Il cane smarrito
Il cane smarrito
Territorio

Gli rubano l'auto con all'interno il cane: «Aiutatemi a ritrovarlo. Per me è come un figlio»

Ritrovata la vettura, ma dell'animale nessuna traccia. Il ladro lascia un biglietto di scuse sul cofano

Sono ore di angoscia e sofferenza per un anziano di Bitonto, vittima dei ladri mentre era al lavoro nel suo uliveto nei pressi di Terlizzi, assieme al suo fido amico a quattro zampe.

Alcuni malviventi, mentre l'uomo era intento nei lavori di potatura, si sono intrufolati nella vecchia Fiat Panda verde a bordo della quale raggiungeva il suo terreno e si sono dati alla fuga senza accorgersi che nel bagagliaio posteriore aperto dell'auto si era accucciato il cagnolino dell'agricoltore in attesa del suo padrone. Durante la fuga tra i campi il portellone del bagagliaio si è però chiuso, impedendo all'animale di poter saltare fuori e lasciandolo prigioniero dei ladri che si sono dileguati lungo la strada provinciale 108, che collega Terlizzi alle frazioni bitontine di Palombaio e Mariotto.

Da quel momento l'uomo è piombato nella disperazione. «Non smette di piangere un attimo – racconta chi gli è vicino in questo momento – quel cane per lui è come un figlio, è l'unica cosa che gli è rimasta». Per questo in tanti hanno preso a cuore la sua situazione, lanciando un appello ai ladri a contattare il numero 3274650709 per accordarsi su come poter fare riabbracciare all'anziano il suo fido compagno, garantendo a chiunque totale anonimato.

L'auto è stata ritrovata nelle campagne di Bitonto, ma del cane non c'era nessuna traccia. Stando a quanto il ladro ha fatto sapere, scrivendolo con un pennarello sul cofano dell'auto, il meticcio non si sarebbe fatto mettere il guinzaglio e lui avrebbe deciso di lasciare una ciotola con dell'acqua e del cibo per farlo restare vicino alla macchina del suo padrone.

«Scusami per quello che ti ho fatto – ha scritto il ladro sul cofano dell'auto prima di farla ritrovare - non avevo visto il cane, te l'ho fatto recuperare. Te lo lascio lento (libero, n.d.r.) perchè non si faceva mettere il guinzaglio». Purtroppo, all'arrivo dei Carabinieri dopo la telefonata arrivata al proprietario della vettura, dell'animale non c'era già più traccia. Potrebbe essersi allontanato in cerca del suo padrone, oppure perchè impaurito magari da un altro branco che staziona in zona.
Parenti e conoscenti dell'anziano agricoltore sono da ieri alla ricerca del piccolo Chicco che è stato lasciato non lontano da via Cela, nei pressi dell'ex "Villa Lucia".

Il cagnolino potrebbe ora essere dappertutto, anche nella nostra città. Qualora qualcuno lo avvistasse è pregato di contattare il numero di telefono per far sì che possa ricongiungersi al suo padrone.
  • Animali
Altri contenuti a tema
Le associazioni animaliste chiedono lo stato di emergenza randagismo Le associazioni animaliste chiedono lo stato di emergenza randagismo L'iniziativa è del coordinamento interregionale di associazioni animaliste di Puglia, Sicilia e Toscana
Tre giorni per aiutare gli amici a quattro zampe Tre giorni per aiutare gli amici a quattro zampe La manifestazione targata "Amore a Quattro zampe"
1 Una gallina solitaria a spasso per la città Una gallina solitaria a spasso per la città Curioso incontro per le vie cittadine
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.