Primarie Centrosinistra
Primarie Centrosinistra
Politica

Regionali, tre sfidanti alle primarie per Michele Emiliano

Amati, Palmisano e Gentile a primarie con il governatore uscente

Sono tre gli sfidanti del governatore uscente Michele Emiliano alle primarie per l'individuazione del candidato presidente della Regione per il centrosinistra.

Nella serata di ieri sono state consegnate le firme dei sostenitori, sancendo definitivamente i nominativi di coloro che si contenderanno la candidatura a governatore.

Il consigliere regionale Fabiano Amati ha consegnato oltre 21mila firme mentre la cerignolana Elena Gentile, europarlamentare, ha raccolto 8500 firme.

Resta ancora sub iudice la posizione di Leonardo Palmisano, che si avvia a essere il quarto contendente: il sociologo e scrittore ieri ha consegnato con ritardo le oltre 5mila firme raccolte, rimanendo formalmente fuori dalla competizione.

Lo stesso Palmisano ha presentato ricorso al collegio di garanzia interno alla competizione, che va verso una sua riammissione alla consultazione primaria. «Ci siamo, e ci saremo. Da oggi parte una bella campagna per le primarie pugliesi del centrosinistra - scrive Palmisano, annunciando di fatto la sua riammissione anche formale. Saremo tante e tanti. E da domani inizieremo ad organizzarci per mettere a frutto il lavoro fatto. Continuiamo a ricevere sottoscrizioni, siamo oltre i 10mila sostenitori. Un bel risultato. Un ottimo inizio».

Le primarie si svolgeranno la seconda domenica di gennaio 2020 e vedranno dunque contendersi la candidatura i due esponenti del Partito Democratico Elena Gentile e Fabiano Amati e il governatore uscente Michele Emiliano.

«Questa è la coalizione della Puglia, l'unica coalizione che non ha sede legale a Milano come la Lega o il M5S - commenta Emiliano a margine della manifestazione Puglia next 2025. L'unica coalizione che risponde al telefono, che conosce il territorio, che tiene insieme le liste civiche, i partiti ma anche tanta gente che fa politica solo perché vuole migliorare le cose. In Puglia abbiamo costruito questo modello in tanti anni, un modello che non è definibile solo con la parola centrosinistra ma va ben oltre. Rappresenta un unicum in Italia. Qualche volta facciamo arrabbiare i governi, qualche volta facciamo arrabbiare i partiti o quelli che vogliono gettare in mare la povera gente, ma la Puglia è terra di accoglienza, siamo un fenomeno difficile da definire che oggi si riunisce per iniziare la campagna elettorale. Volevo a tutti i costi queste primarie perché la legittimazione a candidarsi deve venire dal popolo, dalle persone, i partiti non hanno più questa capacità. I miei avversari alle scorse Regionali sono stati definiti chissà in quale segreteria romana, probabilmente adesso anche la destra estremista definirà il candidato chissà in quale posto, lo stesso farà il M5S. Noi ci teniamo ad avere questa connotazione che passa da un gesto democratico e popolare rappresentato dalle primarie. Adesso l'importante è che la coalizione sia completamente riunita, qui c'è schierata la Puglia».

«Bisogna appellarsi alle forze autentiche del centrosinistra, senza trasversalismi e trasformismi, che riproponga la Puglia come regione locomotiva del Mezzogiorno - dice Gentile. Sotto l'aspetto del welfare, non c'è bisogno di assistenzialismo, reddito d'inclusione o reddito di cittadinanza, ma di nuove politiche inclusive attraverso un'idea differente di formazione e di politiche attive del lavoro. Chiediamo all'Europa di guardare al dramma dell'Ilva, la più grande acciaieria d'Europa, che deve essere messa in sicurezza ma anche valorizzata. Nel tempo dei dazi dobbiamo proporre all'Europa un sistema di protezione, che guardi all'acciaio in termini di sostenibilità; non possiamo essere competitivi se non chiediamo all'Europa di garantire la nostra più grande industria. Dobbiamo costruire legami forti con le altre regioni del Mezzogiorno, non basta avere quattro o cinque ministri del sud per dare importanza a un grande tema: l'Italia non riparte se non riparte il Mezzogiorno. La Puglia ha storia, cultura e visione per rilanciare i mezzogiorni d'Italia e d'Europa, e parlare a tutto il Mediterraneo».

«Questa massiccia sottoscrizione della mia candidatura (oltre 21mila firme raccolte) - dice Amati - significa che c'è voglia di cambiare registro rispetto alle cose accadute. Si chiede di portare avanti le battaglie di questi anni: liste d'attesa, xylella, rifiuti in strada, il bisogno di estendere i servizi di erogazione dell'acqua e fognari anche al di fuori dei perimetri del servizio idrico integrato. Si riparte da un'attività bellissima: andrò in ogni comune, incontrerò tante persone, stringerò tante mani. La politica è bella ma la vita viene prima, e in queste occasioni si creano rapporti che diventano veri e propri patrimoni. Vita e soluzioni da proporre sono la grande bellezza».
MICHELE EMILIANO
  • Elezioni regionali 2020
Altri contenuti a tema
Regionali, chi sarà il candidato presidente per il centrodestra? Regionali, chi sarà il candidato presidente per il centrodestra? Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia si contendono la leadership
Regionali, nel centrosinistra saranno primarie Regionali, nel centrosinistra saranno primarie Sinora sono tre i possibili candidati
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.