come volontario Usca a Milano

Da martedì il nostro concittadino è una delle guardie mediche Covid a domicilio

Si chiama Gaetano, ha 30 anni ed è un medico coratino di istanza a Milano in un periodo emergenziale in cui la Lombardia resta la regione più colpita dai drammatici risvolti della diffusione del contagio da Coronavirus.

L'ultimo bollettino del 1 aprile della regione parla chiaro: sono 44.773 i positivi in Lombardia, 7.593 le vittime, 11.927 persone ricoverate, 1.342 in terapia intensiva, 23.911 i dimessi o in isolamento domiciliare, ma ci sono migliaia di persone che non sono mai passate da una struttura sanitaria.

Dal 31 marzo è stato attivato a Milano il servizio Usca: unità speciali di continuità assistenziale, cioè guardie mediche Covid, che si recano in visita a casa di malati conclamati o sospetti.

Le Usca hanno due basi operative, una in via Farini e una all'ospedale San Carlo di Milano, fra i medici in continuità assistenziale c'è anche il nostro concittadino Gaetano Lops che ha aderito volontariamente alla proposta di far parte delle Usca e ha raccontato la sua attività in una intervista rilasciata al Corriere.it.

Le guardie mediche Covid operano sotto il coordinamento dei medici di base, prestando servizio assistenziale a domicilio che fino a martedì è stato carente, se non inesistente, attivato a più di un mese dall'esplosione dell'epidemia per cercare di intercettare e curare le persone contagiate dal Covid-19, salvandole e allentando la pressione sugli ospedali.

Il servizio medico di Gaetano fonda la sua preparazione semplicemente sul protocollo descritto dall'Ats e un video realizzato dallo Spallanzani di Roma. «Certo, noi che andiamo casa per casa non sempre possiamo seguire le regole rigide di un ospedale» - ha dichiarato nell'intervista. Da oggi è stata attivata la piattaforma per le segnalazioni. «A regime dovrei riuscire a fare una decina di visite al giorno».

Parte in taxi dal San Carlo per recarsi a far visita ai pazienti munito di strumenti disinfettati con cura e che riporta in ospedale per la disinfezione dopo ogni controllo. Prima di entrare in casa, indossa i suoi dispositivi di protezione usa e getta: occhiali protettivi, secondo paio di guanti usa e getta, sovrascarpe, camice. «Non esiste una zona filtro - spiega - Mi cambio sul ballatoio».

Con i suoi pazienti istaura anche un dialogo, un rapporto umano, per far capire loro di non essere lasciati soli, anche se costretti a vivere la quarantena in casa e non sotto osservazione in una struttura ospedaliera, anche se non sono mai stati sottoposti ad alcun test. «Nemmeno noi al momento facciamo tamponi» - dice il medico che, a fine visita, ribadisce ai pazienti «Se cambia qualcosa fateci sapere».

Uscito da ogni appartamento, sempre sul ballatoio, si sveste delle protezioni. Camice e guanti sporchi finiscono in un sacco, mentre gli strumenti vengono infilati in una seconda busta e riportati alla base per la disinfezione. «In teoria ci dovrebbe essere un collega a controllare che non faccia errori nel togliere le protezioni, ma così potremmo fare solo la metà delle visite». La sua è una corsa contro il tempo e quando gli viene chiesto se ha paura risponde «Direi che è meglio lavorare in queste unità, abbiamo più protezioni. Pure la mia famiglia è più tranquilla. Mamma mi ha detto: "Vai e porta a quelle persone un sorriso: anche se hai la mascherina, lo vedono dagli occhi"».
  • Emergenza Coronavirus
Altri contenuti a tema
Manovra economica anti-Covid19 da 750 milioni, i primi tre avvisi Manovra economica anti-Covid19 da 750 milioni, i primi tre avvisi Emiliano: «La Puglia riparte se ripartono le imprese. Da oggi un sostegno regionale concreto»
Registrati oltre 20mila arrivi in Puglia dal 3 giugno Registrati oltre 20mila arrivi in Puglia dal 3 giugno Emiliano: “grande senso di responsabilità da parte dei cittadini”
Autosegnalazione, oltre 80mila gli accessi sulla piattaforma della Regione Autosegnalazione, oltre 80mila gli accessi sulla piattaforma della Regione Alle 16 compilati oltre 6600 moduli
Dalla Regione 9 milioni ai Comuni per interventi socio-economici Dalla Regione 9 milioni ai Comuni per interventi socio-economici Misura d'emergenza per interventi in favore di nuclei familiari con particolari fragilità
Assistenti civici, è polemica sul bando della Protezione Civile Assistenti civici, è polemica sul bando della Protezione Civile Vertice tra Conte, Boccia e i ministri del lavoro e degli interni
Emergenza Covid19, gli Psicologi di Puglia: «Salute mentale a rischio» Emergenza Covid19, gli Psicologi di Puglia: «Salute mentale a rischio» I medici scrivono ad Emiliano: «La Regione si attivi al più presto per affrontare i problemi legati all’emergenza»
Emergenza coronavirus, ok alle attività corsistiche e ai parchi divertimento Emergenza coronavirus, ok alle attività corsistiche e ai parchi divertimento Nuova ordinanza del presidente della Regione
Coronavirus e nuovi poveri. Coldiretti: «In Puglia è piaga sociale» Coronavirus e nuovi poveri. Coldiretti: «In Puglia è piaga sociale» Sale di oltre il 40% il numero di nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto per mangiare per effetto della crisi economica
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.