books
books
Scuola e Lavoro

Quarantamila laureati in dieci anni via dalla Puglia, è fuga di cervelli

In Puglia la quota più bassa di laureati

Elezioni Amministrative 2020
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
Elezioni Regionali 2020
Si registra in Puglia la quota più bassa tra le regioni italiane di laureati: è uno dei dati che emerge da 'L'economia della Puglia', il documento redatto dalla sede di Bari della Banca d'Italia e presentato ai giornalisti. La quota di laureati in Puglia è infatti con il 10,1%, la più bassa tra le regioni e ad incidere ci sono 40mila laureati emigrati fuori regione nel decennio 2006-2016.

La notizia è ripresa dal quotidiano online andriese AndriaViva.it

La perdita di capitale umano - è spiegato nel documento - è ascrivibile soprattutto ai movimenti verso i sistemi locali del lavoro urbani del Centro Nord, ma nel periodo considerato è aumentato anche il peso dei trasferimenti all'estero. Le emigrazioni interessano soprattutto i laureati con caratteristiche più favorevoli all'inserimento lavorativo e si realizzano in parte nella fase di scelta dell'università proseguendo nel periodo successivo. Sempre in tema di capitale umano, in Puglia risulta poi uno scarso utilizzo di personale qualificato, tanto che tra il 2012 ed il 2016 le assunzioni programmate di personale laureato hanno rappresentato il 12,4% (sotto la media nazionale con un dato inferiore del 3,3%). "L'emigrazione - secondo il responsabile della divisione analisi e ricerca, Maurizio Lozzi - sta impoverendo la Puglia da vari punti di vista, anche con un costo diretto, di mancato reddito di queste risorse che vanno fuori regione. La perdita si può stimare in 3 punti di pil regionale".

Il documento di Bankitalia fa luce anche sull'occupazione, che in Puglia è rimasta stabile. "Sono diminuiti i lavoratori autonomi ed è leggermente aumentata la componente dei lavoratori dipendenti. Tuttavia l'aumento - ha aggiunto Lozzi - si è concentrato nel 2017 sui contratti a termine, mentre è rimasto stabile l'indeterminato. La media della disoccupazione pugliese, pur restando su livelli superiori rispetto alla media nazionale con un dato strutturale del 18,8%, diminuisce. Un calo - ha concluso Lozzi - che non è purtroppo legato ad una maggiore occupazione, ma ad una minore partecipazione al mercato del lavoro, con più gente inattiva". Il documento 'L'economia della Puglia' sarà pubblicamente presentato oggi nell'aula magna del Politecnico di Bari.
  • Lavoro
Altri contenuti a tema
Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori Un fondo da 420mila euro a sostegno della genitorialità dei lavoratori L’intervento rivolto ai lavoratori di aziende aderenti a Ebiter costretti a sospendere l’attività a causa del Covid-19
Gli amministratori di condominio: «Stop alle assemblee, impossibile garantire rischio zero di contagio» Gli amministratori di condominio: «Stop alle assemblee, impossibile garantire rischio zero di contagio» Sospese le riunioni sino a data da destinarsi
Cassa integrazione in deroga, Leo: «Arrivate 35mila domande» Cassa integrazione in deroga, Leo: «Arrivate 35mila domande» Si viaggia ad una velocità di 900 pratiche al giorno evase
Welfare aziendale nelle PMI, dalla Regione due avvisi per 16milioni di euro Welfare aziendale nelle PMI, dalla Regione due avvisi per 16milioni di euro Fondi per favorire una riorganizzazione del lavoro orientato al benessere del lavoratore e della famiglia
Le banche anticiperanno la cassa integrazione: raggiunto l'accorto con Regione e parti sociali Le banche anticiperanno la cassa integrazione: raggiunto l'accorto con Regione e parti sociali Le somme ai lavoratori saranno anticipate a costo zero
Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Accordo Regione Parti sociali. Coperti con Cassa integrazione in deroga tutti i lavoratori dipendenti Ammessi anche i lavoratori a tempo determinato
Morire di lavoro. Ne vale la pena? Morire di lavoro. Ne vale la pena? A cura dell'esperto Mario Celestino ("Il Lavoro Sicuro")
Lavoro in Puglia tra precariato, salari bassi e donne penalizzate Lavoro in Puglia tra precariato, salari bassi e donne penalizzate L’analisi della Cgil regionale del Rapporto Bes 2019 dell’Istat
© 2016-2020 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.