Fondazione Casillo
Fondazione Casillo
Arti e Professioni

La Fondazione Vincenzo Casillo presenta 'Cacciaguida', il film dedicato al fondatore del Gruppo

Appuntamento sabato 9 marzo nella sede dell’azienda

L'eredità morale dell'uomo e dell'imprenditore. Lo stile sobrio, quasi sommesso, votato alla concretezza. La storia di chi ha preso le redini di un piccolo molino e l'ha portato a essere uno dei più importanti player al mondo nell'acquisto, trasformazione e commercializzazione del grano: il Gruppo Casillo.
È Cacciaguida, il cortometraggio sulla vita di Vincenzo Casillo firmato dal regista Davide Del Mare e prodotto da Lateral Film che, per la prima volta, sarà presentato sabato 9 marzo 2019, alle 17, nella sede del Gruppo, a Corato (via Sant'Elia – zona industriale).

Un'opera voluta dalla Fondazione Vincenzo Casillo per fissare il ricordo dell'imprenditore scomparso nel giugno 2006 e tramandarne i valori. «La semplicità e la fiducia nelle nuove generazioni, innanzitutto. Poi la sensibilità verso l'innovazione, la crescita delle imprese del Mezzogiorno, il rispetto nelle relazioni industriali e commerciali, la lungimiranza: i tratti che hanno caratterizzato la cifra della sua attività a cavallo fra il Novecento e il Terzo Millennio», spiega Cardenia Casillo, impegnata nella fondazione intitolata al padre, costituita nel 2007 insieme con la madre Vanda e i fratelli Francesco, Beniamino e Pasquale.

Cacciaguida, il titolo della pellicola, evoca la figura di Cacciaguida degli Elisei, il trisavolo di Dante Alighieri citato dallo stesso autore nella sua Divina Commedia che, per una serie di circostanze fortuite, diventò il nomignolo di Vincenzo Casillo fin dall'infanzia. Nel cast diretto dal regista milanese si segnala, nel ruolo di Casillo da adulto, Davide Colucci, l'attore di salentino protagonista del videoclip I tuoi particolari del cantautore Niccolò Moriconi, in arte Ultimo (secondo classificato a Sanremo 2019). E poi il barese Nicola Valenzano, interprete, fra gli altri, di film di grande successo come Mio cognato, di Alessandro Piva, e La seconda notte di nozze, di Pupi Avati, che in Cacciaguida è don Ciccio, ovvero il padre di Vincenzo Casillo; Claudia Lerro, reduce dal successo di Basta un paio di baffi, il film andato in onda su Rai1 il 2 gennaio, e Anna Rita Del Piano, l'attrice barese che ha esordito con Giuseppe Tornatore e lavorato, fra gli altri, con Marco Bellocchio, Checco Zalone o Sergio Rubini, e nel cortometraggio è Donna Cardenia.

«Un cast in cui la Puglia è protagonista, come del resto lo sono alcuni scorci suggestivi di Trani, Cerignola e Candela, valorizzati dalla fotografia di Matteo De Martini», commentano dalla dalla fondazione. Immagini che sono valse all'opera il patrocinio di Apulia Film Commission e Puglia Promozione. La colonna sonora, invece, è di Michael Stevens, noto al grande pubblico per aver musicato i film di Clint Eastwood.
Ingresso libero su prenotazione: info@fondazionecasillo.it- 334.5666485

Trailer: https://www.youtube.com/watch?v=xTi-t06DBmo&feature=youtu.be

La Fondazione Vincenzo Casillo
La Fondazione Vincenzo Casillo, ente senza scopo di lucro, intende raccogliere l'eredità morale di Vincenzo Casillo e fare tesoro della sua visione del lavoro e dell'impresa, come strumenti di espressione della persona, di inclusione sociale e di sviluppo del territorio.
È impegnata nella promozione, sostegno e gestione – diretta o indiretta – di attività e iniziative finalizzate a favorire il benessere delle comunità territoriali e il miglioramento delle condizioni di vita delle persone. Per il perseguimento della sua missione, la Fondazione promuove e sostiene, in primo luogo, l'istruzione, l'educazione e lo sviluppo delle competenze dei singoli durante tutto l'arco della vita, attraverso attività educative, iniziative finalizzate a sostenere scuole pubbliche o private, ovvero la nascita e lo sviluppo di imprese profit e no profit, con particolare riferimento all'imprenditoria delle donne e dei giovani e, in genere, di quanti si trovano in situazioni di disagio.
Fra i progetti sostenuti dalla Fondazione, da ultimo, si ricordano Confabulare, progetto annuale che muove i giovani verso la letturanato circa otto anni fa su iniziativa della Libreria Agorà - Bottega delle nuvole, dell'Associazione Calliope e del Teatro Comunale di Ruvo. Poi Vapulì, start-up sorta in collaborazione con la rete Fare sistema oltre l'accoglienza specializzata nella igienizzazione di impianti industriali, immobili e auto, che ha integrato un ivoriano e un barese. Ancora, Buon Campo, un campo virtuale, con tantissimi ettari (aree tematiche) a disposizione dei diversi soggetti (i 'coltivattori') per lavorare, reperire fondi, crescere e raccogliere frutti della propria attività.


