carabinieri
carabinieri
Ambiente

Scoperta base per il riciclaggio di auto rubate nel nord barese, due arresti

Scoperti mentre erano indaffarati a “cannibalizzare” un suv. VIDEO

Lavoravano indisturbati, intenti a sezionare un suv sportivo, all'interno di una cava, ben protetti dalla presenza del proprietario e dalla guardiania che ne controllava l'ingresso. Era l'ora di pranzo e mai si sarebbero aspettati l'irruzione, improvvisa dei Carabinieri di Andria che, cogliendoli in flagranza di reato, sono riusciti a bloccare e ad arrestare un pregiudicato 64enne e un 43 enne, entrambi del luogo.

I militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Andria e della locale Stazione, avuto accesso nella cava, ben presto, si sono resi conto, fra il fuggi fuggi generale, che erano entrati in una vera e propria base adibita al sezionamento di auto oggetto di furto, i cui "pezzi" erano destinati alla successiva commercializzazione illegale. Al momento della cattura, i due, assieme ad altri complici, datisi alla fuga, erano indaffarati a "cannibalizzare" gli interni dell'abitacolo di una suv sportiva alla quale avevano già tolto gli sportelli che erano stati caricati su un furgone, anch'esso oggetto di furto. Inutile il tentativo di fuga, almeno per entrambi. Portati in Caserma, i topi d'auto venivano tratti in arresto con l'accusa di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio e alla ricettazione in concorso e posti in regime degli arresti domiciliari, a disposizione della Procura di Trani.
Nel corso dell'operazione, venivano rinvenuti i resti di un'altra autovettura sportiva, già cannibalizzata, tre furgoni, un autoarticolato con a bordo una gru, tutti oggetto di furti avvenuti nei giorni precedenti, rispettivamente ad Altamura, Gravina di Puglia, Barletta, Molfetta e Matera. Sono in corso indagini per l'identificazione dei complici riusciti a dileguarsi. L'operazione, in pieno sviluppo, ha così interrotto, per il momento, l'illecita attività di un'organizzazione dedita ai furti ed al riciclaggio di auto nel territorio.
  • Carabinieri
Altri contenuti a tema
Il Generale La Gala sfida la camorra: «Aggrediremo il patrimonio dei clan» Il Generale La Gala sfida la camorra: «Aggrediremo il patrimonio dei clan» Il militare coratino comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli
Presa la banda dei furti in appartamento, colpivano in tutta la provincia Presa la banda dei furti in appartamento, colpivano in tutta la provincia Quattro georgiani in manette. Le indagini partono dal nord barese
Rocambolesco tentativo di evasione dai domiciliari di un 23enne coratino Rocambolesco tentativo di evasione dai domiciliari di un 23enne coratino Il giovane, rintracciato al pronto soccorso dell'ospedale, ha aggredito i Carabinieri dandosi alla fuga. Riacciuffato, si è scagliato contro altri due militari ma è stato infine bloccato
Ritrovato a Bitonto l'individuo allontanatosi dall'ospedale di Bisceglie Ritrovato a Bitonto l'individuo allontanatosi dall'ospedale di Bisceglie Ricoverato agli infettivi del "Vittorio Emanuele II" per sospetta tubercolosi polmonare, aveva fatto perdere le sue tracce
Smontavano auto rubata, nei guai due fratelli di Corato Smontavano auto rubata, nei guai due fratelli di Corato Con loro un terzo complice
Il comandante Sergio Tedeschi si congeda dall'Arma Il comandante Sergio Tedeschi si congeda dall'Arma 45 anni al servizio dello Stato
Festa dell'Arma, encomio per il carabiniere coratino Alfredo Bellanza Festa dell'Arma, encomio per il carabiniere coratino Alfredo Bellanza È il comandante della Stazione di Minervino Murge
Rapinò un bar con mazza e coltelli, 19enne finisce in comunità Rapinò un bar con mazza e coltelli, 19enne finisce in comunità Il giovane è stato rintracciato dai Carabinieri di Mesagne
© 2016-2019 CoratoViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
CoratoViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.