Palo illuminazione in Piazza Abbazia
Palo illuminazione in Piazza Abbazia
Vita di Città

Problemi in piazza Abbazia, il sindaco chiama la Prefettura

De Benedittis: «Solidarietà al presidente della Pro Loco»

L'aggressione subita questa mattina dal presidente della Pro Loco Gerardo Strippoli mentre, con altri soci, stava provvedendo all'allestimento della scenografia de "Il Pendio", ha raccolto lo sdegno di tanti cittadini che hanno stigmatizzato l'accaduto.

Anche il sindaco, avvertito dell'accaduto, ha espresso parole di biasimo ed ha provveduto ad interpellare la Prefettura al fine di convocare un tavolo per il coordinamento delle forze di sicurezza.

«L'aggressione subito dai volontari della Pro Loco mi lascia basito e rammaricato. Sono vicino all'associazione che ringrazio per l'importante attività culturale che svolge nella nostra città. La situazione del Centro antico deve essere monitorata con più attenzione e per questo ho interpellato la Prefettura affinché si possa coordinare un tavolo per la sicurezza» ha affermato il primo cittadino.

Anche il consigliere comunale di opposizione Corrado De Benedittis è intervenuto sull'argomento.

«Piena solidarietà alla Proloco Quadratum e al presidente Gerardo Strippoli per l'inaccettabile aggressione subita in largo Abbazia durante l'allestimento dell'importante mostra de Il Pendio. Da tempo e a più riprese siamo intervenuti sulla precaria situazione della sicurezza in città. Con urgenza occorre garantire un maggiore presidio del territorio da parte delle Forze dell'Ordine insieme a una forte e decisa politica di rigenerazione sociale, capace di intervenire sulle crescenti fasce di marginalità e disagio presenti in città» ha scritto in una nota DE Benedittis.
  • Piazza Abbazia
Altri contenuti a tema
2 Imbrattate le panchine di Piazza Abbazia Imbrattate le panchine di Piazza Abbazia Il sindaco: «imbecillità e scarso rispetto per i nostri beni»
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.