Vincenzo Casillo
Nasce il 26 dicembre 1938 a San Severo da una famiglia di origine campana, e trascorre l'infanzia giocando nel cortile del molino di San Severo di papà Francesco, che gli trasmette la passione per il grano che lo accompagnerà tutta la vita. Dal carattere introverso, una volta completati gli studi al liceo scientifico, desidera iscriversi all'università Bocconi. Ma il padre ha altri progetti per lui: gli affida un impianto molitorio acquistato a Corato, nel Barese.
Gentile e affabile con tutti, non ama apparire ma soprattutto fare. Partendo da quel piccolo molino, fiuta l'evoluzione del comparto, intuisce che gli impianti devono essere modernizzati e i mercati allargati, così, in una cittadina agricola come Corato, contribuisce alla crescita economica che farà del Nord Barese una delle zone artigianali e industriali più fiorenti della Puglia.
Vincenzo il grano lo tocca, vuole proprio sentirlo, lo annusa, lo guarda, lo pesa tra le mani e masticando qualche chicco valuta tutte le caratteristiche senza l'ausilio di un laboratorio. Ha una sola parola e un grande equilibrio nel fare le cose, un grande intuito, il lavoro e l'impegno come punti cardinali del suo fare impresa.
Il giovane amministratore dimostra così le sue capacità imprenditoriali, mettendo al centro della propria azione la soddisfazione del cliente e la qualità del servizio. Ben presto lo stabilimento si amplia, con i silos in cemento armato, tra i primi edificati nel Mezzogiorno, e la movimentazione meccanica delle materie prime allo stato sfuso, che soppianta quella in sacchi.
Da qui il piccolo impianto molitorio delle origini si trasforma in un complesso e diversificato gruppo industriale. Con l'ingresso, a partire dagli anni Novanta, dei figli Francesco, Beniamino, Pasquale e Cardenia,interpreti di un'ulteriore accelerazione nello sviluppo aziendale. Oggi il Gruppo movimenta oltre sei milioni di tonnellate di grano all'anno, ed è fra i leader internazionali del settore.
  • Fondazione Vincenzo Casillo
Altri contenuti a tema
Alla scoperta del patrimonio industriale pugliese con la Fondazione Casillo Alla scoperta del patrimonio industriale pugliese con la Fondazione Casillo Questo pomeriggio una conferenza per presentare il ricco patrimonio pugliese
In camper da Bari a Corato per parlare di sindrome di Down In camper da Bari a Corato per parlare di sindrome di Down Il Downtour è una iniziativa dell’Aipd Nazionale per celebrare i 40 anni dalla sua costituzione
Vincenzo Casillo, il "Cacciaguida" che realizzò il sogno del grano Vincenzo Casillo, il "Cacciaguida" che realizzò il sogno del grano Presentato ufficialmente il cortometraggio che ricorda la figura dell'imprenditore coratino
Film su Vincenzo Casillo, sold out in poche ore Film su Vincenzo Casillo, sold out in poche ore «Un successo oltre ogni aspettativa»
Anche la Fondazione Casillo è "Eccellenza di Puglia 2019" Anche la Fondazione Casillo è "Eccellenza di Puglia 2019" Tra i premiati anche Tommaso Loiodice
L’AMU e la Fondazione Vincenzo Casillo con la società VITACOM vicine alle imprese colpite dal sisma L’AMU e la Fondazione Vincenzo Casillo con la società VITACOM vicine alle imprese colpite dal sisma I giovani imprenditori di Arquata ripartono insieme
L’AMU e la Fondazione Vincenzo Casillo a sostegno delle imprese di Arquata del Tronto L’AMU e la Fondazione Vincenzo Casillo a sostegno delle imprese di Arquata del Tronto Parte il progetto denominato "Vibra la speranza, ma non trema il futuro"
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.